Le elezioni locali in Gran Bretagna sono in parte un referendum su Boris Johnson

Quando si carica un’azione articolo del patto

LONDRA – Il primo ministro Boris Johnson ha ricevuto questa settimana una standing ovation nel parlamento ucraino. Secondo quanto riferito, la città ucraina di Fontanka, vicino a Odessa, prende il nome da una strada. E il presidente dell’Ucraina Vladimir Zelensky ha affermato che il suo Paese “sarà sempre grato a Boris e alla Gran Bretagna” per il loro sostegno durante la guerra.

Ma mentre il premier continua a scrivere nei tweet le sue foto Passeggiando per Kiel con Zelensky il mese scorso, non è ancora diventato un eroe nel Regno Unito. Il suo partito conservatore dovrebbe colpire duramente alle elezioni generali locali di giovedì, che almeno in parte sono viste come un referendum su Johnson.

La Gran Bretagna invierà veicoli blindati in Ucraina per evacuare i civili

Gli elettori hanno molto in mente quando vanno alle urne per riempire i loro comuni di sindaci e membri del consiglio. La crisi del costo della vita ha messo in ombra il Covid come una delle principali preoccupazioni nei sondaggi di opinione. L’inflazione nel Regno Unito ha raggiunto il 7%, il livello più alto da oltre tre decenni.

Ma il modo in cui il governo ha gestito l’epidemia rimane una questione di urgenza: queste elezioni sono la prima opportunità per gli elettori di tutto il paese di dire la loro dopo lo scandalo Partygate scoppiato per la prima volta in autunno.

Il Primo Ministro e il suo staff stanno attualmente subendo non una, non due, ma tre indagini in corso su dozzine di scontri scioccanti che hanno avuto luogo durante i gravi blocchi del coronavirus.

Il rapporto del funzionario Sue Gray ha già rivelato che le parti sono coinvolte in “fallimenti di giudizio di leadership”.

La polizia della metropolitana di Londra ha già inflitto 50 multe penali, tra cui Johnson, rendendolo il primo primo ministro in carica a infrangere la legge. Fonti della polizia ipotizzano che dopo le elezioni verranno annunciate altre multe.

E il parlamento ha avviato un’ulteriore indagine per verificare se Johnson abbia “deliberatamente indotto in errore” i legislatori sul fatto che le manifestazioni del governo abbiano violato le regole di blocco del governo.

A quante feste di blocco ha partecipato lo staff di Boris Johnson և? Ecco una guida.

In un’intervista di martedì, “Buongiorno Gran BretagnaJohnson ha affermato di essere un politico “onesto” che “inavvertitamente” ha fuorviato il parlamento.

L’accusa contro Johnson è “volutamente fuorviante” perché così recita nel Codice ministeriale, “perché” le regole di condotta parlamentare non consentono ai legislatori di chiamare bugiardo il Primo Ministro. Ma la società britannica non è così vincolata.

Un recente sondaggio YouGov ha rilevato che più di tre quarti (78%) dei britannici credono che Johnson abbia mentito su Partygate. Circa la metà di coloro che intendono votare per i conservatori ha detto al sondaggio che non stava dicendo la verità sui partiti, il che significa che questo potrebbe rompere l’accordo per tutti i conservatori.

Ma i sondaggi di Johnson su fiducia, competenza e simpatia sono crollati. La maggior parte dei britannici dice che dovrebbe dimettersi.

“Non ci si può fidare di Boris Johnson, dato che si comporta con tutte le parti coinvolte nel blocco”, ha affermato Darren Hall, 51 anni, residente nel distretto di Wandsworth a Londra, un’area che gli analisti stanno monitorando da vicino.

Wandsworth ha votato per i conservatori per 44 anni. Il primo ministro Margaret Thatcher lo definì il suo distretto “preferito”. Perdere Wandsworth sarebbe un duro colpo per il partito al governo.

Lo Sinn Fein potrebbe vincere una schiacciante vittoria in Irlanda del Nord giovedì

Hall, che stava aspettando degli amici fuori dalla stazione ferroviaria di Clapham Junction, ha detto che sperava che questo sarebbe stato l’anno in cui il consiglio avrebbe approvato il Labour. “Sono stato trascinato via dalla polizia quando ho incontrato i miei amici. E Boris? “Beh, è ​​una regola per loro, una legge per il resto”, ha detto.

Le manifestazioni del governo si sono svolte nell’ufficio del Primo Ministro a Downing Street, l’ufficio più vicino alla residenza, in un momento in cui l’amministrazione Johnson stava limitando le interferenze domestiche per ridurre la trasmissione del virus e lo sforzo sul sistema sanitario nazionale.

Tra i più provocatori di Partygate ci sono le persone a cui non è stato permesso di partecipare ai funerali o di vedere i parenti morire in ospedale durante quel periodo.

Gli incuranti rapporti di Johnson con la verità erano già radicati nella mente di molti prima che diventasse primo ministro. “La maggior parte delle persone inizialmente pensava che fosse un bugiardo”, ha affermato Ben Page, amministratore delegato di Ipsos Mori. Ma gli inglesi hanno un profondo senso del fair play, dice Page, “l’idea è che i legislatori non obbediscano alle loro regole”.

Johnson, tuttavia, rimane un politico eccezionale in grado di resistere alle tempeste che avrebbero potuto rovesciare i suoi predecessori.

Ha affrontato critiche diffuse, anche dal suo stesso partito conservatore. Ma si è parzialmente astenuto dal voto di sfiducia, poiché i suoi sostenitori conservatori lo vedono come una farsa, uno schiaffo in faccia e un voto comprovato per il primo ministro istruito a Oxford.

Johnson è stato eletto due volte sindaco di Londra di sinistra, nonostante le sue credenziali conservatrici. La sua promozione della Brexit lo ha aiutato a vincere un referendum a sorpresa. E con Johnson come leader, i Thorin, come sono conosciuti i membri del Partito conservatore, hanno ottenuto una vittoria schiacciante nel 2019, dando loro una storica maggioranza di 80 seggi alla Camera dei Comuni.

Ma se i legislatori Tory iniziano a pensare che non li aiuterà a mantenere il loro lavoro alle prossime elezioni parlamentari, potrebbero volerglielo dare.

In un’elezione anticipata per la prima volta dallo scandalo Party Gate, i conservatori hanno perso il mandato di rappresentare la città inglese del North Shropshire, che detengono da quasi 200 anni.

Prima delle elezioni locali di giovedì, Johnson è sceso in piazza per reprimere le città mercato nel nord dell’Inghilterra e gli studi televisivi nel sud, affermando di essere attivo nel suo partito.

Ma i conservatori sono circa cinque-otto punti percentuali dietro i laburisti.

“Johnson è piuttosto scortese”, ha detto Paige. “Se i risultati delle elezioni locali saranno terribili, incoraggerà i ribelli che lo vogliono fuori. Ma prima devono trovare qualcun altro”.

Aiuta Johnson il fatto che non ci sia un ovvio successore legale in attesa dietro le quinte.

Il cancelliere del Piano B del Partito conservatore Rishi Sunak ha visto le sue possibilità diminuire in seguito allo scandalo fiscale di sua moglie, come ha fatto dopo essere stato multato da Partygate.

Gli altri nomi che a volte vengono fatti circolare, come Liz Tras, Jeremy Hunt, Tom Tugendhat, non sono considerati processati.

I sostenitori di Johnson, anche quelli che sono riluttanti, sostengono che ora non è il momento di cambiare il primo ministro, poiché la Gran Bretagna և Johnson ha un ruolo troppo importante nel sostenere l’Ucraina.

“La Gran Bretagna ha davvero cambiato i leader della prima e della seconda guerra mondiale”, ha affermato Tony Travers, esperto di politica presso la London School of Economics. Ha aggiunto. “La maggior parte degli elettori è molto più guidata dalla politica interna che dagli affari esteri; il costo della vita e l’assistenza sanitaria sono una delle principali preoccupazioni per le persone”.

Il liberaldemocratico dell’opposizione Tim Faron ha detto alla Camera dei Comuni che i membri del Partito conservatore si vergognavano “troppo” per sostenere il primo ministro “ma troppo deboli per licenziarlo”.

Ha accusato i conservatori di “usare vergognosamente la sofferenza del popolo ucraino come scusa per non agire”.

Leave a Comment

Your email address will not be published.