“Ora al collasso.” La rinascita del turismo turco sta svanendo a causa della guerra russa Notizie sulla guerra tra Russia e Ucraina:

Istambul, Turchia – Nonostante i numerosi dissidenti russi, giovani professionisti arrivati ​​in Turchia dopo l’invasione russa dell’Ucraina, si prevede che la guerra in corso porterà a una massiccia diminuzione del numero di turisti russi che verranno qui quest’anno.

Maya Lomidze, direttrice esecutiva dell’Associazione russa dei tour operator, ha dichiarato al quotidiano Dunya all’inizio di questo mese di non essere in grado di stimare il numero di russi in visita in Turchia nel 2022, aggiungendo che due milioni sarebbero un buon numero. Sarà un forte calo rispetto al 2021, quando 4,7 milioni di russi sono entrati in Turchia.

I rapporti all’inizio di quest’anno affermavano che i russi avevano salvato l’industria turistica turca nel 2021 dopo aver tentato di riprendersi dal primo anno dell’epidemia di coronavirus. I russi sono in cima alla lista delle nazionalità che sono partite per la Turchia nel gennaio-novembre dello scorso anno.

Le località turistiche dentro e intorno alla provincia mediterranea di Antalya sono particolarmente apprezzate dai turisti russi. Nello stesso periodo, il 37% di tutti i visitatori stranieri è entrato in Turchia attraverso Antalya e il 34% è arrivato a Istanbul.

Volkan Yorulmaz, presidente della Antalya Kemer Promotion Foundation, ha detto a Haberler che le cifre previste rappresenterebbero un problema per il settore turistico della regione.

Yorulmaz ha affermato che due milioni di turisti russi non saranno sufficienti entro la fine dello scorso anno, prevede che sei milioni di russi trascorreranno il resto della Turchia nel 2022.

https://www.youtube.com/watch?v=Xl2wSwtTUMw:

Oggetti turistici “a pancia in su”

Gli economisti affermano che le stime riviste potrebbero essere troppo alte.

“In primo luogo, anche due milioni di turisti russi possono essere eccessivamente ottimisti, dato il calo significativo della spesa russa, la difficoltà di ottenere carte di credito per i russi”, ha detto ad Al Jazeera Attila Yesilada, analista di Global Source Partners.

“La mia stima è che zero turisti ucraini, un piccolo numero di russi, potrebbe costare alla Turchia 3-4 miliardi di dollari di entrate turistiche”.

“Occupazione և perdite di valore aggiunto saranno significative. Cioè, ogni turista crea circa tre posti di lavoro temporanei e ogni dollaro turistico genera fino a $ 2,50 di entrate per l’industria dei resort. Infine, dopo due brutte stagioni, molti resort, che servono principalmente turisti ucraino-russi, potrebbero perdere lo stomaco senza pagare i prestiti bancari. “Non posso valutare l’entità di questo particolare problema”, ha detto.

Nel 2019, prima dell’epidemia, sette milioni di russi hanno visitato la Turchia, mentre 1,5 milioni di ucraini hanno lasciato il paese quell’anno. Essendo uno dei paesi più visitati al mondo, l’economia turca fa affidamento su un forte settore turistico.

“Nella media stagione, la Turchia riceve circa $ 25 miliardi di entrate nette in valuta estera dal turismo, che copre metà del deficit commerciale medio di $ 50 miliardi. I ricavi del turismo quest’anno possono essere in due fasi. In primo luogo, a causa delle importazioni di energia e cibo, il disavanzo delle partite correnti della Turchia dovrebbe crescere fino a 40-45 miliardi di dollari, ovvero 25 miliardi di dollari in più rispetto al 2021. In secondo luogo, quando si prevede un rapido rallentamento dell’economia tedesca durante l’anno, la crescita delle esportazioni potrebbe rallentare. aspettative”, ha spiegato Esilada.

Inflazione in aumento, lira in difficoltà

Masha è una cittadina russa che da anni chiama casa a Istanbul. Un lato della sua famiglia vive in Ucraina, l’altro in Russia, dove ora ha paura di visitare a causa dell’atmosfera politica. L’epidemia ha reso difficile la riunificazione, mentre l’attuale situazione non ha fatto che peggiorarla.

“L’anno scorso tutta la parte russa della mia famiglia è venuta in Turchia, ci siamo incontrati lì [the Antalya resort town of] Peso և abbiamo affittato una villa. “Avevamo 10 anni, non volevamo rimanere in hotel a causa dell’epidemia”, ha detto Masha ad Al Jazeera.

Quest’anno la famiglia si sarebbe incontrata in Russia, ma a causa della guerra i piani sono stati interrotti.

“Stavo parlando al telefono con mio zio di questa estate, և La Turchia è di nuovo una delle uniche opzioni praticabili. Fondamentalmente è l’unico posto in cui possiamo imbatterci, ma è difficile perché i voli sono follemente costosi, quattro volte più costosi dell’anno scorso. “E finanziariamente, la mia famiglia non è nelle migliori condizioni in Russia in questo momento”, ha detto Masha, aggiungendo che anche altri piani di viaggio della famiglia in Turchia sono stati interrotti.

Allo stesso tempo, il calo del turismo e la conseguente perdita di miliardi di dollari di ricavi dovrebbero avere un impatto significativo sull’economia turca anche dopo la fine della stagione, scrivendo notizie peggiori tra l’aumento dell’inflazione e il calo del mercato turco lira.

“Il governo prevedeva di fissare il tasso di cambio fino all’estate attraverso misure amministrative, come il sistema di deposito della lira protetta in valuta estera, l’obbligo di riscatto del 40% per gli esportatori. “Entro la fine dell’estate, l’aumento dei ricavi del turismo e il calo dei prezzi dell’energia avrebbero aumentato l’offerta di dollari, consentendo alla lira di prendere piede più forte per il resto dell’anno”.

“Allora è semplicemente venuto alla nostra attenzione. Stimo che Ankara dovrà trovare fino a 20 miliardi di dollari di finanziamenti esteri per proteggere la lira per il resto dell’anno. “Se questo importo non può essere garantito, le restrizioni valutarie sono una possibilità significativa”.

https://www.youtube.com/watch?v=sdsmdfu4-ME:

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *