Pechino limita i trasporti pubblici poiché COVID-19 è distribuito in Cina

  • Pechino ha chiuso più di 40 stazioni della metropolitana e 158 linee di autobus
  • Zhengzhou applicherà rigide restrizioni COVID la prossima settimana
  • È difficile uscire dal blocco di un mese a Shanghai

PECHINO/SHANGHAI, 4 mag. (Reuters) – La capitale cinese, Pechino, mercoledì ha chiuso decine di stazioni della metropolitana e linee di autobus nell’ambito di una campagna per fermare la diffusione del COVID 19 a Shanghai, dove milioni di persone sono sotto blocco. più di un mese.

Sono emerse nuove prove che la lotta senza compromessi della Cina contro il coronavirus, che si pensa abbia colpito il mercato di Wuhan alla fine del 2019, ne sta ostacolando la crescita e danneggiando le società internazionali che vi investono.

Nella tarda notte di martedì, un’altra città ha annunciato il lavoro da casa և altre restrizioni COVID per la prossima settimana. Nella città centrale di Zhengzhou, che ospita 12,6 milioni di persone, l’impianto Foxconn (2354.TW) di Apple si unisce a dozzine di grandi città con blocchi totali o parziali.

Iscriviti ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

La capitale ha chiuso più di 40 stazioni della metropolitana, circa un decimo della rete և 158 linee di autobus, hanno detto i fornitori di servizi. La maggior parte delle stazioni sospese si trovano nel distretto di Chaoyang, epicentro dell’epidemia di Pechino.

Con dozzine di nuovi casi al giorno, Pechino sta cercando di evitare un blocco completo, come ha fatto Shanghai all’inizio, sperando invece che i test di massa trovino e isolano il virus prima che si diffonda.

La città di 22 milioni di abitanti ha chiuso le scuole, così come alcune attività commerciali, edifici residenziali in aree ad alto rischio e molte persone che fanno scorte in caso di blocco completo. leggi di più

Dodici dei 16 distretti di Pechino hanno condotto il secondo di tre test questa settimana, conducendo tre ispezioni di massa la scorsa settimana.

La fine della chiusura non è a Shanghai.

Più di un mese dopo, la maggior parte delle persone nella città più grande della Cina continentale, il suo centro finanziario, non è ancora autorizzata a lasciare le proprie case.

Alcuni dei 25 milioni di persone di Shanghai hanno adottato misure precauzionali da domenica, quando solo a un membro della famiglia è stato permesso di camminare velocemente, prendere una boccata d’aria fresca e fare la spesa nei supermercati.

Secondo gli ultimi dati, Shanghai ha identificato 63 nuovi casi al di fuori delle aree più ristrette, suggerendo che la città ha molta strada da fare per raggiungere l’obiettivo di evitare incidenti per diversi giorni fino a quando i confini non saranno notevolmente indeboliti.

Le autorità affermano che la politica zero-COVID mira a salvare quante più vite possibili, citando i milioni di morti per COVID al di fuori della Cina, dove molti paesi stanno rifiutando la misura precauzionale “COVID”, anche quando le infezioni si stanno diffondendo.

Ma la politica danneggia i consumi interni և prodotti vegetali, sconvolge le principali catene di approvvigionamento globali և taglia i ricavi per alcuni importanti marchi internazionali come Apple (AAPL.O), Kering (PRTP.PA) madre di Gucci և Taco Owner di Bell. Yum Cina (9987.HK): leggi di più

Secondo Capital Economics, il COVID-19 si è diffuso in aree che rappresentano il 40% della produzione cinese e l’80% delle sue esportazioni, tutte con vari gradi di restrizioni.

“Le recenti tendenze della mobilità mostrano che i tassi di crescita della Cina sono notevolmente peggiorati ad aprile, quando la congestione, il traffico della metropolitana e altri indicatori ad alta frequenza erano i più deboli dall’inizio dell’epidemia”, afferma il rapporto di Fitch Ratings.

I suoi analisti hanno ridotto le loro previsioni di crescita per il 2022 al 4,3% dal 4,8%, ben al di sotto del 5,5% ufficiale cinese.

Starbucks Corp. (SBUX.O) martedì ha sospeso la sua guida per il resto del suo anno fiscale, in gran parte a causa delle restrizioni cinesi COVID. Le vendite in Cina, dove la catena si è espansa rapidamente negli ultimi anni, sono diminuite del 23%, oscurando un aumento del 12% in Nord America. leggi di più

Foxconn ha detto mercoledì che avrebbe continuato la produzione a Zhengzhou. leggi di più

Molte fabbriche hanno chiuso dopo la chiusura di Shanghai a marzo. Mentre alcuni hanno iniziato a riaprire, è diventato difficile recuperare i dipendenti mentre si affrontano catene di approvvigionamento rotte. leggi di più

Le autorità di Shanghai hanno aiutato Tesla (TSLA.O) a trasferire più di 6.000 lavoratori e svolgere lavori di disinfezione per riaprire il suo stabilimento il mese scorso, secondo una lettera inviata da Tesla ai funzionari, secondo Reuters. leggi di più

Interrompe anche il commercio internazionale.

Uno studio condotto da analisti della Royal Bank of Canada ha rilevato che un quinto della flotta globale di container è bloccato in vari porti principali. leggi di più

Nel porto di Shanghai, 344 navi erano in attesa al molo, con un aumento del 34% rispetto all’ultimo mese. Dicono che la spedizione da un magazzino cinese a un magazzino statunitense richieda 74 giorni in più del solito.

(Questa storia è attribuita per rimuovere l’inutile “in” nel titolo)

Iscriviti ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Relazione di Aizhou Chen, Hou Xianming, Brenda Gohi և Beijing և Shanghai Bureaus; Scrive Mario Zaharia; A cura di Robert Birsell

I nostri standard. Principi di Thomson Reuters Trust.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *