Prenotazioni voli leisure և business travel ai migliori livelli del 2019

Per la prima volta dall’epidemia, i voli globali per il tempo libero և business sono saliti a livelli che non si vedevano dal 2019.

Lo afferma il terzo rapporto annuale sul turismo del Mastercard Economics Institute, intitolato “Travel 2022: trends ևtransizioni”, pubblicato ieri.

Dopo aver analizzato 37 mercati globali, il rapporto ha rilevato che i viaggi transfrontalieri avevano raggiunto livelli epidemici entro marzo, una pietra miliare significativa per l’industria dei viaggi, che domina i viaggi nazionali dal 2020.

I voli sono tornati

Le prenotazioni per i viaggi di piacere in tutto il mondo sono aumentate del 25% ad aprile rispetto ai livelli pre-epidemia, afferma il rapporto. Ciò è dovuto al numero di voli a corto-medio raggio, che sono stati maggiori ad aprile rispetto allo stesso periodo del 2019, afferma il rapporto.

I voli a lungo raggio non erano da meno. L’inizio dell’anno a -75% dei livelli epidemici, un “aumento senza precedenti” delle prenotazioni di voli internazionali, ha portato questi voli a essere “semplicemente timidi” in meno di tre mesi dai livelli del 2019, afferma il rapporto.

Come compagnie aeree, la spesa globale per il trasporto marittimo, gli autobus e le ferrovie passeggeri è aumentata notevolmente all’inizio di quest’anno, quando il noleggio di auto ha superato i livelli del 2019 a marzo, secondo il rapporto di viaggio 2022 del Mastercard Economics Institute.

3 Alessio |: E + |: Immagini Getty:

Anche i volantini aziendali, che sono stati in vacanza durante l’epidemia, stanno tornando nei cieli.

Le prenotazioni per voli d’affari a fine marzo hanno superato i livelli del 2019 per la prima volta dall’inizio dell’epidemia, afferma il rapporto, una pietra miliare per le compagnie aeree che fanno affidamento sui “voli frequenti” aziendali.

Il ritorno dei viaggi d’affari è stato rapido, con le prenotazioni di voli d’affari che hanno raggiunto circa la metà dei livelli pre-epidemia all’inizio di quest’anno, afferma il rapporto.

Ritardo in Asia

La traiettoria ascendente globale arriva nonostante il lento ritorno del trasporto aereo in Asia. I voli Asia-Pacifico per Singapore, Malesia e Indonesia sono aumentati quest’anno, con la maggior parte delle destinazioni di viaggio internazionali al di fuori della regione.

“Secondo i nostri dati, il 50% delle principali destinazioni visitate dai viaggiatori dell’Asia-Pacifico nel primo trimestre del 2022 erano al di fuori della regione, con gli Stati Uniti al primo posto”, ha affermato David Mann, capo economista per la regione Asia-Pacifico. Medio Oriente e Africa presso il Mastercard Institute of Economics.

“Nonostante la ripresa ritardata dall’Occidente”, afferma Mann, “i viaggiatori dell’Asia e del Pacifico hanno dimostrato di voler tornare a viaggiare dove è avvenuta la liberalizzazione”.

Se le prenotazioni dei voli continueranno al ritmo attuale, quest’anno ci saranno circa 1,5 miliardi di voli in più rispetto al 2021, secondo il Mastercard Economics Institute, più di un terzo dei quali proverrà dall’Europa.

Questo continuerà?

Il rapporto afferma che l’elevata domanda di viaggi aerei e l’aumento delle tendenze occupazionali globali sono solo alcuni dei motivi per cui l’industria del turismo globale “ha più ragioni per essere ottimista che pessimista”.

Le persone hanno ripagato il debito a un “tasso record” negli ultimi due anni, mentre i consumatori più ricchi che hanno “più probabilità di viaggiare per piacere” hanno beneficiato di risparmi epidemici e aumento dei prezzi delle attività, afferma il rapporto.

Tuttavia, l’aumento dell’inflazione, la volatilità del mercato, le questioni geopolitiche in Europa, Asia e l’aumento dei tassi di Covid-19 minacciano di far deragliare una ripresa sostenibile nel 2022.

Si prevede che i ricavi aumenteranno in risposta all’inflazione, ma ciò accadrà nelle economie emergenti più veloci, afferma il rapporto.

“Se ci aspettiamo che la crescita dei ricavi superi la crescita dei prezzi al consumo in Germania e negli Stati Uniti entro la metà del 2023, è probabile che si verificherà entro il 2024 e il 2025 rispettivamente in Messico e Sud Africa”, afferma il rapporto.

Tra i tanti rischi che possono interrompere la ripresa dei viaggi… metteremmo il Covid come il più grande fattore di oscillazione.

David Mann

Capo economista del Mastercard Institute of Economics

Secondo il rapporto, i prezzi dei biglietti aerei sono aumentati, con un aumento medio dei prezzi dei biglietti di circa il 18% tra gennaio e aprile di quest’anno.

L’aumento del costo del viaggio aereo variava notevolmente da regione a regione: a Singapore da aprile 2019 ad aprile 2022 le tariffe sono aumentate del 27%. Tuttavia, il rapporto afferma che i prezzi dei voli negli Stati Uniti sono rimasti invariati per circa lo stesso periodo.

Sebbene molti paesi abbiano riaperto ai viaggiatori internazionali, l’epidemia sta ancora colpendo l’industria.

“Tra i molti rischi che possono interrompere la ripresa dei viaggi, metteremmo Covid come il più grande fattore di oscillazione”, ha affermato Mann.

“Sebbene i trattamenti siano migliori, molti mercati hanno visto l’introduzione di successo dei vaccini e, se la necessità di chiudere il confine, l’opzione grave o contagiosa potrebbe portare al ritorno di esempi non lineari di stop-recupero degli ultimi due anni, ” Egli ha detto.

La scorsa estate?

Al momento non si sa cosa farà dopo aver lasciato il posto.

Il rapporto rileva che tradizionalmente le persone spendono meno per i viaggi dopo l’aumento dei costi energetici e alimentari.

“Tuttavia, dati gli enormi livelli di domanda nel mondo post-epidemia, questa volta potrebbe essere diverso”, afferma il rapporto.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *