Perché il 9 maggio è un grande giorno per la Russia, cosa significa dichiarare guerra?



CNN:

La Russia potrebbe invadere l’Ucraina il 24 febbraio, ma il presidente Vladimir Putin ha insistito sul fatto che le sue truppe stanno effettuando una “operazione militare speciale” invece di dichiarare guerra.

Tuttavia, funzionari e analisti occidentali affermano che ciò potrebbe cambiare le cose il 9 maggio, un giorno simbolico per la Russia, con una dichiarazione formale di guerra che aprirebbe la strada a Putin per intensificare la sua campagna.

Il 9 maggio, noto in Russia come il Giorno della Vittoria, segna la sconfitta del paese nel 1945 da parte dei nazisti.

Viene celebrato con una parata militare a Mosca, և I leader russi tradizionalmente stanno sulla tomba di Vladimir Lenin nella Piazza Rossa per guardarlo.

“Il 9 maggio è progettato per mostrare la folla nativa, per intimidire l’opposizione, per compiacere il dittatore dell’epoca”, ha detto alla Galileus Web James Knicks, direttore del programma Russia-Eurasia a Chatham House.

I funzionari occidentali hanno creduto a lungo che Putin avrebbe usato il significato simbolico della giornata – il valore della propaganda – per dichiarare un colpo di stato militare in Ucraina, una grande escalation delle ostilità, o entrambi.

Il presidente della Russia guarda al simbolismo con attenzione, poiché l’invasione dell’Ucraina è iniziata il giorno dopo la Giornata del Difensore della Patria, un’altra importante giornata militare in Russia.

Secondo Oleg Ignatov, analista russo senior di Crisis Group, Putin ha molte opzioni sul tavolo. “Dichiarare guerra è lo scenario più difficile”, ha detto.

Allo stesso tempo, il presidente ucraino Vladimir Zelensky, che non ha ufficialmente dichiarato guerra alla Russia, ha dichiarato la legge marziale in Ucraina quando l’invasione russa è iniziata alla fine di febbraio.

Un’altra versione di Putin ha adottato la legge di mobilitazione russa, che potrebbe essere utilizzata per avviare una mobilitazione militare generale o parziale “in caso di aggressione o minaccia diretta di aggressione contro la Federazione Russa, in caso di conflitto armato contro la Federazione Russa .” »

Ciò consentirà al governo non solo di mobilitare truppe, ma anche di costruire l’economia del paese sulla guerra.

Veicoli militari russi all'esperienza della parata del 28 aprile.

Militari russi durante le prove della parata del 28 aprile.

Secondo Nixie, le forze russe hanno perso almeno 15.000 soldati dall’inizio della guerra e saranno necessari rinforzi se Mosca vuole raggiungere i suoi obiettivi in ​​Ucraina.

La mobilitazione potrebbe significare un’estensione della coscrizione per i soldati attualmente nelle forze armate, la convocazione di riservisti o il reclutamento di uomini in età militare che hanno subito un addestramento militare, ha affermato Ignatov.

Ma è un grosso rischio per il governo Putin, ha detto.

“Cambierà l’intera storia del Cremlino”, ha detto Ignatov, aggiungendo che la mossa costringerebbe Putin ad ammettere che l’invasione dell’Ucraina non è stata pianificata.

“È una decisione molto rischiosa”, ha aggiunto Ignatov, spiegando che una mobilitazione su larga scala danneggerebbe anche l’economia russa in difficoltà.

Inoltre, potrebbe ridurre il sostegno interno a Putin, poiché alcuni russi sostengono l’invasione dell’Ucraina, non volendo andare personalmente a combattere, afferma l’analista.

“Se annunciano una mobilitazione su larga scala, ad alcuni non piacerà”, ha detto Ignatov.

“Sarà ancora possibile per Putin approvare la legge di mobilitazione senza dichiarare ufficialmente guerra all’Ucraina”, ha affermato.

Putin può anche imporre la legge marziale in Russia sospendendo le elezioni e successivamente concentrando il potere nelle sue mani, ha affermato Ignatov.

Ciò stabilirà regole come restrizioni agli uomini in età militare che lasciano il paese, che potrebbero anche essere impopolari, ha aggiunto.

Se Putin non dichiara guerra, potrebbe cercare altrove una dichiarazione del Giorno della Vittoria.

Altre opzioni includono l’annessione dell’area separatista Luhansk-Donetsk nell’Ucraina orientale, esercitando molte pressioni su Odessa nel sud o dichiarando il pieno controllo della città portuale meridionale di Mariupol.

Ci sono segnali che la Russia potrebbe pianificare di dichiarare una “Repubblica popolare” e annetterla nella città sud-orientale di Kherson.

“Lui (Putin) potrà dichiarare che l’esercito russo ha ottenuto alcune vittorie in Ucraina”, ha detto Ignatov. “Può provare a usare questa data per rafforzare il suo sostegno”.

Tuttavia, è difficile prevedere cosa farà la Russia, il suo presidente, ha aggiunto l’analista.

“Tutte le decisioni sono prese da una persona e da molti dei suoi consiglieri”, ha detto Ignatov.

Tuttavia, il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price ha affermato lunedì che “ci sono buone ragioni per credere che i russi faranno tutto il possibile per utilizzare il 9 maggio a fini di propaganda”.

“Abbiamo visto che i russi hanno effettivamente raddoppiato i loro sforzi di propaganda, probabilmente quasi certamente come un modo per deviare i loro fallimenti tattico-strategici sul campo di battaglia ucraino”, ha detto Price in un briefing del Dipartimento di Stato lunedì.

Leave a Comment

Your email address will not be published.