“Non esiste una filiera”. L’industria dell’energia verde va di fretta

  • I parchi eolici hanno registrato un calo significativo dei profitti nell’ultimo anno poiché i prezzi dell’energia pulita sono aumentati e le nuove installazioni sono state ritardate a causa della carenza nella catena di approvvigionamento, dell’incertezza del mercato e della crisi ucraina.
  • “Uno dei problemi di questo settore nel suo insieme è che, poiché si basa su sussidi governativi e mandati governativi, il suo valore di mercato non è mai realmente noto”, ha affermato Daniel Turner, CEO di Power the Future.
  • “Dal 90% al 95% della catena di approvvigionamento non esiste”, ha detto ai giornalisti il ​​CEO di RJian RJ Scarringe ad aprile, secondo il Wall Street Journal.

I prezzi delle energie rinnovabili sono aumentati notevolmente, mentre i nuovi parchi eolici sono crollati nell’ultimo anno, anche se i governi continuano a spingere per programmi ambiziosi sul clima.

Sia gli Stati Uniti, l’Unione Europea che altri paesi occidentali e organizzazioni internazionali perseguono tutti programmi aggressivi per il clima che includono l’espansione delle tecnologie per l’energia rinnovabile, le infrastrutture, l’aumento dei prezzi e il calo dei profitti, secondo i rapporti del settore. . Il presidente Joe Biden ha fatto una serie di promesse sul cambiamento climatico, tra cui l’impegno a eliminare le emissioni di carbonio dalla rete entro il 2035 e a zero emissioni nette entro il 2050, spingendo per una lunga lista di politiche anti-combustibili fossili.

I mercati delle materie prime associati allo sviluppo globale delle energie rinnovabili sono stati sconvolti dall’inflazione, dai problemi della catena di approvvigionamento derivanti dall’epidemia di COVID-19 e dalla recente invasione russa dell’Ucraina. Anche quando la domanda per il progetto è rimasta elevata, la redditività del settore è diminuita a causa di questi fattori.

“Uno dei problemi di questo settore nel suo insieme è che, poiché si basa su sussidi statali, mandati governativi, il suo valore di mercato non è mai realmente noto”, ha affermato Daniel Turner, CEO di Power the Future. : DCNF nell’intervista.

“È una grande bugia quando gli ambientalisti dicono ‘a buon mercato’, non sappiamo quanto costi veramente”, ha continuato Turner. “Può darsi, non nego che possa esserlo, ma il fatto è che non sappiamo davvero quanto costa il vento”. (COMUNICAZIONE: i consumatori stanno per essere schiacciati poiché i servizi energetici vanno all’eolico e al vento)

Il prezzo medio della tecnologia delle energie rinnovabili in Nord America è cresciuto di un “sbalorditivo” 28,5% tra l’inizio del 2021 e l’inizio del 2022, secondo un rapporto di mercato dell’industria delle energie rinnovabili di LevelTen del 13 aprile. Costi di sviluppo, problemi della catena di approvvigionamento և L’incertezza del mercato è la causa della battuta d’arresto, nonostante la crescente domanda di energia verde, afferma il rapporto.

Inoltre, il completamento di parchi eolici negli Stati Uniti è diminuito drasticamente negli ultimi due anni, il costo totale di investimento di tali progetti è sceso da $ 46,2 miliardi nel 2019 a $ 7,5 miliardi nel 2021, secondo Industrial Info Resources Il rapporto è stato pubblicato il 21 aprile. Nello stesso periodo, il numero di aerogeneratori completati è sceso da 240 a 66, in calo del 73%.

“La difficoltà di ottenere finanziamenti, le sfide normative o la mancanza di capacità nella rete di trasmissione sono tre sfide a lungo termine per la produzione di energia rinnovabile”, ha affermato Brit Bert, Vice President of Global Energy Industry Research presso Industrial Info Resources.

“Finché persisteranno questi innumerevoli venti opposti, possiamo aspettarci un aumento [prices] in tutto il Nord America “, ha affermato Gia Clark, CEO di LevelTen Energy, all’inizio di aprile.

Il 17 maggio, un dipendente ad Alexandria, in Virginia, ha installato pannelli solari sul tetto di una chiesa. (Andrew Caballero-Reynolds / AFP Getty Images)

“L’industria deve diventare più redditizia”

Le nuove installazioni di pannelli solari industriali necessarie per interrompere la transizione dalla dipendenza dai combustibili fossili diminuiranno del 14% negli Stati Uniti, secondo un rapporto di marzo della Solar Energy Industry Association in un rapporto di marzo con la società di ricerca Wood Mackenzie. Secondo il rapporto, le bollette sono aumentate del 18% l’anno scorso a causa dell’inflazione e dei problemi della catena di approvvigionamento.

Ad esempio, JinkoSolar, che è uno dei più grandi al mondo I produttori di pannelli solari hanno registrato un calo annuo del 41,7% degli utili nel 2021, sebbene le consegne siano aumentate del 34,5%. La più grande azienda solare del mondo, Longi Green Energy Technology, ha suggerito che i suoi profitti diminuiranno nel 2022 a causa dell’aumento dei costi dell’elettricità, ha riferito Bloomberg all’inizio di aprile.

Allo stesso tempo, il completamento dei progetti eolici globali è diminuito dell’1,8% dal 2020 al 2021, del 20% in Cina և 4,2% negli Stati Uniti durante quel periodo, si prevede che saranno lontani da tali obiettivi. , che l’industria deve realizzare per garantire una transizione verde. nel prossimo decennio, secondo le previsioni annuali 2022 del Global Wind Energy Council. Il gruppo ha affermato che l’industria eolica “non stava quasi crescendo velocemente o abbastanza velocemente”.

Vestas è una società di turbine eoliche con la più grande quota di mercato al mondo L’utile nel 2021 è stato di 176 milioni di euro, con un enorme calo del 77,2% rispetto al 2020 e dell’80% rispetto al 2017. La società ha registrato un calo dei profitti, anche se le entrate sono aumentate di anno in anno.

“Il settore deve diventare più redditizio per fornire soluzioni energetiche rinnovabili և oggi և soluzioni energetiche di domani”, hanno scritto Bert Nordberg, CEO di Vestas, e il CEO Henrik Andersen. agli investitori a febbraio. “L’impatto del COVID-19 nel 2021, in particolare l’aumento dei costi logistici delle materie prime, ha ridotto la redditività in tutto il settore”.

I principali gruppi di energia rinnovabile, le principali società solari ed eoliche, i politici hanno sostenuto generosi sussidi e prestiti per le tecnologie verdi. I democratici negli Stati Uniti hanno promesso ulteriori $ 100 miliardi di sussidi per le energie rinnovabili nel prossimo decennio come parte del Build Back Better Act. (COMUNICAZIONE: i prezzi dell’energia aumenteranno poiché Biden dirigerà più gas naturale in Europa)

“Era un’industria creata dall’industria fin dall’inizio”, ha detto al DCNF Dan Kish, un ricercatore senior presso l’Energy Research Institute.

Il presidente Joe Biden si trova accanto a un caricabatterie per auto elettriche a Washington l'8 febbraio (Anna Moneymaker / Getty Images)

Il presidente Joe Biden si trova accanto a un caricabatterie per auto elettriche alla Casa Bianca l’8 febbraio. (Anna Moneymaker / Getty Images)

“Non c’è filiera”

I fautori delle energie rinnovabili, tra cui il presidente Biden, alti funzionari della Casa Bianca e legislatori democratici. suggerito: che l’invasione russa dell’Ucraina ha mostrato la follia di fare affidamento sui combustibili fossili, la crisi ha interrotto le tecnologie verdi. Le tecnologie rinnovabili come turbine eoliche, pannelli solari, accumulatori di batterie su scala industriale e veicoli elettrici richiedono un’ampia gamma di minerali provenienti da tutto il mondo.

La Russia, la Cina e altri paesi ostili controllano gran parte della catena di approvvigionamento minerario globale, ha affermato la Casa Bianca in un rapporto del 2021. sulle catene di approvvigionamento. Il prezzo del nichel dopo l’invasione dell’Ucraina aumentato di oltre il 100% a $ 100.000 per tonnellata a causa della minaccia di sanzioni sui mercati delle materie prime russe.

“I media non hanno coperto il valore di nichel, cobalto, alluminio, manganese o litio”, ha detto Kish a DCNF. “Ad esempio, le batterie al litio. “Se vuoi chiamare benzina il carburante dei motori a combustione interna, allora il litio è il carburante per le auto elettriche”.

La recente instabilità dei mercati delle materie prime a seguito della crisi ucraina, tuttavia, potrebbe portare a “cambiamenti potenzialmente a lungo termine”, secondo Wood Mackenzie. (CONTATTO: “È un grosso problema.” Gli alti prezzi dell’elettricità in California scuotono il sogno dei veicoli elettrici di Biden)

Allo stesso tempo, il capo di Rivian, uno dei principali produttori di auto elettriche, ha avvertito che la creazione di una catena di approvvigionamento delle batterie, che include l’estrazione, la lavorazione e il confezionamento di batterie costose, rimane un enorme ostacolo per l’industria poiché i governi spingono per più politica. , Wall Street: riporta il Giornale. Ad esempio, Biden ha promesso di sviluppare una politica per garantire che il 50% delle vendite di auto nuove negli Stati Uniti sia privo di emissioni entro il 2030 e qualsiasi aumento della flotta di 600.000 auto del governo federale entro il 2035 sarà elettrico.

“Molto semplicemente, la produzione globale di dispositivi mobili insieme è inferiore al 10% di cui abbiamo bisogno in 10 anni”, ha detto ai giornalisti il ​​CEO di Rivian RJ Skaring ad aprile, secondo il WSJ. “Cioè, dal 90% al 95% della catena di approvvigionamento non esiste.

Kish ha osservato che il prezzo del litio è aumentato del 1000% negli ultimi due anni.

Il contenuto creato da The Daily Caller News Foundation è disponibile gratuitamente per qualsiasi editore di notizie idoneo che può raggiungere un vasto pubblico. Per opportunità di licenza per i nostri contenuti originali, contatta licensing@dailycallernewsfoundation.org.

Leave a Comment

Your email address will not be published.