Le truppe ucraine arrese a Mariupol sono registrate come prigionieri di guerra

KIEV, Ucraina (AP) – Centinaia di altri caccia ucraini all’interno di un’acciaieria bombardata a Mariupol si sono arresi a 1.700, ha detto la Russia giovedì tra i timori internazionali per il destino dei prigionieri a Mosca.

La Croce Rossa ha cercato di registrare i soldati come prigionieri di guerra al fine di garantire il loro trattamento umanitario in conformità con le Convenzioni di Ginevra.

Allo stesso tempo, durante il primo processo per crimini di guerra commessi dall’Ucraina, un soldato russo fatto prigioniero ha testimoniato di aver sparato alla testa a un cittadino ucraino disarmato e di aver chiesto alla vedova della vittima di perdonarlo. All’inizio della settimana, il soldato si è dichiarato colpevole, ma i pubblici ministeri hanno presentato prove contro di lui in conformità con la legge ucraina.

L’assedio di Mariupol durato quasi tre mesi, che ha reso la strategica città portuale un simbolo degli orrori della guerra, si è conclusa quando l’ultima roccaforte della resistenza ha continuato a lasciare l’acciaieria Azovstal con l’ordine di salvarla nuovamente. le loro vite.

L’esercito russo afferma che un totale di 1.730 soldati ucraini si sono arresi all’acciaieria da lunedì. Almeno alcuni dei russi sono stati portati in un’ex colonia criminale in un’area controllata dai separatisti sostenuta da Mosca. Un funzionario separatista ha detto che gli altri erano stati ricoverati in ospedale.

Non era chiaro quanti combattenti fossero rimasti nel labirinto dei tunnel e dei bunker della fabbrica. La Russia ha stimato nelle ultime settimane che stava combattendo circa 2.000 soldati in un’acciaieria.

Il Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) afferma di aver registrato centinaia di prigionieri nello stabilimento in base a un accordo raggiunto tra Russia e Ucraina. Non disse se avesse visitato i prigionieri.

Mentre l’Ucraina ha affermato di sperare di restituire i soldati durante lo scambio di prigionieri, le autorità russe hanno minacciato di indagare su alcuni crimini di guerra, di perseguirli, definendoli “nazisti” – criminali.

La difesa dell’acciaieria è stata guidata dal reggimento Azov ucraino, le cui origini di estrema destra sono state catturate dal Cremlino come parte degli sforzi per dichiarare la sua invasione dell’Ucraina una guerra contro l’influenza nazista.

Queste minacce e accuse hanno sollevato timori per le ritorsioni russe contro i combattenti catturati.

Amnesty International ha chiesto alla Croce Rossa di reclutare truppe, citando presunte esecuzioni da parte delle forze russe in Ucraina, affermando che i sostenitori di Azovstal “non dovrebbero subire la stessa sorte”.

L’evacuazione della centrale nucleare consentirà alla Russia di rivendicare il pieno controllo di Mariupol – una vittoria tanto attesa, ma al momento è molto simbolica, poiché la città è già sotto il controllo di Mosca, secondo gli analisti militari la maggior parte delle forze russe ha già lasciato a causa di lunghi combattimenti. :

Miniatura del video di Youtube

Tuttavia, sarebbe stata un’ovvia vittoria nella guerra, che ha lasciato Mosca con una serie di battute d’arresto di fronte alla resistenza ucraina inaspettatamente dura. Le truppe di Ki, rinforzate con armi occidentali, hanno contrastato l’obiettivo iniziale della Russia di attaccare la capitale. ուժ Le forze di Mosca erano impegnate nel Donbas, nella regione industriale orientale che il presidente Vladimir Putin ora intende occupare.

Lo stupefacente successo delle truppe ucraine in presenza di una forza più grande e meglio armata ha rafforzato la fiducia di Ki, ha affermato giovedì un alto funzionario.

