Nuovo Star Trek. Strange New Worlds rende Pik un tipo diverso di uomo

Nel 1965, il produttore televisivo Gene Roddenberry ha donato alla NBC “Cage”, un episodio pilota del suo western spaziale. Star Trek:. Lo spettacolo vede Jeffrey Hunter nei panni del Capitano della USS Enterprise Christopher Pike, un comandante di una nave stellare con una scheggia sulla spalla e gli occhi nascosti. Accanto al primo stoico assassino di un alieno macchiato di nome Spock, noto solo come “Numero Uno”, Pike affronta una razza di alieni telepatici che potrebbero non distinguere i suoi pensieri più oscuri o desideri più profondi dalla realtà. La “gabbia” offre al pubblico uno scorcio di intimità con Pike, che mostra che il suo tipo forte e silenzioso nasconde una grande quantità di ansia, insoddisfazione per se stesso. È una storia vertiginosa e pesante, և I dirigenti della NBC erano cauti nel considerare uno spettacolo d’avventura “atipico” come una telenovela, ma erano abbastanza interessati da impegnarsi per un secondo. Star Trek: pilota. Quando Jeffrey Hunter si rifiutò di tornare, Rodinbery decise che invece di trasformare Pike, avrebbe creato un nuovo protagonista. Non crudele il capitano James T. Kirk, interpretato da William Shatner, sarebbe poi diventato uno degli artisti più famosi del XX secolo.

Ora il personaggio che potrebbe essere rimasto un curioso gioielliere della Paramount nella storia della gioielleria, invece di tornare alla sedia del Capitano per una nuova serie spin-off a grande richiesta, Star Trek. Strani nuovi mondi:. Non più una reliquia degli anni ’60, Christopher Pike è risorto come un poster del futuro idealistico di Gene Roddenberry, come lo vediamo oggi, emergendo come un personaggio completamente nuovo. Ma questa opportunità non sarebbe mai apparsa se non fosse stato per un fatto imbarazzante. Fare un televisore è molto costoso.

All’inizio della pianificazione della prima stagione Star Trek: 1966 A marzo, Jean Rodinbery dubitava che uno spettacolo così tecnicamente complesso avrebbe probabilmente avuto un budget limitato: il programma. Per alleviare in una certa misura questa pressione, ha creato un modo per includere il primo pilota nella serie in corso, essenzialmente come un insieme di feedback. L’episodio in due parti risultante, The Menagerie, conferma che Pike era il Capitano Enterprise prima di Kirk, che il signor Spock, l’unico primo pilota a raggiungere la serie, ha servito come i due.

Immagine: fondamentale

Avvicinati al volante di Discovery

Immagine: fondamentale

La creazione di The Menagerie è stata una decisione pratica che ha permesso alla produzione di spremere il budget in due episodi, ma ha dato vita alla mitologia di Star Trek, la sensazione che l’Enterprise, il suo equipaggio, fossero la galassia in cui viaggiavano. aveva una storia al di fuori dello spettacolo stesso. Le differenze tra le vecchie inquadrature, i nuovi decori, i decori, i costumi sono una testimonianza del passare del tempo, consentendo ai fan di essere ossessionati dai futuri cambiamenti estetici. La combinazione del presente dello spettacolo è stata una visione pienamente realizzata del suo passato Star Trek:Il primo passo dall’essere uno show televisivo spazio.

Mezzo secolo fa, Christopher Pike divenne la figura centrale di quell’universo. 2019 Inferno su ruote la star Anson Mount ha assunto il ruolo del capitano Pike Star Trek: Scoperta, l’ammiraglia della serie Trek ad alto budget della Paramount per i servizi di streaming. Come i lungometraggi Star Trek: և: Star Trek nell’oscurità (dove interpreta Bruce Greenwood) Rivelazione Peak rappresenta un comandante più anziano ed esperto, amico e protagonista di Michael Burnham (Sonekva Martin-Green). L’incarico di una stagione di Pique come cast regolare Rivelazione È diventato così popolare tra i fan di Trek che inevitabilmente è diventato uno spin-off con il suo և reinterpretato Number One (Rebecca Romin) e Spock (Ethan Peck). Dopo un episodio pilota di tre minuti in mongolfiera Campagne brevi Con la partecipazione di Pike’s Enterprise, Star Trek. Strani nuovi mondi: è stato ufficialmente annunciato a maggio 2020.

