Le vittime sono arrabbiate quando il figlio del dittatore si avvicina alla presidenza delle Filippine

Di Karen Lema

MANILA (Reuters) – L’ex prigioniera politica Christina Bavagan indossa ancora l’abito che indossava il giorno in cui è stato arrestato, torturato e aggredito sessualmente dai soldati durante la brutale legge marziale del defunto dittatore filippino Ferdinand Marcos.

Baagan teme che gli orrori del governo di Marcos saranno alleviati se suo figlio vincerà le elezioni presidenziali della prossima settimana, una vittoria che darà il via a una lotta politica durata tre decenni per una famiglia espulsa in una rivolta del 1986 dal “governo popolare”.

Conosciuto come “Bongbong”, Marcos Jr. ha beneficiato di ciò che alcuni analisti politici descrivono come decenni di sforzi di pubbliche relazioni per cambiare la percezione della sua famiglia, accusata di vivere sontuosamente al timone di una delle cleptocrazie più famose dell’Asia.

Gli oppositori della famiglia affermano che le elezioni presidenziali sono un tentativo di riscrivere la storia, cambiare la storia della corruzione e dell’autoritarismo associati all’era del padre.

“Queste elezioni non sono solo una lotta per una carica elettiva, è anche una lotta contro la disinformazione, le false voci, il razionalismo storico”, ha detto ai sostenitori a marzo il principale rivale di Marcos nella corsa alla presidenza, Lenny Robredo.

TSEK.PH, l’iniziativa per verificare i fatti relativi al voto del 9 maggio, ha dichiarato a Reuters il mese scorso di aver negato numerose accuse di legge marziale, che secondo lui sarebbero state utilizzate per ripristinare il record di diffamazione di Markos Snr. , per eliminare o eliminare.

Marcos Jr. non ha risposto a una richiesta di commento da Reuters.

Markos Jr., che la scorsa settimana ha definito il suo defunto padre un “genio politico”, ha precedentemente negato le accuse di disinformazione e il suo portavoce ha affermato che Marcos non stava conducendo una campagna negativa.

Bavagan, 67 anni, dice che le vittime della legge marziale come lui avrebbero dovuto condividere le loro storie per opporsi al regime dell’anziano Marcos come un’età pacifica e d’oro per il sud-est asiatico.

“È molto probabile che vedano le prove principali che ciò sia realmente accaduto”, ha detto Bavagan mentre mostrava l’abito stampato, che era strappato sotto il collo, dove il torturatore gli teneva il petto con una lama e gli accarezzava i seni.

MIGLIAIA PRIGIONIERI, UCCISO

L’anziano Mark ha governato per due decenni dal 1965, quasi la metà sotto la legge marziale.

Durante quel periodo, 70.000 persone sono state imprigionate, 34.000 torturate e 3.240 sono state uccise, secondo Amnesty International, una cifra interrogata da Mark Jr. in un’intervista a gennaio.

L’attivista Bavagan è stato arrestato il 27 maggio 1981 dai soldati nello stato di Noja Esija per presunto sabotaggio e portato in un “rifugio sicuro” dove è stato picchiato mentre cercavano di estorcergli una confessione.

“Sono stato schiaffeggiato in faccia ogni volta che non erano soddisfatti delle mie risposte, era costante”, ha detto Bavagan. “Mi hanno colpito duramente le cosce, mi hanno battuto le orecchie, mi hanno strappato l’aspirapolvere (vestito), mi hanno accarezzato il petto.”

“La parte più difficile è stata quando mi hanno messo qualcosa nella vagina. È il peggio, ho sempre urlato. “Sembrava che nessuno stesse ascoltando”, ha detto Bavagan, madre di due figli.

“NESSUN ARRESTO”

In un’intervista con Marcos Jr., apparsa su YouTube nel 2018, Juan Ponce Enrique, che ha servito come ministro della Difesa del defunto dittatore, ha affermato che nessuno era stato arrestato per aver criticato le sue opinioni politico-religiose o per aver criticato l’anziano Marcos.

Tuttavia, durante la legge marziale, più di 11.000 vittime della brutalità dello stato sono state successivamente risarcite utilizzando milioni di dollari dai depositi bancari svizzeri di Marcos, parte dei miliardi che la famiglia ha prelevato dal tesoro del paese e restituito al governo filippino. Tra loro c’era Felix Dalisa, detenuto per 17 mesi nell’agosto del 1973 dopo essere stato picchiato e torturato dai soldati che cercavano di costringerlo a denunciare ad altri attivisti, facendolo soffrire di perdita dell’udito.

“Mi hanno preso a calci ancor prima che salissi su una jeep militare, quindi sono caduto e ho colpito il suolo con la faccia”, ha detto Dalisa, indicando una cicatrice sull’occhio destro mentre raccontava il giorno del suo arresto.

Quando sono arrivati ​​al quartier generale militare, Dalisa ha detto di essere stato portato in una stanza degli interrogatori, dove i soldati gli avevano ripetutamente battuto le orecchie, preso a calci e calci, a volte con il calcio di un fucile, durante l’interrogatorio.

“Hanno iniziato a infilarmi proiettili in una pistola calibro 45 tra le mie dita e a stringermi la mano. Mi ha fatto davvero male. “Se non fossero soddisfatti delle mie risposte, mi colpirebbero”. .

Il ritorno al potere di Marcos è inimmaginabile per Dalise, che questo mese ha compiuto 70 anni.

“Il nostro sangue ribolle al pensiero”, ha detto Dalise. “L’anziano Marcos ha dichiarato la legge marziale, poi diranno che nessuno è stato arrestato o torturato. “Parliamo qui finché siamo vivi”.

(Rapporto di Karen Lema, a cura di Lincoln Fest).

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *