La Cina annuncia un allentamento della pressione tecnologica per rilanciare l’economia

PECHINO/HONG KONG – 29 aprile (Reuters) – La Cina ha annunciato venerdì di allentare la pressione su un settore tecnologico una volta libero mentre il presidente Xi Jinping ha cercato di rafforzare la sua economia aumentando il blocco del COVID-19 inviando azioni. pesi massimi online in crescita.

Il potente ufficio politico cinese ha dichiarato durante un incontro guidato da Xi che rafforzerà il sostegno politico alla seconda economia più grande del mondo, inclusa la cosiddetta “economia della piattaforma”. – Pressione prolungata, iniziata alla fine del 2020.

L’ottimismo è stato alimentato anche dalle notizie secondo cui i massimi leader cinesi terranno un simposio con diverse società Internet all’inizio del prossimo mese, che dovrebbe essere guidato da Xi, secondo due conoscenti. Il gigante delle consegne di cibo Meituan (3690.HK) era tra gli invitati, ha detto una fonte.

Iscriviti ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Le fonti hanno rifiutato di fornire nomi, citando problemi di privacy.

Il South China Morning Post, che per primo ha riferito dell’imminente incontro, ha affermato che anche i giganti della tecnologia Alibaba Group Holding (9988.HK), Tencent Holdings (0700.HK) e il proprietario di TikTok ByteDance sono stati invitati.

Le autorità stanno cercando di rassicurare i dirigenti aziendali sull’attuale contesto normativo e incoraggiarli a continuare a far crescere le loro attività, ha detto una fonte a Reuters.

L’indice Hang Seng Tech (.HSTECH) è aumentato del 10% per il suo giorno migliore da quando il vice primo ministro Liu Na ha promesso supporto politico sei settimane fa. I giganti dell’e-commerce Alibaba և JD.com (9618.HK) sono cresciuti del 16%, come և Meituan, mentre Tencent – dell’11%.

I depositi commerciali di Alibaba, JD.com, Meituan և Tencent nei mercati statunitensi venerdì pomeriggio sono aumentati rispettivamente del 7,8%, 7,5%, 13,4% և 4,8%.

“Il governo cinese, come gli Stati Uniti e altri governi, sta cercando di raggiungere un processo di regolamentazione della tecnologia che è cresciuto a un ritmo incredibile negli ultimi dieci anni”, ha affermato Qin Carter, CEO di EMQQ Global, che ha creato Emerging. ETF di e-trading basato su Internet (EMQQ.P), che comprende circa il 50% dei titoli tecnologici azionari cinesi.

“Questo incontro può inviare un segnale che il governo si sente preso”, ha detto.

La reazione del mercato ha fatto eco alla convinzione che Pechino, che aveva preso provvedimenti per rilevare le più grandi società Internet cinesi con quello che riteneva fosse un profitto eccessivo, stesse facendo marcia indietro rispetto alle sue pressioni, ha affermato Jason Pride, chief investment officer di Private Wealth Investment. A Glenmede.

Pechino ha cercato di frenare una serie di aree, comprese le regole antitrust, le regole sulla violazione dei dati e altre, nonché il crescente divario di ricchezza che minacciava la legittimità del Partito Comunista. Lotta per la “prosperità comune”.

Ma la pressione sull’e-commerce, sull’istruzione privata e sul settore immobiliare ha causato danni economici e, dall’inizio dell’anno, la Cina ha indebolito alcune misure per aiutare l’economia, alle prese con un grave embargo COVID-19.

Separatamente venerdì, fonti hanno affermato che i regolatori cinese-americani stavano discutendo i dettagli operativi di un accordo di audit che Pechino spera di firmare quest’anno, l’ultima mossa per tenere le società cinesi fuori dal mercato azionario statunitense.

La mossa dell’autorità di regolamentazione statunitense di identificare le società cinesi che potrebbero lasciare New York per non conformità ai requisiti di revisione ha spinto più gestori di fondi a ritirare le proprie riserve e smorzato la prospettiva di nuove quotazioni.

All’inizio della giornata, il Politburo, il principale organo decisionale del Partito comunista cinese, ha promesso di “completare una revisione speciale dell’economia delle piattaforme” senza fissare un calendario per adottare misure a sostegno del suo sviluppo.

Pechino ha fissato un obiettivo di crescita del 5,5% quest’anno, che secondo gli economisti privati ​​sarà difficile da raggiungere senza un supporto significativo, poiché i blocchi del COVID-19 e altre severe restrizioni antiepidemiche distruggono le catene di approvvigionamento degli affari. leggi di più

All’inizio di questo mese, la Cina ha revocato un blocco di nove mesi sulle licenze di gioco per mitigare parzialmente gli effetti economici del divieto. leggi di più

A gennaio, la Cina ha annunciato che entro il 2022 avrebbe ridotto del 30% i sussidi per le auto elettriche ibride plug-in e entro la fine dell’anno sarebbero state completamente eliminate.

Ma con il crollo delle vendite di auto ad aprile a causa della blockchain, lo sviluppatore statale cinese ha dichiarato questa settimana che si stava incontrando con l’industria per discutere del sostegno del governo a quelle auto, segnalando una posizione più favorevole.

Durante una riunione di venerdì, il Politburo ha affermato che sosterrà le industrie, le piccole imprese colpite dal COVID-19, accelererà la costruzione di infrastrutture, stabilizzerà i trasporti, la logistica e le catene di approvvigionamento, secondo l’agenzia di stampa statale Xinhua.

Gary Ng, economista senior presso Natixis a Hong Kong, ha affermato che l’incontro del Politburo è stato “un segno positivo che il governo sta cercando di dare la priorità alla crescita rispetto a molti altri obiettivi, come la delinquenza o altri cambiamenti normativi a breve termine”.

Ng ha affermato che le misure antitrust che hanno schiacciato l’economia della piattaforma, così come la pressione sul settore immobiliare, potrebbero eventualmente tornare.

“Ma nel breve periodo, a causa della politica zero-COVID di pressione alla crescita, deve esserci un compromesso tra delinquenza e crescita rispetto a crescita, motivo per cui il mercato è un po’ più ottimista nel breve periodo”, ha affermato. Egli ha detto.

L’indice azionario di riferimento cinese è aumentato di oltre il 2%.

I mercati sono stati duramente colpiti nelle ultime due settimane dai timori che il blocco potesse danneggiare gravemente l’economia cinese e ostacolare la ripresa globale, proprio come molti paesi si stanno riprendendo dagli effetti della recessione.

Iscriviti ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Segnalato da Julie Zhou, Qin Yao, Alun Joon, Xi Yun, Qin Krolitsky և Beijing News. Rapporti aggiuntivi da John McCrank a New York; Scritto da Tony Munro e Sumet Chatterjee; A cura di Carmel Criminis di Daniel Wallis

I nostri standard. Principi di Thomson Reuters Trust.

Leave a Comment

Your email address will not be published.