Vladimir Putin si è scusato con Israele per i commenti di Hitler sulla Russia quando Zelensky ha criticato la retorica nazista.

Quando si carica un’azione articolo ciuccio

Giovedì, il presidente russo Vladimir Putin si è scusato raramente con Israele per le recenti osservazioni antisemite del ministro degli Esteri russo Vladimir Putin che collegavano il leader nazista Adolf Hitler al giudaismo, secondo il primo ministro israeliano.

Le scuse sono arrivate dopo che il presidente ucraino Vladimir Zelensky ha accusato la Russia di usare la propaganda nazista e teppisti antisemiti per giustificare l’invasione, poiché i leader russi hanno ripetutamente paragonato Zelensky a Hitler.

Durante una conversazione telefonica tra Putin e il primo ministro israeliano Naftali Bennett, il presidente russo si è scusato per le parole del ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, che ha recentemente negato la fede ebraica di Zelensky, sostenendo che “anche Hitler aveva sangue ebreo”, che è un anti- Affermazione semitica.

“Il primo ministro ha accettato le scuse del presidente Putin per le parole di Lavrov, ringraziando il popolo ebraico per aver chiarito l’atteggiamento del presidente nei confronti dell’Olocausto”, ha affermato l’ufficio di Bennett in una nota.

Il Cremlino non ha incluso il messaggio di scuse nella lettura russa alla vigilia del Giorno della Vittoria il 9 maggio, ma ha fatto riferimento all’Olocausto.

“Vladimir Putin e Naftali Bennett hanno sottolineato il significato speciale di questa giornata per i popoli dei due Paesi, che conservano con cura la verità storica sugli eventi di quegli anni, rispettano la memoria di tutte le vittime, comprese le vittime dell’Olocausto. Il Cremlino.

In un’intervista con Fox News mercoledì, a Zelensky è stato chiesto delle false affermazioni della Russia secondo cui l’invasione dell’Ucraina era una campagna pan-nazista. Zelensky ha detto che Lavrov ha usato le tattiche usate dal ministro della propaganda nazista Josef Goebbels durante la seconda guerra mondiale.

Verifica dei fatti. Le radici degli zombi affermano che Hitler avesse “sangue ebreo”

“Queste sono manifestazioni di sciovinismo e nazionalismo”, ha detto Zelensky al giornalista della Fox Griff Jenkins. “Seguono lo stesso concetto di Goebbels, usano la stessa metodologia, penso che la risposta alle affermazioni di Lavrov sia quella di indebolire il mondo”.

Funzionari israeliani hanno espresso indignazione questa settimana, chiedendo scuse al governo russo per aver affermato che Hitler, il leader del Terzo Reich nazista e l’autore dell’Olocausto, è di origine ebraica.

La battuta d’arresto arriva in un momento in cui la Russia sta intensificando gli attacchi alle infrastrutture, il che potrebbe essere importante per gli sforzi dell’Ucraina per ricostituire le sue forze in mezzo agli attacchi a est. La situazione all’acciaieria di Mariupol è “critica” poiché gli ultimi caccia ucraini devono affrontare un “attacco costante” da parte delle forze russe nella città portuale devastata, nonostante le promesse di un cessate il fuoco di Mosca, secondo il capo della polizia dell’Azovstal Iron. Acciaierie. Giovedì, il consigliere di Zelensky ha insistito sul fatto che i combattimenti attivi erano ancora in corso, che le truppe russe che erano entrate nella fabbrica il giorno prima erano state “respinte dai nostri difensori”.

La situazione dell’acciaieria Mariupol è “critica”. La Bielorussia dice che gli esercizi non sono pericolosi

La presunta minaccia del nazismo in Ucraina è una delle affermazioni più sfacciate e infondate del Cremlino dall’inizio dell’invasione. Quando Putin ha lanciato una “operazione militare speciale” a febbraio, ha affermato che l’Ucraina era dominata dai neonazisti.

La retorica minacciosa si è diffusa in Russia negli ultimi due mesi quando i sostenitori del Cremlino “hanno accettato i media statali” e hanno diffuso le affermazioni di Putin. In una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite il mese scorso, l’ambasciatore russo alle Nazioni Unite, Vasily Nebenzyan, ha affermato che i “nazisti” ucraini erano responsabili di crimini di guerra.

La retorica malvagia si sta diffondendo in Russia come fondatore delle sue forze in Ucraina

Quella retorica è stata usata da Lavrov, recentemente apparso sui titoli dei giornali, avvertendo che la minaccia di un conflitto nucleare “non dovrebbe essere sottovalutata”. In un’intervista alla televisione italiana lo scorso fine settimana, Lavrov ha insistito per “denizzare” le richieste, tenendo conto dell’identità ebraica di Zelensky. Invece di rispondere, il ministro degli Esteri russo ha negato la domanda.

“Quindi cosa accadrà se Zelensky è un ebreo”, ha detto Lavrov, secondo una traduzione russa delle sue parole. “Il fatto non nega gli elementi nazisti in Ucraina. “Credo che Hitler avesse sangue ebreo”.

Ha aggiunto. “Alcuni dei peggiori antisemiti sono ebrei”.

Israele vuole scusarsi dopo che il russo Lavrov ha paragonato Zelensky a Hitler

I commenti di Lavrov sono stati immediatamente condannati dai leader israeliani, incluso Bennett, che li ha definiti “irrealistici”.

“Lo scopo di tali bugie è accusare gli ebrei dei crimini più efferati della storia commessi contro di loro, assolvendo così i nemici di Israele dalle responsabilità”, ha affermato Bennett in una nota. “L’uso del popolo ebraico da parte dell’Olocausto come strumento politico deve essere fermato immediatamente”.

Tuttavia, la Russia continua a fare paragoni nazisti infondati. Mercoledì l’ambasciata russa in Gran Bretagna nei tweet Un video che collega falsamente l’Ucraina alla Germania nazista con gli hashtag #NoToNazism և #StopNaziUkraine.

“Chi sostieni?” L’ambasciata ha scritto in tweet.

Zelensky ha detto a Fox News che i leader mondiali che ogni anno dicono “mai più” in occasione della Giornata mondiale dell’Olocausto dovrebbero parlare di più delle accuse oltraggiose e infondate della Russia.

Il presidente ucraino ha anche affermato di aver espresso la sua preoccupazione all’Onu, il Comitato internazionale della Croce Rossa, “che la Russia voglia distruggere tutti coloro che sono ancora nell’acciaieria Azovstal”. Al termine dell’intervista, Zelensky ha ribadito la sua richiesta al presidente Biden di visitare l’Ucraina. Il Segretario di Stato Anthony Blinken, il Segretario alla Difesa Lloyd Austin e la Speaker Nancy Pelosi (California) hanno recentemente visitato l’Ucraina, ma la Casa Bianca ha detto che Biden non ci sarebbe andato.

Zelensky ha detto a Fox che sperava che Biden avrebbe riconsiderato.

“Penso che sia molto importante, perché, sai, nella nostra coscienza, nella nostra società, il presidente Biden è il presidente della più grande civiltà democratica per gli ucraini”, ha detto Zelensky.

Robin Dixon ha contribuito a questo rapporto.

Leave a Comment

Your email address will not be published.