“Traditore”. Durante l’evento del Giorno della Memoria, Bennett sospirò a diversi parenti in lutto

Il primo ministro Naftali Bennett e il ministro dell’Interno Ayelet Shaked sono stati entrambi feriti mercoledì durante un evento del Giorno della Memoria.

Mentre Bennett ha parlato a una funzione commemorativa al cimitero nazionale di Mount Herzl per gli oltre 4.000 israeliani uccisi in attacchi terroristici, gli spettatori hanno definito il primo ministro un “traditore”, un “truffatore” e uno “straccio”.

«Zitto», gridò qualcuno.

Bennett rimase in silenzio fuori dal podio per alcuni minuti, gridando prima di riprendere il suo discorso.

“Le famiglie sacrificate sono sacre. “Possono gridare e addolorarsi”, ha detto.

“Care famiglie, vi amo moltissimo”, ha aggiunto. “Sento il tuo dolore.”

Gli annunci sono durati più di cinque minuti prima che Bennett iniziasse il suo discorso, ed è stato interrotto più volte quando ha iniziato, riporta Channel 12 News.

Lee Abramovich, che ha ospitato la cerimonia, ha detto che da sei a dieci membri del pubblico hanno partecipato alla festa.

Abby Moses, capo dell’Organizzazione nazionale per le vittime del terrorismo, ha parlato con Bennett per scusarsi con il Primo Ministro per la sua tristezza. Si sentiva la persona gridare in risposta “siamo spiacenti”.

Dopo la cerimonia, altri membri del pubblico hanno affermato di essersi pentiti del pettegolezzo. “Vengo qui da 30 anni, non ho mai visto niente del genere. “È un peccato”, disse un uomo anziano.

“Il presidente del Consiglio ha detto che abbiamo opinioni diverse, և va bene աչափ legalmente”, ha aggiunto un’altra donna in un’intervista a Canale 12. “Ma penso che disturbare sia irrispettoso.”

“Sono stupito che la gente non approfitterà di una giornata politica come questa oggi”, ha detto un altro uomo.

Uno dei lealisti era Herzl Hajaj, la cui figlia Shearer era una dei quattro soldati uccisi da un terrorista durante un attacco del 2017 a Gerusalemme.

Il primo ministro Naftali Bennett prevede che la celebrazione si concluda il 4 maggio 2022, durante il servizio commemorativo di stato per le vittime del terrorismo presso il cimitero militare di Herzl Mountain a Gerusalemme. (Olivier Fitusi / Flash90)

Ore fa, sua moglie ha alzato un cartellone pubblicitario per protestare contro il governo mentre Bennett parlava di un altro evento sul monte Herzl, rendendo omaggio alle truppe cadute. La coppia ha già svolto numerose proteste contro l’attuale governo.

“Bennett, colui che ha formato il governo con l’appoggio del terrorismo, qui non è accolto”, si legge in un cartello sollevato da Merav Hajaj.

Secondo l’emittente pubblica Kan, i parenti del tenente colonnello Emanuel Moreno, un ex amico di Bennett, ex comandante delle forze speciali ucciso durante la seconda guerra del Libano nel 2006, hanno chiesto ad Haji di andarsene.

I critici di destra del governo hanno ripetutamente criticato la coalizione per aver incluso Raam, un gruppo islamista che condannano come “sostenitori del terrorismo”. Il leader Ra’m ha ripetutamente condannato il terrorismo, come ha fatto nei colloqui con l’ex primo ministro Benjamin Netanyahu prima di unirsi all’attuale coalizione.

Scosso, Bennett Yamina n. 2 alla festa, è stato interrotto durante un servizio funebre a Petah Tikva.

“Vai a casa. Disgustoso. Dovresti vergognarti”, gridò un uomo.

L’evento è stato brevemente interrotto, poiché Heller è stato rimosso e Shaked sembrava accettare l’interruzione con calma.

