Playoff NBA. I Celtics hanno saltato la prima partita ei Warriors hanno battuto i Grizzlies nella loro stessa partita

Nei giorni precedenti la partita di domenica contro i Milwaukee Bucks, i Boston Celtics si stavano preparando per una sfida diversa da quella che avevano appena concluso. A differenza dei Brooklyn Nets, i Bucks sono un’enorme difesa fisica della prima squadra. Mentre gli infortuni di Brooklyn lo costringevano spesso a giocare tre guardie, non più alte di 6-10, Milwaukee ha risposto all’infortunio di Chris Middleton lanciando tre grandi, nessuna delle quali era inferiore a 6-10.

I Celtics avevano motivo di essere fiduciosi nel loro attacco. Prima di mandare i piccoli Nets a 119,2 punti ogni 100 partite in quattro partite, hanno segnato 118,5 contro 100, il secondo numero più alto nelle ultime 43 partite di regular season del campionato, periodo in cui hanno segnato. è stato registrato con un punteggio di 33-10. “Milvuki ha alcuni difensori di alto livello, ma riteniamo di avere buone partite con alcuni dei loro ragazzi”, ha detto l’allenatore Ime Udoka poco prima dell’inizio della prima partita.

E poi Boston ha avuto la sua peggiore partita offensiva in più di sei mesi, aprendo le marcature con un brutto 89 punti ogni 100 yard. L’unica partita sporca della stagione dei Celtics è stata il 22 ottobre contro i Toronto Raptors, dove hanno perso per 32 punti e sono stati fischiati dai tifosi di casa.

Una cosa è capire intellettualmente che ogni volta che alzi la palla sei sottoposto a una prova più severa. Un’altra cosa è entrare in campo e sentirlo.

“Penso che la loro forma fisica sia più di ogni altra cosa che ci ha sorpreso”, ha detto Udokan dopo la sconfitta per 101-89.

Udokan ha detto che in qualche modo “è positivo che questa papera venga rimossa dal percorso di attacco. “Perdere una partita da 12 punti quando abbiamo una brutta partita d’attacco, penso, sia un bene per noi”.

La difesa del centrocampo dei Celtics era al posto giusto. Hanno difeso la vernice, costringendo Milwaukee a colpire a media distanza և 9 contro Janis Antetokunmpo a 24 punti և. Tuttavia, non riuscivano a trovare ritmo quando avevano palla, almeno fino al quarto quarto, quando hanno creato un mucchio di 3 aperti di fila, dove era troppo tardi.

A volte perdono semplicemente il bellissimo aspetto. Altre volte i cattivi sono stati costretti a dipingere (dove sono stati sparati 10 su 31) o da 3 punti (dove sono stati sparati 18 su 50). Tuttavia, ciò che ha condannato Boston è stato il flusso di palle perse, molte delle quali hanno portato a secchi per i Bucks.

Lo scarso passaggio di Jalen Brown nel primo quarto ha portato a un terzo passaggio per Jru Holliday, e due di Derrick White hanno portato a Bobby Portis e un terzo di John Carter per prendere e tirare.

Nel secondo quarto, Wesley Matthews e Grayson Allen hanno saltato i due turni di Brown. La prima è stata una guida sbagliata nel periodo di transizione, la seconda è stata una transizione tascabile mal posizionata.

Nella ripresa Holiday costringe Smart a ribaltare la metà campo, che porta al salto di Portis; Holiday ha segnato 2 dopo che Al Horford ha colpito l’ingresso; հարված Holiday ha colpito և una rissa 3 dopo il passaggio di Horford per Jason Tatum.

Questi video mostrano otto delle 18 rotazioni di Boston 21 21 dei 27 punti di Milwaukee. Mentre i Bucks hanno fatto 14 turni, i Celtics li hanno convertiti in soli sei punti. Imparentato. Milvuk aveva un vantaggio di 28-8 in punti di contropiede.

“Dipende da noi”, ha detto Brown. “Dobbiamo essere pronti per la loro condizione fisica. E subito ci hanno colpito in bocca e hanno festeggiato”.

Udokan, Brown և Tatum hanno detto tutti che i Bucks hanno “accelerato” i Celtics, rendendo loro difficile l’ingresso nel set, costringendoli a prendere decisioni sbagliate. Brown ha detto che Boston doveva “essere una squadra più intelligente”, mentre Tatum ha detto che la squadra era “estremamente negligente” e doveva essere più determinata.

“Non credo che abbiamo giocato con la postura migliore e la calma in generale”, ha detto Udoka.

Dopo aver buttato via il vantaggio sul campo di casa, i Celtics erano fiduciosi che avrebbero giocato più come loro quando sarebbero tornati al TD Garden martedì. Le dimensioni, la lunghezza e l’impegno di Milwaukee nel difendere il limite rendono difficile segnare dall’interno, ma sanno che possono abbattere la difesa և creare un aspetto ad alta percentuale purché la loro distanza sia buona և leggere correttamente. Sotto costrizione è molto più difficile di quanto sembri.

“Giocare nei playoff non è facile, richiede concentrazione, richiede prestazioni”, ha detto Horford, aggiungendo che Boston stava facendo bene in queste aree fino a domenica. “Solo noi dobbiamo stringere per essere migliori”.


Pochi minuti dopo il terzo quarto della partita dei Golden State Warriors contro i Memphis Grizzlies, una trasmissione ESPN ha dato agli spettatori un assaggio della festa dell’allenatore Steve Kerry.

“Tutti e cinque sul vetro, ogni volta”, ha detto Kerr ai giocatori. “Manteniamo il gioco uguale, puoi vederlo.

Draymond Green è stato espulso alla fine del primo tempo, ma Golden State è passato in vantaggio con un mini-run. Per salvarlo, i Warriors devono continuare a colpire il vetro per evitare di dare a Memphis troppe possibilità in più.

I Grizzlies hanno stabilito il secondo miglior record della NBA per la stagione regolare, nonostante siano finiti 22° con una pausa a centrocampo, secondo Cleaning The Glass. Non lo hanno fatto solo guidando tristi vittorie. Ha costruito un attacco d’élite, tenendo conto dei punti della seconda possibilità և il gioco di transizione. Nella prima partita contro Golden State, tuttavia, non hanno ottenuto i soliti vantaggi. Memphis ha segnato il doppio dei gol dei Warriors, Golden State ha segnato due secondi punti possibilità ed entrambe le squadre hanno segnato lo stesso numero di punti dopo il turno. Tutto questo si è aggiunto alla vittoria per 117-116 dei Warriors.

In un’intervista con la NBC Sports Bay Area, Kerr ha dichiarato: “Una delle chiavi di questa serie è il gioco della palla. Dobbiamo restituirlo և l’abbiamo fatto stasera. Li abbiamo battuti 50-47. E noi. “Dobbiamo avvicinarci al turnover, spero che vinceremo la lotta contro il turnover. “Nella stagione regolare, ci hanno colpito per il possesso”. Ha notato che in una delle loro partite di stagione regolare, i Grizzlies hanno vinto 116-108 l’11 gennaio e Golden State ha segnato 18 gol in meno rispetto al suo rivale. “È difficile battere una squadra davvero buona in questo modo”.

I Warriors sono sempre stati micidiali nel periodo di transizione e in questa stagione sono stati costretti a girare sopra la media. Erano abbastanza nella media sul vetro d’attacco, e questo è anche un miglioramento significativo rispetto a quello che erano in quella categoria all’inizio dell’era Kerry. In questo particolare gioco, tuttavia, colpiranno il board in modo più aggressivo per ridurre al minimo il vantaggio di bordo di Memphis.

Domenica, Andrew Wiggins, John Looney, Otto Porter Jr., Jonathan Cumminga, Gary Peyton II և Jordan Poole hanno tutti contribuito con suggerimenti և sul sentiero.

Stephen Carin և La tappa ha entrambi guadagnato tre punti dopo che Golden State ha ripristinato i salti persi.

E i Warriors hanno persino catturato il tabellone offensivo con un tiro libero, un raggio extra che si è concluso con Wiggins che ha segnato due dei loro 56 punti con la vernice.

La star dei Grizzlies Ja Morant ha iniziato la conferenza stampa, lamentandosi di tutti i punti di seconda possibilità che hanno distribuito. Jaren Jackson Jr. ha detto che dovevano solo “trovare un modo per arrivare alla palla”, anche quando Golden State colpisce un 3 profondo.

“Giocando con questi ragazzi, capiamo che dobbiamo correre più forte sui gomiti per controllare il rimbalzo”, ha detto il giocatore di Memphis De Anthony Melton. “E buttali fuori prima, colpiscili per primi, perché hanno ragazzi a cui piace saltare indietro, ogni volta che cercano di rovinare quella partita 50-50”.

Kerry ha spostato Looney in panchina nella quinta partita del primo turno del Golden State contro i Denver Nuggets, sostituendo il centro intelligente con un Poole in aumento. Peyton ha preso il posto di Poole nella formazione titolare contro i Grizzlies e Looney ha giocato solo sei minuti prima della partenza di Green. Anche quando i Warriors giocano in piccolo, lo staff tecnico si aspetta che combattano per i tabelloni.

“Richiede che tutte le nostre guardie siano rinchiuse, per assicurarsi che stiano facendo boxe, per inseguire il loro ritorno”, ha detto Kerr.

Golden State aveva bisogno di ogni possibilità in più che poteva ottenere per una delle sue stelle in 17 minuti; Peyton aveva quattro board d’attacco, Poole և Wiggins ne aveva tre. Se un gioco quasi uguale è una vittoria per i Warriors che cercano di seguire il piano di gioco di Kerry, allora è una vittoria minima. Ora Memphis deve lottare con un percorso che ha perso un’enorme opportunità.

“Non posso dare loro una seconda possibilità o aprire gli occhi”, ha detto Morant. “E ci hanno fatto pagare molto per questo”.

Leave a Comment

Your email address will not be published.