Preparati per il Big Crunch. Gli scienziati prevedono che l’universo comincerà presto a rimpicciolirsi “in modo significativo”

Il Big Bang è ampiamente accettato come l’inizio di tutto ciò che vediamo intorno a noi.

Ma una nuova ricerca suggerisce che l’inizio della fine potrebbe essere presto “notevole”, quando l’espansione dell’universo di 13,8 miliardi di anni si interromperà bruscamente.

I ricercatori ritengono che potrebbe quindi entrare in un’era di lenta contrazione che finirà miliardi di anni dopo con la morte dello spazio o forse con una rinascita.

In un nuovo studio, gli scienziati dell’Università di Princeton hanno utilizzato le precedenti osservazioni sull’espansione dello spazio per provare a modellare l’energia oscura, una forza misteriosa che costituisce circa il 70 per cento dell’universo.

La forza repulsiva sembra causare un’espansione più rapida dell’universo, ma gli esperti ritengono che il suo effetto potrebbe ora essere indebolito.

Secondo il loro modello, l’accelerazione dell’universo potrebbe terminare rapidamente nei prossimi 65 milioni di anni e quindi, entro 100 milioni di anni, l’universo potrebbe smettere del tutto di espandersi e iniziare a ridursi.

Ciò causerà una “grande crisi” – qualsiasi cosa può accadere “notevolmente” rapidamente, afferma il coautore dello studio Paul Steinhardt, direttore del Princeton Center for Theoretical Sciences presso la Princeton University nel New Jersey.

Il Big Bang è ampiamente accettato come l’inizio di tutto ciò che vediamo intorno a noi. Ma una nuova ricerca suggerisce che l’inizio della fine potrebbe arrivare “notevolmente” presto, quando l’espansione dell’universo di 13,8 miliardi di anni si interromperà bruscamente (immagine stock)

COME FINE L’UNIVERSO?

Grande scricchiolio.

La gravità diventerà la forza più potente dell’universo. Il tasso di espansione dell’universo diminuirà: l’universo inizierà a collassare.

Grande salto.

L’universo potrebbe rimpicciolirsi abbastanza da tornare al suo stato originale. Poi potrebbe esserci un altro Big Bang, noto anche come Big Bang, che creerà un nuovo universo dal vecchio. Questo: Il modello ciclico di espansione e contrazione crollerà costantemente, riorganizzando l’universo.

Ottimo congelamento.

In questo scenario della fine dell’universo, la materia rimarrà unita, ma man mano che l’universo si espande, decade in radiazione.

Il grande strappo.

Questo inizierà quando l’attrazione gravitazionale dell’universo si espanderà oltre la gravità. Le galassie si divideranno, seguite da cavità, pianeti e stelle.

“Tornando indietro nel tempo, 65 milioni di anni fa, fu allora che l’asteroide Chicxulub colpì la Terra e spazzò via i dinosauri”, ha detto a WordsSideKick.com.

“65 milioni di anni nello spazio sono significativamente più brevi.”

Albert Einstein ha avuto l’idea di una costante cosmica, che è il valore della densità totale di energia che penetra nello spazio per spiegare perché l’universo non sta collassando.

Tuttavia, la cosmologia ha subito un cambio di paradigma nel 1998, quando i ricercatori hanno annunciato che la velocità di espansione dello spazio era accelerata.

Di conseguenza, alla costante cosmica doveva essere assegnato un valore diverso da zero, con molti che credevano che questa espansione fosse un segno di imminente collasso.

Gli scienziati hanno chiamato questa misteriosa fonte di accelerazione energia oscura.

Pensano che sia una creatura invisibile, che lavori contro la gravità, allontanando gli oggetti più massicci dell’universo, piuttosto che collegarli.

Ciò significa che se si indebolisce, la gravità sarà la forza dominante, portando al restringimento dell’universo, che porterà alla collisione di stelle, galassie, pianeti, mentre l’universo stesso collassa.

Gli esperti ritengono che possa essere indebolito, perché invece dell’energia oscura costante, potrebbe esserci qualcosa chiamato quintessenza, un campo dinamico che cambia nel tempo.

“La domanda che solleviamo in questo articolo è la seguente. “Questa accelerazione dovrebbe durare per sempre?” ha detto Steinhardt.

“E se no, quali sono le alternative? In quanto tempo può cambiare tutto?”

I ricercatori per testare la loro teoria ha creato un modello per eccellenza, mostrando nel tempo la sua forza ripugnante e attraente.

Quando il modello ha riprodotto in modo affidabile la storia dell’espansione dell’universo, hanno poi esteso le loro previsioni al futuro.

Questo è quello che hanno trovato L’energia oscura può essere in rapido declino che potrebbe essere iniziato miliardi di anni fa, il che significa che l’espansione accelerata dell’universo sta già rallentando.

In un nuovo studio, gli scienziati dell'Università di Princeton hanno utilizzato le precedenti osservazioni sull'espansione dello spazio per provare a modellare l'energia oscura, una forza misteriosa che costituisce circa il 70 percento dell'universo (immagine d'archivio).

In un nuovo studio, gli scienziati dell’Università di Princeton hanno utilizzato le precedenti osservazioni sull’espansione dello spazio per provare a modellare l’energia oscura, una forza misteriosa che costituisce circa il 70 percento dell’universo (immagine d’archivio).

“Questo sarà un tipo molto speciale di contrazione, che chiamiamo contrazione lenta”, ha detto Steinhardt. “Invece di espandersi, l’universo si sta restringendo molto, molto lentamente.”

Gli esperti dicono che fin dall’inizio, questo restringimento dell’universo sarebbe così lento che se le persone fossero ancora vive sulla Terra in quel momento, non se ne accorgerebbero nemmeno.

Ma tra qualche miliardo di anni, l’universo lo farà per raggiungere circa la metà delle sue dimensioni oggi.

Steinhardt ha detto che da quel momento in poi l’universo si ridurrà fino a quando non crolla nel “Great Crunch” o si restringe abbastanza da tornare al suo stato originale.

Suggerisce che potrebbe verificarsi un altro Big Bang, noto anche come “Big Bang”, creando un nuovo universo dal vecchio.

Questo: I ricercatori ritengono che il modello ciclico di espansione e contrazione continuerà a collassare e riorganizzare l’universo.

Questa è una delle numerose teorie in competizione su come finirà l’universo, come il Big Bang, che potrebbe fare a pezzi le galassie, o il Big Ice, che vedrà la materia aderire ma espandersi mentre si espande nello spazio.

Il nuovo studio è stato pubblicato negli Atti della National Academy of Sciences.

COS’È L’ENERGIA?

Energia oscura è un termine usato dai fisici per descrivere un misterioso “qualcosa” che crea cose insolite nell’universo.

L’universo è pieno di materia, գրավ la forza attrattiva della gravità unisce tutta la materia.

Poi sono arrivate nel 1998 le osservazioni del telescopio spaziale Hubble di supernove molto distanti, che hanno mostrato che molto tempo fa l’universo si espandeva effettivamente più lentamente di quanto non faccia oggi.

“Non solo l’universo si sta espandendo, ma si sta espandendo sempre più velocemente nel tempo”, ha detto a MailOnline la scienziata del Dark Energy Survey Katie Romer, come mostrato in questo grafico della NASA.

Pertanto, l’espansione dell’universo non è rallentata a causa della gravità, come tutti pensavano, sta accelerando.

Nessuno se lo aspettava, nessuno sapeva come spiegarlo. Ma stava causando qualcosa.

“Non solo l’universo si sta espandendo, si sta espandendo sempre più velocemente nel tempo”, ha detto a MailOnline la scienziata del Dark Energy Survey, la dott.ssa Katie Romer.

“Quello che ci aspettiamo è che l’espansione rallenterà sempre di più nel tempo, poiché sono passati quasi 14 miliardi di anni dal Big Bang”.

Leave a Comment

Your email address will not be published.