Meretz MK Rinawie Zoabi lascia la coalizione, mettendola in minoranza

La deputata di sinistra di Meretz Jaida Rinavie Zoaby si è dimessa dalla coalizione giovedì pomeriggio, riducendola a una Knesset di minoranza e portandola sull’orlo del collasso.

Si dice che l’opposizione guidata dal Likud, che la scorsa settimana ha respinto i piani per sciogliere la Knesset e spingere per nuove elezioni, avrebbe cercato di approvare tale legislazione la prossima settimana, a seconda che ora ritenga di poter ottenere una maggioranza semplice. La Knesset da 120 posti.

In una lettera al primo ministro Naftali Bennett e al ministro degli Esteri Yair Lapid, i leader della coalizione Rinavi Zoab hanno affermato che la sua mossa era dovuta a una svolta di destra del governo.

“Purtroppo, negli ultimi mesi, a causa di ristrette considerazioni politiche, i leader della coalizione hanno scelto di mantenere e rafforzare la loro destra”, ha scritto.

Rinavi Zoab, il cui rifiuto di votare con la coalizione ha causato grattacapi ai suoi colleghi sui grandi progetti di legge, doveva trasferirsi a Shanghai per servire come console di Israele nella capitale cinese. Ha ritirato la sua candidatura per il posto quando ha lasciato la coalizione, ha detto il portavoce.

La sua partenza arriva appena sei settimane dopo le dimissioni dell’ex coalizione և Yamina MK Idit Silman. Prima che la partenza di Silman spingesse la coalizione alla pari con l’opposizione, Rinavi Zoab la ridusse a una minoranza di 59-61.

Nella sua lettera di dimissioni, il legislatore di sinistra ha accusato la coalizione profondamente divisa di adottare “posizioni da falco” su questioni importanti per la società araba. Ha individuato la demolizione delle case palestinesi costruite illegalmente, una legge molto controversa che vieta ai palestinesi sposati con israeliani di ottenere la residenza permanente in Israele.

Rinawi ha definito il mese scorso Zoab “intollerabile”, citando i recenti scontri tra palestinesi e polizia sul Monte Temple a Gerusalemme, compreso l’assassinio della giornalista di Al Jazeera Shirin Abu Aklei nella città giordana di Jenin, alla periferia di Jenir.

Ha anche criticato la violenza della polizia al funerale di Abu Akhleh a Gerusalemme venerdì. Il filmato della scena mostra la polizia israeliana che picchia i palestinesi, inclusi alcuni cestini che trasportano, che hanno iniziato un corteo funebre improvvisato. Alcuni palestinesi hanno lanciato oggetti contro la polizia prima che iniziasse la dispersione.

La polizia israeliana ha poi affermato che gli agenti si erano scontrati con la polizia antisommossa, che ha scagliato oggetti contro la polizia e sequestrato con la forza la bara di Abu Akleh. In un’intervista con The Times of Israel, suo fratello Anton ha respinto la dichiarazione della polizia come “illogica e falsa”.

“Non piu! “Non posso più sostenere l’esistenza di una coalizione che sta perseguitando gli arabi con questo uovo vergognoso”, ha scritto Rinavi Zoab.

Il nuovo membro della Knesset, Rinavi Zoabi, è stato visto alla Knesset il 5 aprile 2021, prima dell’apertura della nuova Knesset. (Olivier Fitusi / Flash90)

Rinavi Zoab, 50 anni, viene dalla città di Nazareth, nel nord dell’Israele. Prima di entrare in politica alle elezioni della Knesset del 2021, ha diretto un’organizzazione senza scopo di lucro che lavora per migliorare l’autogoverno locale nel mondo arabo.

Un funzionario di Meretz ha detto al Times of Israel che il partito ha appreso delle dimissioni solo quando la notizia si è diffusa giovedì pomeriggio. Relatore: Rinavi Zoab ha rifiutato di commentare se avesse informato i suoi amici messicani prima di annunciare le sue dimissioni.

Rinavi Zoab non ha richieste immediate o condizioni per poter tornare nella coalizione, ha detto il suo portavoce a The Times of Israel. “È troppo presto per parlare di richieste. Per ora è fuori dalla coalizione”.

E dopo la coalizione?

I governi israeliani non cadono solo perché hanno una minoranza. devono essere abbassati. Tuttavia, la partenza di Rinavi Zoabi è un duro colpo per la coalizione portabandiera, che ora è vulnerabile all’opposizione, che può avere fino a 61 seggi.

La scorsa settimana, il partito di opposizione del Likud ha presentato un piano per sciogliere la Knesset e introdurre un disegno di legge per forzare le elezioni, poiché non è riuscito a ottenere il sostegno necessario. In quanto disegno di legge di opposizione, il provvedimento deve passare la prima delle quattro letture a maggioranza semplice o essere annullato entro i prossimi sei mesi. Avrà quindi bisogno di una maggioranza assoluta di almeno 61 MK per cancellare le sue prossime tre letture.

Riducendo a 59 la coalizione di Rinavi Zoab, il Likud potrebbe riconsiderare la presentazione di un disegno di legge per scioglierla mercoledì. Fonti del partito hanno affermato giovedì pomeriggio che la notizia era troppo fresca per una decisione.

Tuttavia, anche l’opposizione è profondamente divisa. Un blocco di destra di 54 legislatori con sei seggi nel blocco a maggioranza degli Emirati Arabi Uniti, uno di Rinawi Zoabi. Il portavoce di Rinavi Zoabi ha rifiutato di commentare se avrebbe votato per lo scioglimento della Knesset.

Due legislatori del blocco di destra, Idit Silman e Amichai Chikli, sono stati eletti membri del partito di coalizione Yamina.

Se il governo fallisce a causa delle dimissioni di Rinawi Zoabi, Bennett rimarrà primo ministro in vista delle elezioni fino alla formazione di un nuovo governo. (Se la coalizione fosse stata condannata dal membro uscente della coalizione di destra di Bennett, il Segretario di Stato Lapid avrebbe servito come Primo Ministro provvisorio in base agli accordi di coalizione.)

Rinavi Zoab è stato a lungo considerato la spina nel fianco del suo gruppo. Durante la campagna elettorale del 2021, ha detto alla rete televisiva arabo-israeliana che non avrebbe votato per il divieto della cosiddetta “terapia di conversione” per le persone LGBT.

L’omosessualità rimane un argomento molto dibattuto nella comunità arabo-israeliana. Tuttavia, Rinavi Zoab era in corsa contro il partito di sinistra Meretz, che da tempo difende i diritti LGBT, il cui leader Nice Horowitz è gay.

In qualità di legislatore, anche Rinavi Zoab si è opposto alla linea della coalizione. A gennaio, ha silurato un voto a porte chiuse a favore dell’arruolamento ortodosso estremista nell’esercito israeliano per protestare contro le politiche del governo negro e contro la controversa legge sulla cittadinanza.

Meretz MK Ghaida Rinawie Zoabi alla sessione plenaria della Knesset il 28 febbraio 2022. (Jonathan Sindel / Flash90)

La legge sulla cittadinanza generalmente vieta ai palestinesi che sposano israeliani di ottenere la residenza permanente in Israele. La legislazione è stata approvata come misura di sicurezza durante la Seconda Intifada, ma molti politici israeliani l’hanno sostenuta come mezzo per preservare la maggioranza ebraica di Israele.

Decine di migliaia di arabi israeliani sono sposati con palestinesi in Cisgiordania, a Gaza. Il disegno di legge è scaduto lo scorso luglio dopo che la coalizione non ha prorogato il divieto. A marzo, le ONG dell’opposizione della coalizione hanno unito le forze per rimettere in vigore la legge sui legislatori arabo-israeliani di sinistra.

In seguito a quel voto, a Rinavi Zoabi è stato subito offerto il posto di prossimo console generale di Israele a Shanghai. Molti osservatori hanno visto la mossa come un tentativo del ministro degli Esteri Lapid di isolare una variabile sconosciuta della coalizione.

Ma Rinavi Zoab sarebbe entrato in carica solo alla fine di questa estate. Giovedì ha annunciato che avrebbe ritirato la sua candidatura per quella posizione e sarebbe rimasto alla Knesset.

I legislatori del Likud del leader dell’opposizione Benjamin Netanyahu hanno accolto con favore le dimissioni di Rinavi Zoabi.

“Il governo fallito di Bennett և Lapid è diventato un governo di minoranza”, ha dichiarato Yariv Lևin, senior del Likud MK. “Ora è chiaro che il governo ha perso il diritto di esistere”.

Il leader del partito United List, Ayman Odeh, ha accolto con favore la decisione di Rinavi Zoabi di lasciare la coalizione. Come Rinavi Zoabi, Odeh ha criticato l’attuale governo definendolo troppo di destra.

“La maggior parte della società lo vuole [Arab-Jewish] associazione. “Ma perché ciò accada, la maggioranza sana deve essere separata dall’estrema destra”, ha commentato Odeh.

Il parlamentare laburista Ibtisam Mara’ana, come Rinavi Zoab, un membro arabo-israeliano del partito sionista, si è detto dispiaciuto per le dimissioni di Rinavi Zoab dalla coalizione.

“Ogni giorno in cui questa coalizione sopravvive è un giorno in cui la quantità di luce è maggiore della quantità di oscurità”, ha detto Marana in una nota.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *