Tre israeliani sono stati accoltellati a morte vicino a Tel Aviv

GERUSALEMME (Reuters) – Una coppia di aggressori palestinesi è stata accoltellata a morte giovedì notte in una cittadina vicino a Tel Aviv, uccidendo almeno tre persone e ferendone altre quattro prima di fuggire, hanno detto i funzionari israeliani.

Venerdì mattina presto, la polizia israeliana ha detto che stavano cercando due sospetti palestinesi al largo della Cisgiordania occupata. I sospetti, di 19 և 20 anni, provenivano da Jenin, la città natale di altri aggressori che hanno preso parte ai recenti attacchi in Israele. La città ei suoi dintorni sono stati teatro di frequenti incursioni militari israeliane e scontri con militanti palestinesi nelle ultime settimane.

“Otterremo i terroristi, l’ambiente che supportano, ne pagheranno il prezzo”, ha detto il primo ministro israeliano Naftali Bennett dopo i colloqui con alti funzionari della sicurezza alla fine di giovedì.

Di recente, le tensioni israelo-palestinesi sono aumentate, con attacchi in Israele, operazioni militari nella Cisgiordania occupata e violenze nel luogo sacro più delicato di Gerusalemme. Il sito della moschea di Al-Aqsa è stato teatro di nuove rivolte all’inizio di giovedì.

Alon Rizkan, un medico al servizio di soccorso del mago israeliano David Adom, ha descritto la chiamata come “molto difficile” quando è arrivato sul posto nella città estremista ortodossa della Grecia vicino a Tel Aviv. Ha detto di aver trovato tre morti in luoghi diversi. Almeno quattro persone sono rimaste ferite, una delle quali in condizioni critiche, hanno detto i funzionari.

I media israeliani, citando la polizia, hanno detto che c’erano due aggressori e, poco prima di mezzanotte, la polizia ha detto che stavano ancora cercando gli aggressori. Hanno invitato il pubblico a stare lontano dalla zona, a informare le persone delle loro auto o persone sospette.

Il ministro della Difesa Benny Gantz ha ordinato la chiusura della Cisgiordania, imposta prima delle vacanze, per impedire ai palestinesi di entrare in Israele e rimanere in vigore fino a domenica.

A Washington, il segretario di Stato Anthony Blinken ha affermato che i funzionari statunitensi “condannano fermamente” l’attacco in Grecia.

“Questo è stato un attacco orribile contro uomini innocenti և donne և particolarmente disgustoso quando Israele ha celebrato il suo Giorno dell’Indipendenza”, ha detto Blinken in una nota. “Siamo in stretto contatto con i nostri amici e partner israeliani e li sosteniamo contro questo attacco”.

Il presidente palestinese Mahmoud Abbas, il cui governo controlla la regione autonoma della Cisgiordania occupata da Israele, ha condannato l’attacco.

“L’uccisione di civili israelo-palestinesi peggiora solo quando cerchiamo tutti di raggiungere la stabilità e prevenire l’escalation”, ha affermato l’agenzia di stampa ufficiale Wafa.

Il gruppo militante palestinese Hamas, che controlla la Striscia di Gaza, ha elogiato l’attacco, collegandolo alla violenza nella città santa di Gerusalemme.

“L’attacco alla moschea di Al-Aqsa non può restare impunito”, ha detto il portavoce di Hamas Hazem Qasim. “L’atto eroico di Tel Aviv è una traduzione pratica di ciò che la resistenza ha messo in guardia”.

Il complesso della Moschea di Al-Aqsa è il terzo luogo più sacro dell’Islam, costruito sulla cima di una collina che è il luogo più sacro per gli ebrei, che lo chiamano il Monte del Tempio. È al centro del conflitto, con scontri tra palestinesi e polizia israeliana nelle ultime settimane.

Giovedì mattina presto, la polizia israeliana ha preso d’assalto una manifestazione venerdì, rimuovendo centinaia di manifestanti su camion.

Quando le visite sono riprese, dozzine di palestinesi si sono radunati cantando “Dio è grande”. Una rissa è iniziata quando la polizia è andata ad arrestare uno di loro. Ոստիկանությունը ռետինե ծածկով փամփուշտներ է արձակել ընդարձակ էսպլանադայի վրա, երբ որոշ պաղեստինցիներ պատսպարվել են հենց մզկիթի ներսում: La polizia è stata poi vista all’interno dell’ingresso della moschea barricata.

La polizia ha informato di aver risposto a dozzine di persone che incitavano a “lanciare pietre”, un poliziotto è rimasto leggermente ferito. La Società palestinese della Mezzaluna Rossa ha dichiarato in una dichiarazione che due palestinesi sono stati portati in ospedale dopo essere stati picchiati con manganelli.

In contrasto con i precedenti scontri, testimoni oculari palestinesi hanno affermato che all’inizio non ci sono stati lanci di pietre. Alcuni dei rifugi all’interno della moschea hanno iniziato a lanciare pietre e altri oggetti quando la polizia è entrata nell’edificio. Per motivi di sicurezza, i testimoni hanno parlato in condizione di anonimato.

Accordi non ufficiali noti come status quo consentono agli ebrei di visitare il sito ma non di pregare lì. Negli ultimi anni, sono stati sempre più scortati dalla polizia, con molti che pregavano con moderazione, facendo arrabbiare i palestinesi, come Najar Jordan, il custode del sito. I palestinesi hanno a lungo temuto che Israele pianifichi di occupare o dividere il paese alla fine.

Israele afferma di essere impegnato a mantenere lo status quo, accusando Hamas di incitare alla violenza recente.

È stato uno dei peggiori bagni di sangue degli ultimi anni. Almeno 18 israeliani sono stati uccisi in cinque attacchi aerei, inclusi due accoltellamenti nel sud di Israele, due nella regione di Tel Aviv e uno in Cisgiordania durante il fine settimana. Quasi 30 palestinesi sono stati uccisi nella violenza, molti dei quali attaccavano o partecipavano a scontri con le forze israeliane in Cisgiordania. Tuttavia, la donna disarmata e l’avvocato sono stati uccisi, che sembrano essere stati uccisi con noncuranza.

Israele և Hamas ha lanciato una guerra di 11 giorni un anno fa, in gran parte a causa di simili disordini a Gerusalemme.

Leave a Comment

Your email address will not be published.