Un uomo di Sydney ha confessato che nel 1988 ha spinto un gay americano da un precipizio.

Steve Johnson e le sue sorelle Terry, a sinistra, la moglie di Rebecca Rosemary, la seconda da destra, arrivano lunedì alla Corte Suprema di Sydney per condannare Scott Johnson per aver ucciso Steve Terry e il fratello di Rebecca.

Rick Rycroft / AP


nascondi titolo

abilita titolo:

Rick Rycroft / AP


Steve Johnson e le sue sorelle Terry, a sinistra, la moglie di Rebecca Rosemary, la seconda da destra, arrivano lunedì alla Corte Suprema di Sydney per condannare Scott Johnson per aver ucciso Steve Terry e il fratello di Rebecca.

Rick Rycroft / AP

CANBERRA, Australia – Un uomo ha detto alla polizia di aver ucciso il matematico americano Scott Johnson nel 1988 spingendo un uomo di 27 anni giù da una scogliera di Sydney, che i pubblici ministeri descrivono come un crimine d’odio, un tribunale sentito lunedì.

Scott White, 51 anni, è comparso alla Corte Suprema del New South Wales dopo essersi dichiarato colpevole a gennaio di aver ucciso un uomo di Canberra nato a Los Angeles la cui morte era stata originariamente negata alla base del North Head. polizia come suicidio.

Il verdetto di White sarà emesso dal giudice Helen Wilson martedì. Rischia l’ergastolo.

“Ho spinto un ragazzo. “È andato oltre il limite”, ha detto White in un’intervista alla polizia del 2020 che si è svolta in tribunale.

In un’intervista, White ha detto di aver mentito quando in precedenza aveva detto alla polizia di aver cercato di catturare Johnson per prevenire la sua caduta fatale.

Nel 2017, un patologo forense ha stabilito che Johnson “è caduto dalla cima di una scogliera con violenza reale o minacciosa da parte di individui sconosciuti che lo hanno attaccato perché lo percepivano come gay”.

Il pubblico ministero ha anche scoperto che la banda di uomini aveva viaggiato per Sydney in cerca di uomini gay da attaccare, uccidendo alcune delle vittime. Alcune persone sono state anche derubate.

Il pubblico ministero ha stabilito nel 1989 che un uomo apertamente gay si era suicidato, mentre nel 2012 un secondo pubblico ministero non poteva spiegare come fosse morto.

Suo fratello di Boston, Steve Johnson, ha spinto per ulteriori indagini, offrendo la propria ricompensa fino a A $ 1 milione ($ 704.000) per informazioni. White è stato accusato nel 2020, con la polizia che ha affermato che è probabile che la ricompensa venga raccolta.

L’ex moglie di White, Helen White, ha detto alla corte che il suo allora marito “si vantava” di aver picchiato gli omosessuali davanti ai loro figli, noto per uscire con i gay.

Helen White ha detto di aver letto il rapporto di giornale sulla morte di Johnson nel 2008 e di aver chiesto a suo marito se fosse responsabile.

“Non è colpa mia”, avrebbe risposto Scott White. “Lo sciocco (l’incredibile) è scappato dalla roccia.”

“Le ho detto se l’avresti inseguita”, ha detto Helen White alla corte. Ha detto che suo marito non ha risposto.

Durante un interrogatorio, Helen White ha negato di essere a conoscenza della ricompensa di 1,1 milioni per le informazioni che hanno portato all’omicidio di Johnson quando ha denunciato il suo ex marito alla polizia nel 2019. Ha detto di aver appreso del premio solo quando è arrivato il fratello della vittima, Steve Johnson. , ha raddoppiato l’importo nel 2020

In una dichiarazione alla sua vittima, Steve Johnson ha detto: “Il signor White ha preso Scott con una spinta feroce; è scomparso”.

“Quest’uomo (Scott Johnson) che una volta mi ha detto che non avrebbe mai potuto fare del male a nessuno, anche per legittima difesa, è morto di orrore”, ha aggiunto.

Steve Johnson ha detto di apprezzare la colpa di White.

“Se si fosse arreso dopo il suo atto violento, mi sarei sentito un po’ più compassionevole. “Se avesse tenuto la mano di Scott e si fosse assicurato un posto, gli avrei dato eterna gratitudine”, ha detto il fratello, la voce attutita dall’emozione. .

Anche le sorelle di Scott Johnson, Terry և Rebecca Johnson, il suo partner Michael Noon և La moglie di Steve Johnson, Rosemary Johnson, hanno rilasciato dichiarazioni sulle vittime.

Rosemary Johnson ha descritto l’iniziale incapacità della polizia di indagare sulla morte di Scott Johnson come “indifesa e disumana”.

Rebecca Johnson, una sorella minore, ha detto che il rapporto della polizia “non aveva senso”.

“Come può la comunità fallire così drammaticamente da creare ragazzi che potrebbero provare un tale orrore?” Ha chiesto, riferendosi alla copertura mediatica del pestaggio di omosessuali a Sydney, che è stato descritto come uno sport.

Il pubblico ministero Brett Hatfield ha affermato che i dettagli esatti dell’omicidio non erano noti e che le storie di White erano diverse.

White ha incontrato Johnson in un bar vicino nel sobborgo di Manley e Johnson si è spogliato in cima alla scogliera prima di morire, ha detto Hatfield. Ha detto che la gravità dell’omicidio è aumentata in modo significativo perché è stato motivato dalla sessualità della vittima.

L’avvocato di White, Belinda Rigg, ha detto che il suo cliente era gay ed era preoccupato che suo fratello omofobo lo scoprisse.

A gennaio, White ha ripetutamente gridato in tribunale di essere colpevole, avendo precedentemente negato il crimine.

I suoi avvocati presenteranno ricorso alla Corte penale d’appello, sperando che venga assolto durante il processo.

Scott Johnson era uno studente di dottorato presso l’Australian National University e viveva a Canberra. Stava dai genitori di Nun a Sydney quando è morto.

Leave a Comment

Your email address will not be published.