La Fed sta facendo il suo “speciale” per attaccare la rapida inflazione

Si prevede che la Federal Reserve statunitense accelererà l’inasprimento della politica monetaria questa settimana, aumentando del primo mezzo punto percentuale dal 2000, portando a un’azione più aggressiva fino a quando non ci saranno prove evidenti che l’inflazione è sotto controllo.

Le crescenti pressioni inflazionistiche derivanti dal denso mercato del lavoro, insieme all’aumento dei prezzi e alla diffusione di shock epidemici oltre le aree più sensibili della guerra in Ucraina, hanno costretto la Fed ad accelerare il ritiro degli stimoli, altrimenti rischia di andare oltre.

I funzionari del Federal Open Market Committee si riuniranno martedì per una riunione politica di due giorni, che dovrebbe aumentare i tassi di interesse per la seconda riunione consecutiva e formulare piani per ridurre il bilancio della Federazione di $ 9 trilioni.

La retorica della banca centrale è cambiata in modo significativo da marzo, quando ha alzato il suo primo tasso di interesse dal 2018, portando l’intervallo obiettivo del tasso di interesse dei fondi federali da quasi zero allo 0,25 allo 0,50 per cento.

Da quell’incontro, il presidente Jay Powell ha promesso che la Fed porterà “rapidamente” il suo tasso di interesse di riferimento a un livello “neutro” che non supporta più la domanda. È probabile che ciò porti a un aumento di mezzo punto dei tassi di interesse nei prossimi mesi, che aumenterà il tasso di interesse sui fondi finanziati di circa il 2,5% entro la fine di quest’anno.

Le valutazioni “neutre” variano. I funzionari della Fed lo mettono tra il 2 e il 3 percento, che molti economisti ritengono più alto dato l’attuale livello di inflazione.

La Fed sta “giocando all’intelligenza. . . “Volevano iniziare prima in modo da potersi muovere più gradualmente, ma non l’hanno fatto”, ha detto Randall Crossner, che ha servito come governatore della Fed dal 2006 al 2009. “Se non agiscono con coraggio, non parlare di agire con coraggio ora. “Il rischio di aspettative di inflazione infondate aumenta in modo significativo”.

I mercati finanziari si sono regolati rapidamente, con oneri finanziari nettamente più elevati di una serie di indicatori rispetto a poche settimane fa.

Il rendimento di riferimento a 10 anni del Tesoro è sceso del 3% martedì al 2% a febbraio. Si tratta del livello più alto degli ultimi quattro anni, la crescita più rapida dalla fine del 2010. Anche i mercati azionari sono stati messi sotto pressione poiché il Nasdaq Composite, esperto di tecnologia, ha registrato il suo peggior indice mensile dal 2008 ad aprile.

Per intensificare i suoi sforzi, la Fed comincerà presto anche a tagliare le sue partecipazioni in titoli garantiti da ipoteca del Tesoro, che sono cresciuti negli ultimi due anni poiché la banca centrale ha sostenuto i mercati finanziari e l’economia.

La Fed annuncerà formalmente i suoi piani per perdere fino a 95 miliardi di dollari al mese in attività mercoledì, suddivisi in 60 miliardi di dollari in 35 miliardi di dollari del tesoro in titoli garantiti da ipoteca. Molto probabilmente il processo inizierà a giugno.

Insieme, i prossimi incontri politici saranno la “fase di carico primaria” della Fed, afferma l’economista di Pimco Alison Boxer, mentre cerca di invertire l’entità dell’epidemia.

Ha stimato che la Fed potrebbe tornare al rialzo trimestrale dei tassi il prima possibile, a settembre, soprattutto dopo che l’invasione russa dell’Ucraina ha stimolato l’aumento dell’inflazione. Alcuni trader ritengono che la Banca Centrale possa aumentare il proprio tasso di interesse aggiustando lo 0,75 punti percentuali ad un certo punto, cosa che non fa dal 1994.

Anche l’incertezza su quanto in alto la Federal Reserve dovrebbe aumentare i tassi di interesse per riportare l’inflazione al suo obiettivo del 2% complica le prospettive. L’inflazione core, misurata dall’indice dei prezzi al consumo, è ora aumentata del 5,2% rispetto a un anno fa.

“Non credo che possiamo dire con certezza che sappiamo dove sia la fine dei tassi di interesse”, ha detto Jeremy Stein, un accademico di Harvard che è stato nominato dall’amministrazione Obama per far parte del Consiglio dei governatori della Federazione. 2011. “Si può dire che faremo ciò che è necessario, ma in questa fase è difficile sapere cosa sarà richiesto”.

“C’è molta preghiera”, ha deriso.

James Bullard, uno dei membri votanti del FOMC quest’anno e uno dei suoi più grandi falchi, ha affermato il mese scorso che era una “fantasia” che la Fed potesse ridurre sufficientemente l’inflazione senza aumentare i tassi di interesse a un livello tale da ridurre gravemente l’attività economica.

“La neutralità non esercita pressioni al ribasso sull’inflazione. “Smette semplicemente di esercitare molta pressione sull’inflazione”, ha affermato, osservando che il suo sostegno al tasso di interesse finanziato sarebbe di 3 punti percentuali in più nel terzo trimestre.

Dato il successo record della Fed nel progettare un “atterraggio morbido” senza causare troppo dolore economico, gli economisti sono preoccupati per l’imminente recessione e la perdita di posti di lavoro.

Sebbene i funzionari fossero ottimisti sul fatto di poter evitare il risultato, hanno accettato la sfida. Mercoledì, gli investitori cercheranno segni di un calo della fiducia di Powell.

“La Fed non sta facendo scalping, ma più di un pollice su come influisce sull’economia man mano che le politiche diventano meno adattive e in definitiva restrittive”, afferma Peter Hooper, CEO del World Economic Research Institute della Deutsche Bank, che ha lavorato presso la Banca. È stato nutrito per quasi tre decenni. “Semplicemente non vedo un aumento della disoccupazione a causa di questo processo”.

Rapporto extra di Kate Dugid a New York

Leave a Comment

Your email address will not be published.