La mancanza di coloranti di contrasto costringe gli ospedali a eseguire scansioni TC razionali e altre procedure

Gli ospedali negli Stati Uniti sono stati costretti ad accettare dosi di scansioni e procedure mediche dopo che un blocco ha colpito una fabbrica a Shanghai che produce colori di contrasto ampiamente utilizzati.

Il colorante, prodotto dalla General Electric, viene utilizzato per una varietà di scopi, molti dei quali salvano. Solitamente iniettato nelle vene dei pazienti, fornisce un contrasto maggiore rispetto alle procedure di imaging come la TC senza colorante. Il contrasto esteso aiuta i medici a diagnosticare più facilmente l’emorragia cerebrale o la trombosi, vedere come funziona il cuore o un altro organo o determinare se il tumore sta crescendo o si sta restringendo, tra le altre cose.

I sistemi ospedalieri da New York alla California hanno dichiarato a NBC News di aver iniziato a ritardare le procedure mediche di emergenza, utilizzando strumenti diagnostici e di imaging alternativi che non richiedono vernice quando necessario.

“È molto difficile sapere quale potrebbe essere il danno derivante da questo, da una diagnosi ritardata o da una diagnosi errata”, ha affermato il dottor Matthew Denport, vicepresidente dell’American College of Radiology Quality and Safety Committee. “E sono sicuro che ci saranno diagnosi tardive o errate perché non utilizziamo tecniche di imaging ottimizzate e perfette”.

Ha aggiunto che circa 50 milioni di scansioni di contrasto vengono eseguite ogni anno negli Stati Uniti

“Purtroppo non abbiamo l’opportunità di dare un contrasto diretto a tutti, come prima, quindi una piccola parte sarà la migliore dalla versione cattiva. ” Egli ha detto.

GE Shanghai Plant è un fornitore leader di coloranti per i sistemi sanitari statunitensi. Circa il 50% dei centri di imaging degli ospedali statunitensi utilizza probabilmente prodotti GE, secondo Nancy Foster, vicepresidente della politica per la qualità dei pazienti presso l’American Hospital Association, aggiungendo che il numero esatto è difficile da determinare.

“La maggior parte degli ospedali avrà una scorta di poche settimane a disposizione per un prodotto del genere”, ha affermato Foster. “Ma questa mancanza è andata avanti per diverse settimane”.

Il deficit è il risultato di un severo blocco imposto il 27 marzo a Shanghai nell’ambito della strategia cinese “zero Covid”. Ciò ha portato alla chiusura dell’impianto GE per diverse settimane, anche se un portavoce di GE Healthcare ha affermato in una dichiarazione che l’impianto aveva iniziato a riaprire և “lavorando per tornare a pieno regime come consentito dalle autorità locali”.

Il portavoce ha aggiunto che GE stava accelerando le consegne aeree, non via nave, sia dal suo stabilimento di Shanghai che dallo stabilimento di Cork in Irlanda per affrontare i problemi di approvvigionamento degli Stati Uniti.

Ma anche allora, i sistemi sanitari non si aspettano un aiuto immediato. La carenza potrebbe durare fino all’estate, costringendo i fornitori di servizi sanitari a ritardare l’imaging a priorità inferiore mentre rinunciano alle loro razioni.

“Mancano poche settimane”, ha detto D’Anport, riferendosi alla scorta di coloranti. “Ma gli altri sono nei guai, hanno ancora giorni o una settimana.”

A San Diego, Scripps Health ha dichiarato in una dichiarazione che limita le procedure di imaging che richiedono il contrasto a “esami clinicamente necessari e sensibili al tempo”. Per le procedure non urgenti, ha aggiunto, si stanno prendendo in considerazione alternative come l’ecografia և la risonanza magnetica utilizzando altri coloranti di contrasto. Alcune procedure sono ritardate fino a otto settimane se sono sicure.

Allo stesso modo, Northwell Health, il più grande fornitore di New York, ha affermato che stava cercando di massimizzare la sua attuale fornitura “utilizzando TC senza contrasto, ultrasuoni e risonanza magnetica quando clinicamente appropriato”.

Allo stesso tempo, Orlando Health ha affermato di aver istituito un “team interdisciplinare per valutare l’uso del nostro mezzo di contrasto IV, per gestire attentamente la nostra fornitura”, garantendo al contempo che la vernice fosse disponibile per altre emergenze ed emergenze.

Le azioni dei tre sistemi sanitari sono in linea con le raccomandazioni dell’American College of Radiology, che raccomanda agli ospedali di ritardare le scansioni in caso di carenze a meno che non siano un’urgenza medica, scansionare senza contrasto se possibile o ridurre la quantità di colorante . utilizzato per ogni paziente.

Danport ha elogiato gli operatori sanitari che hanno lavorato per mantenere le loro scorte di colori a contrasto, ma ha affermato di essere ancora preoccupato per le conseguenze. La scelta di una scansione alternativa senza contrasto può portare a una riduzione del 10-20% dell’accuratezza diagnostica, ha affermato.

Tuttavia, altre fonti di colorante sono limitate. Foster ha detto che i membri dell’American Hospital Association si sono rivolti a un altro importante fornitore statunitense, l’italiana Bracco Imaging SpA, ma sono stati sfortunati nei loro recenti acquisti. Brakko non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento di NBC News.

La vernice a contrasto non è certo il primo prodotto medicalmente necessario che manca durante un’epidemia. I dispositivi di protezione individuale, i ventilatori և l’ossigeno sono talvolta ridotti al minimo.

“Si parla molto a livello nazionale di come diversificare adeguatamente le fonti dei rifornimenti tanto necessari in modo che un evento meteorologico, un evento politico o qualsiasi altra cosa stia accadendo non elimini la tua capacità di accedere a tale approvvigionamento. “Ha detto Foster. “Abbiamo bisogno del consolidamento di tutti i produttori, fornitori, agenzie federali per pensare. Come costruiamo quella catena di approvvigionamento più flessibile?”

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *