L’enorme MEGARAPTOR era lungo 33 piedi e pesava 5 tonnellate quando inseguì l’Argentina 70 milioni di anni fa.

I predatori predatori con i loro artigli e movimenti agili erano senza dubbio uno dei dinosauri più spietati mentre vagavano per la Terra.

Gli scienziati hanno ora scoperto i resti di una nuova specie di megaraptor che era lungo 33 libbre e pesava cinque tonnellate, che infestava le foreste dell’Argentina 70 milioni di anni fa.

I ricercatori del Consiglio nazionale per la ricerca scientifica e tecnica hanno soprannominato la nuova specie Maip macrothorax e ritengono che sia il più grande megaraptor mai scoperto.

Gli scienziati hanno scoperto i resti di una nuova specie di megaraptor, che era lungo 33 piedi e pesava cinque tonnellate quando vagava per le foreste dell’Argentina 70 milioni di anni fa.

Macrotorace di Maip. Incontra il megaraptor

Lunghezza:30-33 piedi (9-10 metri)

Il peso:5 tonnellate

Movimenti:Poteva stare in piedi, camminare o correre in piedi

Elenchi:13,7 pollici di lunghezza

Posizione:El Calafat, 1677 miglia da Buenos Aires

Orario70 milioni di anni fa

Le ossa di Megaraptor sono state trovate a El Calafat, a 1677 miglia da Buenos Aires, giorni prima dello scoppio dell’epidemia globale.

“Con Maip, abbiamo battuto l’epidemia”, ha detto Fernando Novas, il team leader che ha raccolto le ossa.

L’analisi delle ossa ha mostrato che Mayp era probabilmente lungo 30-33 piedi (9-10 metri) e pesava circa cinque tonnellate, circa il doppio di un rinoceronte.

La sua colonna vertebrale era costituita da enormi vertebre collegate da un sistema di muscoli, tendini e legamenti, secondo il team.

Ciò ha permesso al dinosauro gigante di stare in piedi sulle zampe posteriori mentre camminava o correva.

“Le ossa di Maip ci hanno aiutato a capire meglio l’anatomia dei megaraptor”, ha affermato Mauro Aranziga Rolando, autore principale dello studio.

“Appartengono a una famiglia il cui scheletro non assomigliava a quello di un tirannosauro, un animale grande ma pesante ma piuttosto leggero”.

Secondo il team, la sua colonna vertebrale era costituita da enormi vertebre collegate da un sistema di muscoli, tendini e legamenti.

Secondo il team, la sua colonna vertebrale era costituita da enormi vertebre collegate da un sistema di muscoli, tendini e legamenti.

Il Maip aveva una lunga coda e gambe lunghe, oltre a enormi artigli lunghi 13,7 pollici, che sarebbero serviti come sua arma principale.

Il Maip aveva una lunga coda e gambe lunghe, oltre a enormi artigli lunghi 13,7 pollici, che sarebbero serviti come sua arma principale.

“In altre parole, le loro ossa non erano forti, ma avevano un gran numero di vuoti interni, che le rendevano molto più leggere, qualcosa come un mattone cavo rispetto a uno pieno”.

Maype aveva una lunga coda e gambe lunghe, oltre a enormi artigli lunghi 13,7 pollici, che sarebbero serviti come sua arma principale.

Il primo megaraptor è stato scoperto nel 1996 a Neuquen, in Argentina, e successivamente in Australia, Giappone e Thailandia.

“Quando ho avuto la fortuna di trovare il primo megaraptor a Neuquen, è stato un grande shock perché era un enorme carnivoro con le sue mani lunghe circa quaranta centimetri, una cosa senza precedenti”, ha detto Novas.

Il primo megaraptor è stato scoperto nel 1996 nella città di Neuquen in Argentina, e successivamente in Australia, Giappone e Thailandia.

Il primo megaraptor è stato scoperto nel 1996 nella città di Neuquen in Argentina, e successivamente in Australia, Giappone e Thailandia.

Le ossa di Megaraptor sono state trovate a El Calafat, a 1677 miglia da Buenos Aires, giorni prima dello scoppio dell'epidemia globale.

Le ossa di Megaraptor sono state trovate a El Calafat, a 1677 miglia da Buenos Aires, giorni prima dello scoppio dell’epidemia globale.

“I parenti più piccoli di questa specie sono stati successivamente trovati in Australia. Successivamente, in altre parti della Patagonia, la famiglia di questi pericolosi predatori si espanse.

“Queste rivelazioni sono integrate con Maip. Ora abbiamo uno dei և più grandi e stabili, che visse nell’area fino alla fine dell’estinzione di massa del gesso. ”

El Calafat, l’area in cui è stato scoperto il Maip, sarebbe stata molto diversa, secondo il team, 70 milioni di anni fa.

“Era un ecosistema caldo”, ha spiegato Novas.

“C’erano lumache acquatiche, molte piante diverse, era una foresta, quasi con giungle, pozzanghere, laghi, ruscelli, varie creature come rane, tartarughe, pesci, piccoli uccelli e mammiferi.

«La catena delle Ande non era ancora salita. Da tutti gli organismi che vivevano allora raccoglievamo resti fossili, e ora con Maip abbiamo aggiunto un supercomputer che ci permette di riempire la piramide alimentare.

Se la scoperta dello scheletro di Mappa aiuta a far luce sulla vita dei megaraptor rimane senza risposta.

“I megaraptor sono predatori piuttosto misteriosi. Maype ci ha aiutato a collegare alcuni fini liberi, in particolare la loro parentela con altri dinosauri predatori. «Altre cose», aggiunse il signor Rolando.

Il team ora prevede di rivisitare il sito in previsione di raccogliere maggiori informazioni sui megaporter.

I DINOSAURI VENGONO UCCISO. COME L’ASTEROIDE DELLA CITTÀ HA UCCISO IL 75% DI ANIMALI E PIANTE

Circa 66 milioni di anni fa, i dinosauri non uccelli si estinsero e più della metà delle specie del mondo si estinse.

Questa estinzione di massa ha aperto la strada alla crescita dei mammiferi e all’emergere dell’uomo.

L’asteroide Chicxulub è spesso citato come una possibile causa dell’estinzione del Paleogene-Cretaceo.

L’asteroide si tuffò nel mare poco profondo in quello che oggi è il Golfo del Messico.

La collisione ha creato un’enorme nuvola di polvere, che ha causato il cambiamento climatico globale, distruggendo il 75% di tutte le specie animali e vegetali.

I ricercatori affermano che la fuliggine necessaria per una tale catastrofe globale potrebbe essere causata solo dall’impatto diretto sulle rocce nelle acque poco profonde intorno al Messico, che sono particolarmente ricche di idrocarburi.

Gli esperti ritengono che entro 10 ore dall’impatto, un enorme tsunami abbia colpito la costa del Golfo.

Circa 66 milioni di anni fa, i dinosauri non uccelli si estinsero e più della metà delle specie del mondo si estinse.  Chicxulub è spesso citato come una possibile causa dell'estinzione del Paleogene-Paleogene (immagine d'archivio)

Circa 66 milioni di anni fa, i dinosauri non uccelli si estinsero e più della metà delle specie del mondo si estinse. Chicxulub è spesso citato come una possibile causa dell’estinzione del Paleogene-Paleogene (immagine d’archivio)

Ha causato terremoti e frane in regioni fino all’Argentina.

Durante le indagini sull’incidente, i ricercatori hanno trovato piccole particelle di roccia, altri frammenti, che sono stati lanciati in aria durante lo schianto dell’asteroide.

Queste minuscole particelle, chiamate sfere, ricoprono il pianeta con uno spesso strato di fuliggine.

Gli esperti spiegano che la perdita di luce solare ha causato un completo collasso del sistema idrico.

Questo perché la base di fitoplancton di quasi tutte le catene alimentari acquatiche verrebbe eliminata.

Si stima che l’evoluzione di oltre 180 milioni di anni che ha portato il mondo al punto di gesso sia stata distrutta durante la vita del Tyrannosaurus rex, che è di circa 20-30 anni.

Leave a Comment

Your email address will not be published.