Mikhail Podolyak, consigliere del presidente ucraino Vladimir Zelensky, che ha preso parte a diversi round di colloqui con la Russia, ha scritto su Twitter a Mosca:

“Fino a quando la Russia non sarà pronta a liberare completamente i territori occupati, la nostra squadra negoziale è un’arma, sanzioni, denaro”, ha scritto.

Ma la Russia ha annunciato la sua intenzione di esercitare la sua influenza sui territori occupati dalle sue forze durante l’invasione russa. Il vice primo ministro russo Marat Khusnullin ha visitato la regione di Kherson-Zaporozhye, che è sotto il controllo russo, poco dopo l’inizio dell’invasione a febbraio di questa settimana. Nelle sue parole, le agenzie di stampa russe hanno affermato che avrebbero fatto parte della “nostra famiglia russa”.

Inoltre, il capo della regione di Kherson nominato dal Cremlino Vladimir Saldo è apparso in un video su Telegram, dove ha detto ai funzionari regionali che Kherson “è controllato dalle forze armate della Federazione Russa, ma in futuro diventerà subordinato alla Russia. ” Federazione”.

Svezia e Finlandia, temendo che le ambizioni di Putin vadano oltre l’Ucraina, questa settimana hanno chiesto di aderire alla NATO per difenderla dalla Russia, affermando che il processo è stato messo a repentaglio dalla Turchia, membro della NATO.

La Turchia ha accusato i due paesi nordici di ospitare militanti curdi e altri che vede come una minaccia alla sua sicurezza, asilo o altra assistenza. Ciascuno dei 30 paesi della NATO ha un effettivo veto sui nuovi membri.

“Abbiamo detto ai nostri rispettivi amici che diremo ‘no’ alla Finlandia և Svezia e all’adesione alla NATO, և continueremo per la nostra strada in questo modo”, ha detto il presidente Recep Tayyip Erdo ։an in un video diffuso giovedì.

Sul campo di battaglia, l’esercito ucraino ha affermato che le forze russe avevano attaccato varie parti del fronte del Donbas, ma sono state respinte. Il governatore della regione di Luhansk ha affermato che quattro civili sono stati uccisi nei bombardamenti russi, mentre le autorità separatiste di Donetsk hanno affermato che due persone sono state uccise nei bombardamenti ucraini.

Sul lato russo del confine, il governatore della regione di Kursk ha affermato che l’autista del camion è stato ucciso dai bombardamenti dell’Ucraina.

Durante il processo per crimini di guerra a Ki, il sergente Vadim Shishimarin, un membro di 21 anni dell’unità di carri armati russi, ha detto alla corte di aver sparato alla testa al 62enne ucraino Oleksandr Shelipov su ordine dell’ufficiale.

Shishimarin ha detto che non ha obbedito al primo ordine, ma ha sentito di non avere altra scelta che obbedire all’ordine quando è stato ripetuto da un altro ufficiale. Ha detto che gli era stato detto che l’uomo poteva dire alle forze ucraine dove si trovavano.

Il pubblico ministero ha contestato che Shishimarin avesse agito secondo l’ordine, dicendo che l’ordine non proveniva dal comandante diretto.

Shishimarin si è scusata con la vedova della vittima, Katerina Shelipovan, che ha descritto di aver visto suo marito ucciso a colpi di arma da fuoco vicino alla loro casa nei primi giorni dell’invasione russa.

Ha detto alla corte che pensava che Shishimarini meritasse l’ergastolo, il massimo possibile, ma che non gli dispiacerebbe se fosse scambiato per un possibile scambio con i difensori delle piante dell’Azovstal.

___

McQuillan riportato da Leopoli. I giornalisti dell’Associated Press Yura Karmanau a Leopoli, Andrea Rosa a Kharkov, Amer Madhani a Washington e altri membri dello staff di AP in tutto il mondo.

___

Segui la copertura CC della guerra in Ucraina: https://apnews.com/hub/russia-ukraine

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *