Le vendite al dettaglio e la produzione negli Stati Uniti aumentano le prospettive economiche

  • Le vendite al dettaglio sono aumentate dello 0,9% ad aprile
  • Crescita delle vendite al dettaglio di marzo dallo 0,5% all’1,4%
  • Il commercio al dettaglio principale è aumentato dell’1,0%; Marzo è stato rivisto all’1,1%
  • La produzione ad aprile è aumentata dello 0,8%

WASHINGTON, 17 maggio (Reuters) – Le vendite al dettaglio negli Stati Uniti sono cresciute notevolmente ad aprile, poiché i consumatori hanno acquistato più auto con il miglioramento dell’offerta e l’aumento della spesa nei ristoranti, rilanciando l’economia all’inizio del secondo trimestre.

Il più ampio aumento delle vendite al dettaglio riportato martedì dal Ministero del Commercio ha mostrato che la domanda è rimasta forte nonostante l’inflazione elevata, l’indebolimento del sentimento dei consumatori e l’aumento dei tassi di interesse.

Ciò ha alleviato i timori di una recessione imminente. La forza di fondo dell’economia è stata sottolineata da altri dati che mostrano un’accelerazione della produzione ad aprile.

Iscriviti ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

La crescita salariale, guidata dalle lotte dei lavoratori svantaggiati e dagli enormi risparmi accumulati durante l’epidemia di COVID-19, è la base per la spesa. Anche i consumatori stanno aumentando l’uso delle carte di credito. Ma il potere di spesa significa che la Federal Reserve deve attenersi al suo piano per congelare la domanda.

“Il commercio al dettaglio deve limitare le preoccupazioni sul rischio di crescita e mantenere i funzionari della Fed fermamente concentrati sull’aumento dei tassi di interesse per affrontare l’inflazione troppo alta”, ha affermato Matthew Masicott, economista di Citigroup a New York. “Ad un certo punto, l’aumento dei prezzi ridurrà la domanda dei consumatori, rallenterà l’inflazione, ma per ora, i forti venti provenienti dall’aumento dei redditi nominali e dal credito al consumo stanno guidando la domanda”.

Le vendite al dettaglio sono aumentate dello 0,9% il mese scorso. I dati di marzo sono stati rivisti al rialzo per mostrare che la crescita delle vendite è stata dell’1,4%, in aumento rispetto allo 0,5% precedentemente riportato. La crescita delle vendite al dettaglio di aprile, che ha rispecchiato sia la forte domanda che l’aumento dei prezzi, è stata in linea con le aspettative degli economisti. Le vendite sono aumentate dell’8,2% anno su anno.

Le vendite al dettaglio sono costituite principalmente da materie prime; l’inflazione non è rettificata, che probabilmente ha raggiunto il suo picco. L’inflazione dei prezzi al consumo ad aprile è aumentata dell’8,3% su base annua.

Le vendite al dettaglio sono state trainate dai ricavi dei concessionari di auto, che sono aumentati del 2,2% dopo essere scesi dell’1,6% a marzo. Ciò ha compensato il calo del 2,7% delle vendite alle stazioni di servizio. I prezzi alla pompa sono scesi dai minimi storici di aprile. Tuttavia, a partire da martedì, erano saliti a una media di $ 4.523 per gallone, secondo l’AAA.

Escludendo la benzina, le vendite al dettaglio sono aumentate dell’1,3%. I ricavi di bar, ristoranti, unica categoria di servizi nel bilancio delle vendite al dettaglio, sono aumentati del 2,0%. Le vendite di negozi di abbigliamento sono aumentate dello 0,8% poiché un numero maggiore di dipendenti è tornato negli uffici. Le vendite nei negozi online sono aumentate del 2,1%.

Grandi risultati sono stati raggiunti anche nel campo della vendita al dettaglio di elettronica e ferramenta, oltre che nel campo della vendita nei negozi di mobili. Tuttavia, le vendite di materiali da costruzione, attrezzature da giardino e forniture nei negozi sono diminuite dello 0,1%. Le vendite di articoli sportivi, hobby, strumenti musicali e librerie sono diminuite dello 0,5%.

Le azioni di Wall Street sono scambiate al rialzo. Il tasso di cambio del dollaro è sceso nei confronti del paniere valutario. Il rendimento del Tesoro USA è aumentato.

FORTE DOMANDA

Con un record di 11,5 milioni di posti di lavoro creati a fine marzo, i salari stanno aumentando, consentendo ai consumatori a corto di liquidità di prendere un secondo lavoro o di assumere turni extra, fornendo un certo margine di manovra contro l’inflazione. Le famiglie hanno almeno 2 trilioni di dollari di risparmi in eccedenza, alcuni dei quali vengono utilizzati per coprire le spese. La compensazione per i lavoratori americani nel primo trimestre ha registrato il suo reddito più alto in più di tre decenni.

Tuttavia, con l’adozione da parte della Federazione di una politica monetaria aggressiva, le vendite al dettaglio dovrebbero rallentare entro la fine di quest’anno.

La Federal Reserve statunitense ha alzato il suo tasso di interesse politico di 75 punti base da marzo. La Fed dovrebbe aumentare il tasso di interesse di mezzo punto percentuale durante la prossima sessione politica in giugno-luglio.

La National Retail Federation ha salutato l’aumento delle vendite come una dimostrazione di flessibilità dei consumatori, ma ha esortato la Casa Bianca e il Congresso degli Stati Uniti ad abolire le tariffe sulle merci cinesi, ad approvare una legislazione per correggere la catena di approvvigionamento o ad affrontare la riforma dell’immigrazione per allentare le tensioni sul mercato del lavoro.

Home Depot Inc. (HD.N) martedì ha alzato le sue previsioni annuali sugli utili e sulle vendite in quanto ha registrato una crescita delle vendite comparabile nel primo trimestre, mentre Walmart (WMT.N) ha riportato un forte calo degli utili trimestrali e tagli agli utili anno su anno Informazioni su: prospettiva. leggi di più

Escludendo automobili, benzina, materiali da costruzione e servizi di ristorazione, le vendite al dettaglio sono aumentate dell’1,0% ad aprile. Anche i dati di marzo sono stati rivisti al rialzo per mostrare che questo cosiddetto grande commercio al dettaglio è cresciuto dell’1,1% invece del precedente 0,1%.

Le principali vendite al dettaglio sono maggiormente allineate alla componente di spesa dei consumatori del prodotto interno lordo. La crescita costante delle principali vendite al dettaglio del mese scorso indica che la spesa dei consumatori è iniziata con forza nel secondo trimestre.

Principali vendite al dettaglio և PIL:

Elevate spese per i consumatori զգալի Significativi investimenti delle imprese in attrezzature hanno contribuito a sostenere la domanda interna nel primo trimestre, anche se il PIL è sceso a un tasso annuo dell’1,4% a causa del deficit commerciale record e delle scorte in ottobre-dicembre. era.

La Fed di Atlanta ha alzato le previsioni di crescita del PIL per il secondo trimestre dall’1,8% al 2,5%.

Un rapporto separato della Fed di martedì ha mostrato che la produzione industriale è aumentata dello 0,8% il mese scorso, in linea con la crescita di marzo, superando le aspettative di crescita dello 0,4% degli economisti. La produzione negli stabilimenti automobilistici è aumentata del 3,9% il mese scorso dopo un’accelerazione dell’8,3% a marzo.

Prodotti industriali

Di conseguenza, l’utilizzo della capacità nel settore manifatturiero, che misura il modo in cui le imprese utilizzano tutte le proprie risorse, è aumentato di 0,6 punti percentuali al 79,2% ad aprile. Questo è stato il livello di utilizzo della capacità più elevato dall’aprile 2007, con un aumento di 1,1 punti percentuali al di sopra della media a lungo termine. leggi di più

“L’aumento dell’utilizzo della capacità fornisce un’ulteriore prova che i problemi della catena di approvvigionamento si stanno attenuando, con una produzione più elevata che contribuisce a rallentare l’inflazione”, ha affermato Gus Faucher, capo economista presso PNC Financial a Pittsburgh.

Iscriviti ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Relazione di Lucia Mutikani; A cura di Chizu Nomiyama և Paul Simao

I nostri standard. Principi di Thomson Reuters Trust.

Leave a Comment

Your email address will not be published.