La Federal Reserve prevede che la lotta all’inflazione si intensifichi con l’aumento dei super tassi di interesse

Esso: Riserva federale Ci si aspetta che intensifichi la sua lotta per adattarsi al caldo inflazione Mercoledì, per la prima volta in due decenni, una mossa che minaccia di rallentare la crescita economica degli Stati Uniti e allentare la pressione finanziaria sugli americani.

L’inflazione ha raggiunto un nuovo massimo da 40 anni a marzo, con la Fed sotto pressione crescente per congelare la domanda per una domanda più aggressiva e un lento aumento dei prezzi al consumo.

La FED spera in un atterraggio morbido del motore, ma la storia mostra che non sarà facile

I responsabili politici della banca centrale hanno alzato i tassi di interesse di un quarto di punto percentuale a marzo, ma sono quasi certi di concludere un aumento più netto, di mezzo punto percentuale, alla fine della riunione di due giorni di mercoledì. Questo sarà l’aumento dei tassi di interesse più veloce dal 2000. Molti trader ritengono che la Fed aumenterà i tassi di interesse “di mezzo punto a giugno” e forse a luglio.

“La Fed scuoterà i mercati se non riuscirà a perseguire una politica più aggressiva aumentando i tassi di interesse del 50% mercoledì”, ha affermato Daniel DiMartino Booth, amministratore delegato di Quill Intelligence e consigliere senior dell’ex presidente della Fed a Dallas. Ha osservato che l’attenzione si concentrerà quasi immediatamente su “quanto la crescita di mezzo punto la Fed prevede di iniziare nel bilancio 2022”.

Inoltre, è probabile che la Fed inizi a tagliare il suo bilancio di 9 trilioni di dollari, una mossa che inasprirà ulteriormente il credito alle famiglie statunitensi. I verbali della riunione di marzo della Fed mostrano che la Banca Centrale inizierà a liquidare in titoli con un massimo di 60 miliardi di dollari al mese garantiti da ipoteca և 35 miliardi di dollari. In confronto, la Fed ha tagliato il suo bilancio di 50 miliardi di dollari al mese dal 2017 al 2019.

Molti economisti ritengono che la Fed stia agendo troppo tardi per frenare l’inflazione, poiché il tasso di interesse di riferimento della Fed è solo dallo 0,25% allo 0,5%. Il tasso di interesse principale sui prestiti interbancari corretti per l’inflazione è in realtà negativo.

Il 29 gennaio 2020 il presidente della Federal Reserve Jerome Powell si è fermato in una conferenza stampa a Washington. (Foto AP / Manuel Balce Ceneta, File / Sala stampa AP)

Di conseguenza, i politici della Fed, incluso il presidente Girolamo PowellNelle ultime settimane ai mercati è stato telegrafato che agiranno “rapidamente”, confermando che nei prossimi mesi sono possibili aumenti di mezzo punto per cercare di compensare i tassi di interesse a livelli che non stimolano né danneggiano l’economia.

“È conveniente muoversi un po’ più velocemente”, ha detto di recente Powell durante una discussione al Fondo monetario internazionale և agli incontri di primavera della Banca mondiale. “Penso che ci sia qualcosa nell’idea di scaricare in anticipo, ciò che è personalizzato, ciò che trova conveniente. Quindi mostra la direzione dei 50 punti chiave sul tavolo. ”

La domanda ora è se la Fed possa proiettare con successo un atterraggio morbido evasivo, il punto debole per ridurre la domanda “frenando l’inflazione” senza far precipitare l’economia nel declino. Ci sono crescenti timori a Wall Street che i politici delle banche centrali non saranno in grado di farlo. Goldman Sachs, Bank of America և Deutsche Bank sono tra le società che prevedono un calo nei prossimi due anni.

Riserva federale

La Federal Reserve americana a Washington il 20 aprile 2022. (Liu Jie / Xinhua via Getty Images / Getty Images)

E la scorsa settimana, il Bureau of Labor Statistics ha riferito che l’economia si è ridotta inaspettatamente nel primo trimestre dell’anno, la peggiore performance dalla primavera del 2020, quando l’economia statunitense era ancora in piena recessione causata dal COVID.

“È probabile che la finestra della Fed su un atterraggio tranquillo si chiuda mentre l’economia inizia a deteriorarsi fino a quando la maggior parte degli sforzi inaspriti della Fed per combattere l’inflazione non avranno luogo”, ha affermato DiMartino Booth. “L’ultimo pilastro dell’economia è il mercato del lavoro, ma stiamo già assistendo a un indebolimento nella creazione di nuovi posti di lavoro”.

CREA QUI FOX BUSINESS CON CLICCA QUI

Powell ha contrastato i timori che un ulteriore inasprimento della banca centrale avrebbe portato a una recessione, “ha mantenuto l’ottimismo sul fatto che la Fed potrebbe raggiungere un delicato equilibrio allentando l’inflazione” senza esercitare pressioni sull’economia. Tuttavia, ha riconosciuto che il loro numero non era sufficiente per sconfiggere la Banca centrale irachena.

“Il nostro obiettivo è utilizzare i nostri strumenti per sincronizzare domanda e offerta in modo che l’inflazione possa tornare al suo posto senza rallentare, il che porterà a una recessione”, ha affermato Powell. “Non credo che sentirai nessuno alla Fed dire che è facile”, ha detto. Sarà difficile. “

Leave a Comment

Your email address will not be published.