“Va tutto bene. Le famiglie massacrate sono sacre. Possono esprimere il loro dolore”, ha detto in risposta a Bennett.

Il conoscente è Arik Hanan, il cui fratello è stato ucciso durante la guerra del 1985 in Libano.

“È uscito nel momento più caldo”, ha detto Hanan ad Haaretz, definendo le speranze del governo per Ram “inimmaginabili”.

“Ci sono state persone che mi hanno detto di stare zitto, ma penso che sia giusto”, ha detto. “Se questo non è il momento o il luogo, allora quando?”

Il 13 marzo 2022 il ministro dell’Interno Ayelet Shaked terrà una conferenza stampa all’aeroporto Ben Gurion. (Roy Alima / Flash90)

Tali interruzioni sono diventate relativamente comuni negli ultimi anni, anche quando i membri dei governi precedenti si sono rivolti alle cerimonie del Memorial Day. Tuttavia, il gemito di Bennett fu particolarmente prolungato.

“Lo meritano i parenti morti [memorial day] “È nostro dovere accettarli con qualsiasi voto scelgano, ‘è nostro dovere accettare le loro critiche con amore, perché sono loro che hanno pagato il prezzo per la nostra rinascita ed esistenza”, ha detto il Segretario alla Difesa Benny Gantz in un Giorno della Memoria evento di mercoledì.

Apparentemente si riferiva a dozzine di famiglie in lutto che esortavano i ministri del governo a non partecipare alle cerimonie del Giorno della Memoria poiché accusavano il governo di sostenere il “terrorismo” includendo Raham nella coalizione.

Parlando al Remembrance Day, Shin Betty, capo dell’agenzia di sicurezza Ronen Barr, sembra aver sparato su uno dei critici della risposta del governo al terrorismo.

Il mese scorso, il parlamentare di estrema destra Itamar Ben Gwier ha rilasciato una dichiarazione contro Barre, accusandolo di una serie di “fallimenti” che hanno portato a una serie di attacchi terroristici, “tensioni a Gerusalemme ea Gaza”.

“La nostra forza è sempre stata nella nostra unità. “In questo stesso giorno, quando ci riuniamo tutti, dobbiamo ricordare il pericolo di divisione, di discorsi violenti, di provocazione, che possono portarci in un pericoloso abisso”, ha detto Barr.

“I membri di questa organizzazione non parleranno né scriveranno nei tweet. “Saranno schermati, vero?”

Il 4 maggio 2022, il segretario alla Difesa Benny Gantz esamina i nomi dei soldati caduti nella sala commemorativa del cimitero militare di montagna Herzl a Gerusalemme, durante la cerimonia del Giorno della Memoria. (Grecia Malka / Ministero della Difesa)

Alle 11 i segnali risuonarono in tutto il Paese, sospendendo il Paese per due minuti in silenzio in ricordo dei 24.068 soldati uccisi, delle migliaia di terroristi uccisi in Israele nell’ultimo secolo e mezzo, il suo predecessore.

Dall’ultimo Giorno della Memoria di Israele, 56 soldati sono morti in servizio. Altri 84 veterani disabili sono morti per complicazioni causate dalle ferite riportate durante il servizio.

Trentatré nomi sono stati aggiunti all’elenco delle vittime del terrorismo uccise negli attentati dell’anno scorso. Quattro persone con disabilità sono morte per le gravi ferite riportate negli attacchi, portando il totale a 3.199 dalla fondazione di Israele nel 1948.

Secondo l’Israel National Insurance Institute, il numero totale delle vittime del terrorismo dai “primi giorni del sionismo” nel 1851 era di 4.216.

Il giorno della memoria, istituito nel 1951 dall’allora Primo Ministro e Ministro della Difesa David Ben-Gurion, era segnato dal calendario ebraico come Iyar 4, il giorno prima del Giorno dell’Indipendenza.

Leave a Comment

Your email address will not be published.