In alcuni modi, Strani nuovi mondi è la serie che Gene Roddenberry ha cercato di vendere alla NBC con “Cage” nel 1965. È una scuola volutamente vecchia. Star Trek: show, riportando il franchise alle sue radici come una serie a episodi che assume il “compito della settimana” e poi passa coraggiosamente a quello successivo. Il cast include versioni giovani di personaggi familiari Serie originale:tra cui il cadetto Nyota Uhura (Celia Rose Gooding) e l’infermiera Christine Chapel (Jesse Bush). Christopher Pike, d’altra parte, è andato avanti rispetto a dove lo abbiamo trovato in Cage, permettendo ad Anson Mount di interpretarlo come qualcuno che è cresciuto oltre il comandante rude e autorevole che ha visto nel pilot del 1965. Grazie agli sforzi congiunti di Mount e The Rivelazione և: Strani nuovi mondi stanza degli scrittori Star Trek:Il leader originale è diventato un esempio molto più moderno di leadership collaborativa e compassionevole.

“Jeffrey [Hunter] “Pike ci ha dato un’ottima performance di ‘prima azione'”, afferma Mount. “Era un uomo molto giovane, molto autosufficiente. Gli sceneggiatori volevano che fossi la “seconda azione” Peak, che è un po’ più sicuro dei suoi panni, sa che tipo di leader, che tipo di uomo vuole essere.

Christopher Pike nella posizione di Wonder Woman in piedi su un ponte

Foto di Marni Grossman / Paramount Plus

“Penso [Star Trek’s] “I valori sono stati intonati nel tempo, negli spettacoli”, afferma Akiva Goldsman, coautore di Strani nuovi mondi così come uno dei produttori coinvolti con Pike a bordo Rivelazione durante la sua seconda stagione. Cita inclusività, ottimismo e curiosità come una delle proposte filosofiche più durature di Trek. “Penso che le manifestazioni stilistiche di questi tratti siano culturali, cambiano con il mutare delle culture delle epoche. Penso che la leadership espressa da Jim Kirk oggi sarebbe problematica. Penso che oggi non avresti scritto un’immagine del genere [who] stavi cercando di renderlo attraente. “La narrazione moderna, per fortuna, richiede un approccio leggermente più ponderato e moderno a come interagiscono gli umani o come interagiscono gli esseri non umani”.

È facile capire cosa significhi Goldsman. Se la reputazione di Kirk come dipendente da soap opera è più il risultato di meme pre-Internet che del testo stesso, la scala del suo ego non è stata certo esagerata. Kirk è il direttore esecutivo. Spock e il dottor McCoy sono suoi amici intimi e consiglieri, ma il resto del personale è più o meno trattato come uno strumento della sua volontà. Si fa carico della necessità di stare fuori dalla vita agli occhi del suo staff, mettendolo sotto una forte tensione emotiva, che deve anche nascondere. I Capitani di Star Trek Picard, Janeway և Hunter Pike soffrono afflizioni simili.

Ma Mount’s Pike non ha tali insicurezze. Quando appare per la prima volta Rivelazione Per prendere le redini della nave del titolo, trova l’equipaggio che è stato recentemente ferito dalla manipolazione e dal tradimento del loro ex capitano, Gabriel Lorca. Percependo la loro ansia, Pike cerca di rassicurarli riconoscendo le proprie vulnerabilità, come l’asma infantile e il fallimento del corso di astrofisica all’Accademia della Flotta Stellare. Quando chiama sul ponte, dice loro di stare fuori dai loro ranghi, un gesto per allineare la gerarchia di ispirazione militare della Flotta Stellare. Nel bel mezzo dei discorsi moderni sull’eredità della mascolinità velenosa, Piqué sembra aver lasciato quei brutti effetti nella sua polvere cosmica.

