Volare a Pechino è più difficile che mai mentre la Cina intensifica le sue misure di zero Covid

I voli da Tokyo a Pechino erano impossibili questa settimana. Il volo disponibile più vicino era per Kunming, nella provincia meridionale dello Yunnan, a circa 2.600 chilometri di distanza. Trascorrerò 21 giorni in quarantena lì, e anche allora non vi è alcuna garanzia che mi sarà permesso di entrare nella capitale cinese.

Da metà dicembre, il numero medio giornaliero di casi a due cifre in Cina ha raggiunto oltre 20.000. Almeno 27 città del Paese sono completamente o parzialmente bloccate, colpendo circa 180 milioni di persone, secondo le stime della CNN.

Alcune delle misure più dure sono in atto nel potere finanziario del paese, a Shanghai, dove molti dei suoi 25 milioni di residenti sono stati rinchiusi nelle loro case per più di un mese, suscitando indignazione per la severa internet della polizia cinese.

La censura del governo sta lottando per contenere la rabbia, la mancanza di cibo, la mancanza di accesso alle cure mediche e, per coloro che risultano positivi, le cattive condizioni nei campi di quarantena temporanei. Le proteste sono scoppiate, uno spettacolo raro nella Cina autoritaria, con i residenti che si sono scontrati con la polizia.

Il numero di casi a Pechino rimane basso rispetto a Shanghai. Venerdì sono stati registrati 34 nuovi casi nella capitale, portando il numero totale di casi a 228 durante questo focolaio.

Ma la Cina non sta correndo rischi mentre cerca di fermare la diffusione del virus all’interno del suo centro politico.

Viaggio in Cina

Il mio viaggio in Cina questa settimana è stato ancora più difficile di quando sono andato a Pechino a febbraio per le Olimpiadi invernali, che si sono svolte contro il Covid più duro del mondo. Funzionari, media e atleti si sono poi separati dalla società cinese attraverso un’ampia rete di barriere fisiche, periodi di quarantena e regolari test Covid.

Ora, per entrare in Cina, ho dovuto fare tre test PCR negativi da cliniche approvate dal governo sette giorni prima della partenza, poi due entro 48 ore dalla partenza.

Tutti gli assistenti di volo sull’aereo indossavano abiti pesanti, così come il personale dell’aeroporto di Kunming. Immediatamente dopo l’atterraggio, a tutti i miei assistenti di volo è stato chiesto di prelevare uno dei tamponi nasali di Covid.

La maggior parte dei passeggeri del mio volo sembra avere passaporti cinesi.

Tre ragioni per cui il blocco di Shanghai è importante per l'economia mondiale

Gli stranieri possono entrare solo in circostanze molto limitate, և È estremamente difficile per i giornalisti americani ottenere un visto per la Cina a causa del deterioramento delle relazioni USA-Cina. I due paesi hanno concordato di allentare le restrizioni sui visti per altri giornalisti dopo che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha incontrato il leader cinese Xi Jinping nel novembre dello scorso anno. Mi è stato concesso un visto all’inizio di quest’anno dopo diversi round di interviste.

Tuttavia, quando ho consegnato il mio passaporto americano, l’ufficiale dell’immigrazione ha sfogliato le pagine per alcuni minuti, quindi ha chiamato un gruppo di dipendenti con la scritta “polizia” sui loro abiti. Sembrava che fossi l’unico ad allontanarsi dal volo.

Mi hanno portato in una stanza privata per un interrogatorio, dopo un lungo interrogatorio di polizia sulla mia vita և professionale և personale, e mi hanno permesso di continuare la mia immigrazione: la dogana.

Dopo aver autorizzato l’immigrazione, ho parlato con un uomo in piedi accanto a me mentre aspettavamo un autobus per salire a bordo di un hotel di quarantena. È di Shanghai ma ha vissuto in Giappone negli ultimi 30 anni. Non era tornato in Cina dallo scoppio dell’epidemia, ma alla fine ha deciso che valeva la pena fare una quarantena di 21 giorni per entrare nel Paese a far visita alla sua anziana madre a Shanghai. La città è ora bloccata settimanalmente dal Covid, quindi la sua unica opzione era volare a Yuna per “aspettare che la situazione migliorasse”.

La Commissione sanitaria nazionale cinese ha dichiarato venerdì che la “politica zero Covid-19” aveva mostrato risultati preliminari a Shanghai e che la situazione in tutto il paese era in declino.

Un paramedico in tuta protettiva preleva un campione di tampone da un residente di Shanghai il 26 aprile 2022.

21 giorni in quarantena in hotel

Non c’era spazio vuoto sull’autobus e i nostri bagagli erano ammucchiati nei corridoi. Dal finestrino dell’autobus stavo osservando la città di Kunming, con una popolazione di 6,6 milioni di abitanti, che passava di notte. Luci luminose illuminavano edifici e autostrade.

Dopo aver guidato per due o tre ore, abbiamo raggiunto il nostro luogo di quarantena. L’hotel termale è stato messo in quarantena. Lavoratori in molti abiti mi hanno accompagnato nella mia stanza.

La mattina dopo mi sono reso conto che la mia camera si affacciava sulla magnifica vista di Kunming. Kunming è la capitale della provincia dello Yunnan, una popolare destinazione turistica con i suoi splendidi paesaggi e le regioni produttrici di tè.

C’è un balcone, ma non posso uscire. Ma sono grato per la vista, և cosa più importante, per la capacità di aprire la finestra per l’aria fresca, in alcune strutture di quarantena che sono chiuse.

Non posso aprire la mia porta tranne che per i controlli sanitari վերց prendendo cibo. Faccio due test di temperatura al giorno և test Covid regolari, a volte due volte al giorno.

Non è consentita la consegna del cibo, ma la colazione, il pranzo և la cena sono inclusi nelle tasse di quarantena, che variano a seconda dell’hotel in cui ti trasferirai. non c’è alternativa per andare.

Il cibo arriva in contenitori di plastica, che vengono posti sulla sedia esterna tre volte al giorno. solitamente riso, zuppa և fritto misto di carne և verdure. Riempio i miei pasti con snack che ho portato da Tokyo dopo aver sentito parlare di cibo di scarsa qualità negli hotel in quarantena. Fortunatamente, non mi dispiace il mio cibo.

Non c’è frigorifero, forno a microonde o servizio di lavanderia nella mia camera. Un solo asciugamano viene distribuito durante tutti i 21 giorni. Ho assemblato il mio tappetino da yoga, la corda per saltare e i pesi per l’esercizio. Nonostante il caldo, che è di circa 85 gradi Fahrenheit (30 gradi Celsius), l’hotel non accenderà il condizionatore d’aria a causa delle preoccupazioni per la diffusione del Covid.

Supponendo che continui il test negativo, potrei non raggiungere ancora Pechino. Se la capitale è completamente bloccata, è molto probabile che tutti i voli vengano cancellati.

Selina Wang sta trasmettendo da un hotel nella città cinese di Kunming, dove deve essere messa in quarantena per 21 giorni.

Anche prima di quest’ultimo focolaio, coloro che arrivavano in parti della Cina considerate “ad alto rischio” dovevano trascorrere 14 giorni nella quarantena del governo di Pechino. Fortunatamente, Yunnan non è uno di loro al momento. I viaggiatori in entrata da destinazioni a basso rischio dovrebbero trascorrere almeno sette giorni a monitorare la propria salute in case chiuse.

Le autorità cinesi hanno raddoppiato la politica di Covid Zero, affermando che ha consentito al Paese di evitare esplosioni mortali in altre parti del mondo e di guadagnare tempo per vaccinare gruppi vulnerabili come anziani e bambini.

“Se perdiamo i mezzi per combattere il Covid, un gran numero di persone verrà infettato da molte malattie e decessi critici, causando la stragrande maggioranza del sistema medico”, ha affermato venerdì Lee Bean, vicedirettore del National Health Committee.

Ma i critici dicono che la politica riguarda più la politica che la scienza.

Il presidente Xi ha messo il suo marchio personale su “zero Covid”, i funzionari usano spesso bassi tassi di mortalità per affermare che il sistema cinese supera quello occidentale, dove le restrizioni si sono allentate per riflettere l’aumento dei tassi di vaccinazione.

Ma in Cina non ci sono segnali di cambiamento, la gente si sta stancando.

Nel terzo anno di epidemia, la Cina si rifiuta ancora di convivere con il Covid. Nessun caso è tollerato, indipendentemente dai costi.

Leave a Comment

Your email address will not be published.