Le azioni stanno scivolando, prolungando le perdite anno su anno

L’ampio scambio di azioni statunitensi è accelerato lunedì, lasciando agli investitori poco spazio per sfuggire alle turbolenze del mercato.

L’S&P 500 è sceso dell’1,9%, aggiungendo perdite dopo aver chiuso la sua più lunga serie di ribassi settimanali dal 2011. Il Nasdaq Composite è sceso del 2,1% e il Dow Jones Industrial Average è sceso di 494 punti o dell’1,5% a 32.405.

I mercati sono stati scossi quest’anno dalle preoccupazioni degli investitori. L’inflazione sta andando al suo ritmo più veloce negli ultimi decenni. Ciò ha spinto la Federal Reserve a lanciare quella che gli economisti prevedono sarà la campagna più aggressiva per inasprire la politica monetaria dagli anni ’80. Gli investitori si chiedono se la Fed sarà in grado di invertire i suoi rialzi dei tassi o tagli pianificati nel suo bilancio senza far precipitare l’economia nel declino.

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha dichiarato mercoledì che la banca centrale ha approvato l’aumento dei tassi di interesse di mezzo punto percentuale nel tentativo di ridurre l’inflazione, che è ai massimi degli ultimi quattro anni. Foto di Win McNamee / Getty Images

Questa stretta finanziaria ha accresciuto i timori di un rallentamento della crescita globale. Il blocco della Cina, altre misure per frenare la diffusione del Covid-19, la guerra della Russia contro l’Ucraina hanno sollevato preoccupazioni per interruzioni della catena di approvvigionamento e tagli alla spesa dei consumatori.

“Il mercato azionario statunitense è piuttosto costoso, soprattutto i titoli tecnologici. “Il mercato non sa quanto in alto debba salire la Fed per controllare l’inflazione. Abbiamo un senso di rallentamento globale”, ha affermato Sebastien Galli, macro-strategist di Nordea Asset Management. “Ci sono molti aspetti negativi del mercato”.

Lunedì, le vendite hanno colpito tutti gli 11 segmenti dell’S&P 500, abbassando tutto, dalle azioni dei produttori alle azioni bancarie, fino ai produttori di energia, che è un punto relativamente positivo quest’anno.

I titoli tecnologici sono stati uno dei maggiori cali del mercato. Meta Platforms, madre di Facebook, è scesa del 2,7%, mentre Amazon.com ha perso il 2,5% e Apple del 2,5%. I titoli tecnologici sono stati particolarmente colpiti dalle vendite di quest’anno, poiché l’aumento dei tassi di interesse ha costretto alcuni investitori a essere riluttanti a investire in aree del mercato che sembrano costose.

Anche i titoli industriali sono stati colpiti. Molti investitori temono che l’aumento dell’inflazione, l’inasprimento della politica monetaria e le continue interruzioni della catena di approvvigionamento influenzeranno settori economicamente sensibili in tutto il mondo.

Caterpillar è sceso dell’1,8% e Boeing del 3,8%.

Il Cboe Volatility Index, la cosiddetta misura della paura di Wall Street, noto anche come VIX, è salito a 32,96.

“La volatilità del mercato mostra che c’è molta incertezza su dove stiamo andando”, ha affermato Peter Andersen, co-fondatore della società di investimento Andersen Capital Management con sede a Boston.

La prospettiva di un ulteriore aumento dei tassi di interesse per combattere l’inflazione ha preoccupato alcuni investitori che tali misure avrebbero rallentato la crescita economica.

Questi timori hanno portato alcuni gestori di denaro a mantenere il dollaro, che è visto come un investimento più sicuro in tempi di instabilità a causa del suo status di valuta di riserva globale. L’indice del dollaro WSJ, che misura la valuta statunitense rispetto ad altri 16 panieri, lunedì è salito dello 0,2%.

All’estero, lo Stoxx Europe 600 continentale è sceso del 2% a causa del calo dei viaggi, del tempo libero e della tecnologia.

In Asia, lunedì il giapponese Nikkei 225 è sceso del 2,5%, mentre l’australiano S&P/ASX 200 è sceso dell’1,2%.

Lunedì una donna è passata davanti a una vetrina elettronica a Tokyo.


Foto:

Eugene Hoshiko / Associated Press:

L’indice cinese CSI 300, in ritardo rispetto alle maggiori società quotate a Shanghai o Shenzhen, è sceso dello 0,8%. I mercati di Hong Kong sono stati chiusi a causa di un giorno festivo.

Il greggio statunitense è sceso del 2,7% a 106,85 dollari al barile al New York Mercantile Exchange. Gli alti prezzi del petrolio si sono moderati dall’inizio della guerra della Russia con l’Ucraina poiché i commercianti temono che il blocco della diffusione del Covid-19 in Cina indebolirà la domanda globale.

Lunedì ha pesato sui titoli energetici. Il settore energetico dell’S&P 500 ha perso il 3,4%.

Allo stesso tempo, si è allentata la pressione a vendere i titoli di Stato statunitensi.

Il rendimento del titolo del tesoro decennale di riferimento è stato del 3,122% lunedì, rispetto al 3,124% di venerdì. Il rendimento a 10 anni è aumentato di 1,6 punti percentuali dalla fine del 2021 a venerdì, costringendo alcuni investitori a rivalutare le proprie valutazioni sui titoli di crescita tecnologica. I rendimenti obbligazionari aumentano quando i prezzi scendono.

– Akane Otani ha contribuito a questo articolo

Scrivi a Caitlin Ostrof a caitlin.ostroff@wsj.com և Serena Ngin a Serena.Ng@wsj.com.

Copyright © 2022 Dow Jones & Company, Inc. Tutti i diritti riservati. 87990cbe856818d5eddac44c7b1cdeb8:

Leave a Comment

Your email address will not be published.