“Penso che ci sia un ottimismo intrinseco in Trek”, afferma Anson Mount, “l’idea che ci stiamo dirigendo tutti verso un domani migliore, un futuro più luminoso”. Questo è un futuro in cui non stiamo solo imparando gli scacchi tridimensionali, ma in cui i nostri angeli migliori hanno vinto; è un po’ universale”. Da parte sua, a Mount non è mai piaciuta la frase “mascolinità non tossica”. “La vera mascolinità”, dice, “non è velenosa, in contrasto con l’insicura postura macho”.

Pike parla con il suo subordinato mentre Spock lo guarda

Foto di Marni Grossman / Paramount Plus

“Questo Pike è un consenso”, afferma Goldsman, che attribuisce l’evoluzione di questa caratteristica cruciale all’influenza di Anson Mount. durante lo sviluppo di Strani nuovi mondiMount ha avuto un incontro con il coautore di Goldsman և Henry Alonso Myers sul personaggio, che ha portato all’aggiunta di una cucina completa alla cabina di Pike. “Dice Enson. “Sai come lo faccio a casa, sono sempre in cucina”, c’è un libero flusso di informazioni che sembra promuovere la cooperazione, oserei dire. Impresa: cucinando. Questo: [version of] Pike guida riunendo questa grande famiglia, questo personale, attorno al tavolo, partecipando alla preparazione del cibo արտահայտ l’espressione delle idee. ”

Il secondo episodio di Strani nuovi mondi Inizia con il cadetto Uhura che si unisce all’equipaggio di plancia per cenare nella cabina di Payk, un pasto aiutato da alcuni membri del personale di alto rango. Ma non è invitato solo il personale di comando, ma anche i sottufficiali e il personale che possono impedirgli di entrare in contatto con quanto accaduto sulla nave. Che sia a un tavolo da conferenza, su un ponte o su un pianeta alieno, il capitano Pike è un ascoltatore; cerca di comunicare il più apertamente possibile con ogni estraneo, alleato o avversario. Non è infallibile, ma è pronto ad ammettere la sua colpa ea concedere punti. Akiva Goldsman considera la compassione di Pique la chiave della sua vocazione in questo periodo tumultuoso della nostra storia.

Pike è seduto al tavolo mentre Spock è in piedi e lo guarda

Foto di Marni Grossman / Paramount Plus

“Ha grazia”, ​​dice Goldsman. “Ha un atteggiamento compassionevole e clemente verso il suo staff, la Federazione, i suoi nemici, i suoi nuovi amici, la Galassia stessa. Penso che sia qualcuno che è guidato dalla compassione, dall’idea che ciò che non conosci è importante, se non di più, di ciò che conosci.

“E raggiungendo quell’oscurità figurata, o nel nostro caso, spesso letteralmente, stellata, possiamo imparare; se impariamo, cresceremo. E se cresciamo, saremo i migliori l’uno dell’altro. Penso che sia un’idea umanistica enorme, molto vitale in questo momento, in un momento in cui la compassione è così carente, ci vediamo l’un l’altro come nemici a causa della minima differenza. Pike no. Ti vede come un potenziale amico, aperto al contatto con te alle tue condizioni. Penso che sia quello che vogliamo oggi”.

Star Trek è sempre stato uno show televisivo ambizioso. Anche le sue storie più brillanti si basano sull’ottimismo, sulla convinzione che il futuro dell’umanità non sia solo più tecnologicamente avanzato ma anche socialmente in evoluzione. Sebbene Star Trek abbia sempre mirato a mostrare quella crescita dipingendo un futuro più diversificato, eguale e inclusivo, c’è anche una grande convenienza nel piccolo cambiamento nelle relazioni tra gli individui. Un’immagine come quella di Christopher Pike, che in origine faceva parte di un futuro stellare, ci permette non solo di impegnarci, ma anche di misurare i progressi che stiamo cercando di fare. Nel 1965, il capitano Pike era un uomo avventuroso con una faccia di pietra che nascondeva il suo cuore dietro un muro di fama. Nel 2022 lo porta sul braccio, aperto e vulnerabile. Il Capitano della Flotta Stellare oggi Domani non è né un capo né un genitore per il suo staff. È prima di tutto un amico.

Star Trek. Strani nuovi mondi: Paramount Plus debutterà il 5 maggio. Ogni giovedì escono nuovi episodi.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *