L’Ucraina riferisce che i civili sono stati evacuati dall’acciaieria di Mariupol

L’Ucraina ha annunciato sabato che tutte le donne, i bambini e gli anziani sono stati evacuati dall’acciaieria Azovstal, l’ultima parte del territorio controllato dall’Ucraina nella città portuale meridionale di Mariupol, poiché le città ucraine sono rimaste sull’orlo di un importante attacco russo vacanza. Dedicati alla vittoria militare, nuove battaglie scoppiarono lungo il fronte orientale.

“L’ordine del presidente è stato eseguito”, ha detto il vice primo ministro ucraino Irina Vereshchuk in una dichiarazione inviata a Telegram, offrendo meno dettagli. “Questa parte dell’operazione umanitaria Mariupol è finita”.

Secondo le Nazioni Unite, più di 5,8 milioni di rifugiati sono fuggiti dai combattimenti in Ucraina da quando la Russia ha lanciato la sua invasione il 24 febbraio. In un messaggio al suo popolo sabato sera, il presidente ucraino Vladimir Zelensky ha affermato che più di 300 civili sono stati salvati da un’acciaieria nei giorni scorsi, “sono stati compiuti sforzi per preparare la seconda evacuazione dei feriti e dei paramedici”.

Zelensky ha detto che stava lavorando per evacuare le truppe ucraine dall’orribile massacro nello stabilimento, una missione che ha descritto come “estremamente difficile”. I militari all’interno del complesso hanno finora respinto le richieste di resa della Russia, ma i funzionari sono preoccupati che Mosca voglia che l’acciaieria venga livellata come premio simbolico in vista delle celebrazioni annuali del Giorno della Vittoria della Russia lunedì.

“Ma non perdiamo la speranza”, ha detto Zelensky. “Non ci fermiamo. “Ogni giorno cerchiamo un’opzione diplomatica che possa funzionare”.

La ricerca del segno della vittoria da parte del Cremlino è diventata più urgente poiché le forze russe hanno fatto pochi progressi nei loro tentativi di prendere il controllo dell’Ucraina nord-orientale. Di sabato, L’esercito ucraino afferma che le sue forze hanno respinto le truppe di Mosca da alcune postazioni di artiglieria vicino a Kharkov, la seconda città più grande del paese. Situata all’estremità nord-orientale della zona di battaglia, a sole 25 miglia dal confine russo, la città è stata oggetto di incessanti bombardamenti sin dai primi giorni di guerra.

Tuttavia, l’attacco schiacciante della Russia è continuato in altre parti del paese. Sabato, un funzionario ucraino ha accusato la Russia di aver lanciato una bomba su una scuola nel distretto di Bilohorivka, nella regione orientale di Luhansk, in Ucraina. Il capo dell’amministrazione militare della regione di Luhansk, Sergei Hayday, ha scritto sul Telegram che circa 90 persone si erano rifugiate nella scuola. Ha detto che finora 30 persone sono state salvate dalle macerie.

“Quasi l’intero villaggio è stato nascosto”, ha scritto, notando che la scuola ha offerto l’unico rifugio sotterraneo per la comunità dopo che il club sociale della città è stato colpito. “Il seminterrato della scuola era l’unico luogo di salvezza, ma i russi hanno tolto questa opportunità alla gente”.

Nella regione di Kharkov, ha detto Zelensky, un missile russo ha distrutto un museo di inclinazioni socratico-stoiche in onore del poeta, compositore e filosofo del XVIII secolo Hriori Skovoroda.

In un rapporto operativo sabato mattina presto, l’esercito ucraino ha affermato che le sue truppe stavano contrattaccando vicino a Kharkov, che le forze russe avevano fatto saltare in aria tre ponti nel tentativo di rallentare la spinta.

Indipendentemente dal fatto che la città stessa sia rimasta in mano ucraina durante la guerra, l’esercito russo ha utilizzato i sobborghi occupati come base da cui partire per colpire la città, che era stata la casa di circa 1,5 milioni di persone prima dell’invasione russa.

Sabato le forze ucraine hanno dichiarato di aver ripreso il controllo della città di Tsirkuni, a circa 10 miglia a nord-est di Kharkov. Anche l’Ucraina ha insistito Un drone russo ha distrutto una classe Serena nel Mare del Nord con un attacco di droni. Le immagini satellitari analizzate dall’Associated Press mostrano droni ucraini che livellano la maggior parte degli edifici dell’isola dei serpenti occupata dai russi, che sembrava un carrello di atterraggio di classe Serena.

Ma gli attacchi ucraini a Snake Island non sono rimasti impuniti. Il portavoce del ministero della Difesa russo Igor Konashenkov ha affermato che un aereo russo aveva abbattuto un bombardiere Su-24 ucraino, un caccia Su-27, tre elicotteri Mi-8 con paracadutisti e due droni Bayraktar-TB2 vicino all’isola di Snakes, riferisce Tass.

La Russia ha lanciato sei missili da crociera contro la città portuale meridionale di Odessa. Secondo il consiglio comunale di Odessa, quattro razzi hanno colpito un’azienda privata di mobili, distrutto grattacieli in una zona residenziale e due razzi hanno colpito la pista dell’aeroporto, il sistema di controllo del volo. Non ci sono informazioni sulle vittime.

“Il nemico continua non solo la distruzione fisica delle infrastrutture della regione, ma anche la pressione psicologica sulla popolazione civile”, ha affermato nel Telegram dopo l’attacco il comando delle operazioni militari del sud ucraino. “La nazione ucraina è indistruttibile”.

Dopo una serie di battute d’arresto per la Russia, l’Ucraina teme che Mosca si indignerà. In un videomessaggio nella tarda notte di venerdì, Zelensky ha esortato gli ucraini a prestare attenzione durante il fine settimana in vista di una parata militare russa durante le vacanze.

Sabato più del solito truppe ucraine sono state avvistate per le strade della capitale Ki.

“Chiedo a tutti i nostri cittadini, soprattutto in questi giorni, di non ignorare i segnali dei bombardamenti aerei”, ha detto Zelensky. “Per favore, questa è la tua vita, la vita dei tuoi figli.”

Alla vigilia del 77° anniversario del Giorno della Vittoria, che è il giorno dell’accettazione ufficiale della resa incondizionata della Germania nazista da parte degli alleati della seconda guerra mondiale, il segretario di Stato americano Anthony J. Guerra brutale “non stimolata” contro l’Ucraina. ”

Coloro che studiano il passato, ha detto Blinken in una nota, capiscono che Zelensky և il popolo ucraino “incarna lo spirito di coloro che hanno prevalso” durante la seconda guerra mondiale. “Dobbiamo aumentare la nostra determinazione”, ha detto, “per resistere a coloro che ora stanno cercando di manipolare la memoria storica per portare avanti le proprie ambizioni”.

In segno di sostegno all’Ucraina, domenica i leader delle sette maggiori economie avanzate del mondo, compresi gli Stati Uniti, terranno consultazioni video con Zelensky.

Il presidente Biden prenderà parte ai colloqui del G7 con il leader ucraino, che sono in parte volti a riaffermare la comune determinazione in risposta alla guerra di 10 settimane, ha affermato la Casa Bianca. Il G-7 comprende anche Gran Bretagna, Francia, Germania, Giappone, Canada e Italia.

Sabato, un alto legislatore russo ha criticato il coinvolgimento degli Stati Uniti in Ucraina, accusando l’amministrazione Biden di “partecipare alle ostilità” contro la Russia fornendo all’Ucraina informazioni, non solo armi e attrezzature.

“Washington, infatti, sta sviluppando operazioni militari nel sistema, partecipando così direttamente alle operazioni militari contro il nostro Paese”, ha scritto in un post di Telegram Vyacheslav Volodin, portavoce della camera bassa della Duma russa.

La retorica bellicosa del Cremlino dovrebbe essere associata a una festa commemorativa della vittoria dell’Unione Sovietica sulla Germania nazista, ma l’Ucraina è anche pronta a punire possibili attacchi su aree civili o qualche nuovo tentativo di Mosca di prendere un’azione militare. quello che analisti occidentali e funzionari militari descrivono come un attacco brutale ma instabile.

Nell’analisi pubblicata sabato. Spia militare britannicaE ha citato “pesanti perdite per alcune delle unità più potenti della Russia”. A causa di problemi con la linea di rifornimento, pesanti perdite e truppe scarse, il mese scorso il comando russo ha smesso di tentare di catturare Ki e ha spostato la sua attenzione sul fronte orientale.

“Ci vorrà molto tempo e denaro dalla Russia per riorganizzare le sue forze armate dopo questo conflitto”, afferma la dichiarazione britannica.

L’Institute for War Studies, un think tank con sede a Washington che monitora gli sviluppi sul campo di battaglia, ha affermato in una recente valutazione che l’Ucraina stava contrattaccando fuori Kharkov, aggiungendo che le truppe potrebbero “cacciare con successo le forze russe dalla città nei prossimi giorni”. .

Nella battaglia in corso per il controllo della regione orientale del Donbas, l’esercito ucraino ha annunciato sabato di aver respinto otto attacchi russi nelle ultime 24 ore. Allo stesso tempo, la Russia ha intensificato i suoi attacchi alle infrastrutture dell’Ucraina, fornite dall’Occidente.

Sabato il ministero della Difesa russo ha dichiarato di aver distrutto un arsenale di alleati USA-Europa vicino a una stazione ferroviaria nella regione di Kharkov. Si dice che le forze russe abbiano colpito di notte 18 strutture militari, incluso il deposito di munizioni di Odessa. Le affermazioni non possono essere verificate immediatamente da sole.

Il soldato russo accompagna un uomo-bambino evacuato venerdì dall’acciaieria “Azovstal” a Mariupol, in Ucraina.

(Alexey Alexandrov/Associated Press)

La recente evacuazione di donne, bambini e anziani a Mariupol dal gigantesco stabilimento Azovstal, dove centinaia di civili si sono rifugiati sottoterra per settimane con le truppe ucraine, ha segnato la fine di una lunga e tesa operazione di salvataggio. Circa 50 civili sono stati evacuati venerdì, ha detto Vereshchuk, dopo che le violazioni russe del cessate il fuoco locale hanno rallentato i soccorsi.

L’operazione di salvataggio, condotta con il Comitato Internazionale della Croce Rossa dell’ONU, non si è conclusa senza vittime. Il consigliere comunale di Mariupol Peter Andriushchenko ha scritto nel Telegram che tre soldati ucraini sono morti durante il tentativo di evacuazione e altri sei sono rimasti feriti.

“Soffriranno terribilmente, perché non sono rimaste medicine nei bunker”, ha scritto.

“Politici e leader mondiali si ringraziano a vicenda per la riuscita evacuazione dei civili”, ha aggiunto. “Per qualche ragione, nessuno applaude coloro che hanno sacrificato la propria vita per la vita dei civili. Hanno dato la vita perché gli altri si godessero l’aria fresca”.

King ha riferito da Key e Jarvin da Atlanta.

Leave a Comment

Your email address will not be published.