Pelosi ha incontrato il presidente dell’Ucraina a Kiev

ZAPORICIA, Ucraina (AP) – La Presidente della Camera dei Rappresentanti Usa Nancy Pelosi ha incontrato il Presidente dell’Ucraina durante la sua visita nella capitale Kiev.

Pelosi, il secondo presidente degli Stati Uniti di grado più alto da quando è diventato vicepresidente, ha visitato l’Ucraina dall’inizio della guerra, segnando un’importante dimostrazione del continuo sostegno del suo paese alla Russia.

Domenica mattina presto, il filmato diffuso dall’ufficio del presidente Vladimir Zelensky mostra Pelosi nel Caucus del Congresso, tra cui Jason Crowe, Jim McGovern e Adam Schiff.

Zelensky ha salutato la delegazione fuori prima che venissero rimandati nella sala riunioni, dove ha detto: “Vi ringrazio per il forte segnale di sostegno degli Stati Uniti, del popolo, del Congresso, da bipartisan a bipartisan”.

“Questo dimostra che gli Stati Uniti sono oggi leader con un forte sostegno all’Ucraina nella guerra contro l’aggressione della Federazione Russa”, ha detto Zelensky.

Pelosi ha detto a Zelensky. “Pensiamo di venire a trovarti per ringraziarti della tua lotta per la libertà”.

“Siamo al confine della libertà, la tua lotta è una lotta per tutti. “È nostro dovere essere al tuo fianco fino alla fine della lotta”, ha aggiunto Pelosi.

La visita non è stata annunciata in anticipo.

QUESTO È UN AGGIORNAMENTO GENERALE DI NOTIZIE. La storia precedente di AP è la seguente.

Alcune donne e bambini sono stati evacuati da un’acciaieria, l’ultima roccaforte tra le rovine bombardate della città portuale di Mariupol, ha detto un funzionario ucraino ai media statali russi, ma si ritiene che centinaia di persone siano intrappolate con poco cibo. acqua o medicine.

Le Nazioni Unite hanno cercato di mediare l’evacuazione di un massimo di 1.000 civili che vivono sotto il grande impianto Azovstal di epoca sovietica dopo che molti tentativi precedenti erano falliti. L’Ucraina non ha detto quanti combattenti ci siano nella centrale nucleare, l’unica parte di Mariupol che non è stata catturata dalle forze russe, ma la Russia ha circa 2.000 combattenti. Circa 100.000 civili rimangono in città.

Miniatura del video di Youtube

Il portavoce umanitario delle Nazioni Unite Saviano Abreu ha affermato che l’organismo mondiale era in trattative con le autorità di Mosca, ma non ha potuto approfondire gli sforzi di evacuazione in corso “a causa della complessità dell’operazione e delle inondazioni”.

“Ora c’è un alto livello di impegno in corso con tutti i governi, comprese Russia e Ucraina, per assicurarsi di poter salvare i civili e facilitare l’evacuazione dei civili dall’impianto”, ha detto Abreu all’AP. Non ha confermato il video pubblicato sui social media, che presumibilmente mostra auto con il logo delle Nazioni Unite a Mariupol.

L’Ucraina ha accusato i bombardamenti russi in corso per molti tentativi di evacuazione falliti in passato.

Nella città di Lima, nella regione di Donetsk, dove almeno la metà della popolazione era fuggita dai bombardamenti russi, circa 20 bambini anziani, carichi di sacchi di cani e gatti, sono saliti a bordo di un minibus con la parola “evacuazione dei bambini” scritta in ucraino. . Si è trasferito nella città di Dnepr quando si sentivano esplosioni in lontananza.

“Sono venuti i liberatori e da cosa ci hanno liberato?” La nostra vita?”, ha detto Nina Mikhailenko, professoressa di lingua e letteratura russa, riferendosi alle forze russe.

Galina Zu և e suo marito Alexander hanno scelto di rimanere, non volendo lasciare il luogo in cui avevano trascorso tutta la vita.

“Non vivo molto bene. C’è una guerra qui. Stanno costantemente sparando. Le finestre di casa nostra erano rotte. “I missili sono nei cantieri”, ha detto Galina, 68 anni. “È spaventoso.”

Le forze russe hanno lanciato un’operazione militare su larga scala per impadronirsi di gran parte dell’Ucraina sudorientale, il centro industriale del paese. Sabato le forze ucraine hanno combattuto di villaggio in villaggio per fermare l’avanzata russa.

Sabato l’agenzia di stampa russa RIA Novosti ha riferito che sei bambini e 19 adulti sono stati portati fuori dall’acciaieria, ma non ha fornito ulteriori dettagli.

Un alto funzionario del reggimento Azov, un’unità a guardia della base ucraina, ha detto che 20 civili sono stati evacuati durante il cessate il fuoco e non è chiaro se si riferisse allo stesso gruppo. Nessuna conferma dall’Onu

“Queste sono donne e bambini”, ha detto Svyatoslav Palamar in un video pubblicato sul canale Telegram del reggimento. Ha anche chiamato per evacuare i feriti. “Non sappiamo perché non vengano presi, la loro evacuazione in un territorio controllato dall’Ucraina non è in discussione”.

Video և Immagini dall’interno della fabbrica condivise con l’Associated Press da due donne ucraine che affermano che i loro mariti sono tra i combattenti. Rifiutando di arrendersi lì, mostrò uomini sconosciuti con bende dipinte. altri avevano ferite aperte o arti amputati.

Il personale medico dello scheletro ha curato almeno 600 feriti, hanno affermato le donne che hanno presentato i loro mariti come membri del reggimento Azov della Guardia nazionale ucraina. Alcune ferite stavano marcendo dalla cancrena, hanno detto.

Nel video, gli uomini dicono che mangiano solo una volta al giorno, distribuiscono 1,5 litri (50 once) di acqua a quattro persone e che le risorse all’interno della struttura assediata sono esaurite.

Un uomo senza camicia, nel descrivere le sue ferite, sembrava soffrire: due costole rotte, polmoni perforati, un movimento della mano che “pendeva dal corpo”.

“Voglio dirlo a tutti quelli che lo vedono. “Se non lo fermi qui in Ucraina, andrà oltre, in Europa”, ha detto.

L’AP non è stato in grado di verificare la data del video և il luogo, che secondo le donne è stato realizzato nel labirinto dei corridoi dei corridoi sotto la fabbrica la scorsa settimana.

Le donne hanno chiesto l’evacuazione dei combattenti ucraini insieme ai civili, avvertendo che potrebbero essere torturati e giustiziati se fatti prigionieri. “Anche la vita dei soldati è importante”, ha detto Yulia Fedusyuk all’AP a Roma.

Nel suo videomessaggio notturno di sabato sera, il presidente ucraino Vladimir Zelensky ha parlato in russo, esortando le truppe russe a non combattere in Ucraina, dicendo che anche i loro generali si aspettavano la morte di migliaia di persone.

Il presidente ha accusato Mosca di reclutare nuovi soldati con “meno motivazione ed esperienza di combattimento” in modo che le unità distrutte all’inizio della guerra potessero essere ricacciate in battaglia.

“Ogni soldato russo può ancora salvarsi la vita”, ha detto Zelensky. “È meglio sopravvivere in Russia che perdersi nella nostra terra”.

In altri sviluppi.

– Il viceministro dell’agricoltura ucraino Taras Vysotsky ha dichiarato in un discorso televisivo che le forze russe hanno sequestrato centinaia di migliaia di tonnellate di grano nell’area sotto il loro controllo. L’Ucraina è uno dei principali produttori di grano, l’invasione ha fatto aumentare i prezzi mondiali, sollevato i timori di una penuria.

– Il lancio di razzi russi distrugge la pista dell’aeroporto di Odessa, la terza città più popolosa dell’Ucraina, la roccaforte del Mare del Nord, afferma l’esercito ucraino.

I corpi di tre uomini sepolti in una foresta vicino al sobborgo di Ki Bucha sono stati trovati, ha detto il capo delle forze di polizia della regione di Ki Ki. Gli uomini, i cui corpi sono stati trovati venerdì, sono stati torturati prima di essere colpiti alla testa, ha scritto Andrey Nebitov su Facebook. Funzionari ucraini affermano che le truppe russe in ritirata hanno compiuto uccisioni di massa di civili a Bucha.

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha dichiarato in un’intervista che i negoziatori russo-ucraini parlano “quasi ogni giorno”. Tuttavia, ha detto all’agenzia di stampa statale cinese Xinhua che “i progressi non sono stati facili”.

– Sono stati bombardati due autobus inviati per evacuare i residenti della città di Popelyan ad Arjelyan, è stato perso il collegamento con gli organizzatori. Lo ha detto il sindaco Nikolay Khanatov. “Sappiamo che (gli autobus) hanno raggiunto la città e poi sono stati attaccati dal gruppo sovversivo-ricognitivo del nemico”.

È stato difficile ottenere un quadro completo della battaglia nell’Ucraina orientale, poiché gli attacchi aerei e i bombardamenti di artiglieria hanno reso estremamente pericoloso il movimento dei giornalisti. Inoltre, sia l’Ucraina che i ribelli sostenuti da Mosca hanno imposto severe restrizioni ai rapporti dalla zona di guerra.

Ma gli analisti militari occidentali hanno suggerito che l’offensiva nell’area del Donbas, che include Mariupol, è molto più lenta del previsto. Finora, le truppe separatiste russe sembrano aver avuto scarso successo nel mese da quando Mosca ha annunciato che avrebbe concentrato la sua presenza militare a est.

In termini numerici, la forza lavoro russa è significativamente maggiore di quella ucraina. Pochi giorni prima dell’inizio della guerra, l’intelligence occidentale ha stimato che la Russia aveva schierato 190.000 soldati vicino al confine. L’esercito permanente dell’Ucraina è di circa 200.000, sparsi in tutto il paese.

Con una grande potenza di fuoco ancora in riserva, l’attacco della Russia potrebbe ancora intensificarsi, attaccando gli ucraini. In totale, l’esercito russo ha circa 900.000 dipendenti in servizio attivo. La Russia ha anche una forza aerea e una marina molto più grandi.

Centinaia di milioni di dollari in aiuti militari sono confluiti in Ucraina dall’inizio della guerra, ma il vasto arsenale russo significa che l’Ucraina continuerà a chiedere un enorme sostegno.

___

Pesce segnalato da Slovyansk. I giornalisti dell’Associated Press John Gambler և Yura Karmanau a Leopoli, Mstislav Chernov a Kharkov, Lolita K. Baldour a Washington, Tricia Thompson a Roma և Lo staff di AP in tutto il mondo ha contribuito a questo rapporto.

___

Segui la copertura AP della guerra in Ucraina su https://apnews.com/hub/russia-ukraine

Leave a Comment

Your email address will not be published.