Johnson offrirà “Best Hour” in un discorso a Ki

(Bloomberg) – Il primo ministro del Regno Unito Boris Johnson pronuncerà martedì un discorso virtuale al parlamento ucraino, confrontando la lotta del Paese dell’Europa orientale con la lotta della Gran Bretagna durante la seconda guerra mondiale. Inoltre, il suo governo ha annunciato un nuovo pacchetto di aiuti militari all’Ucraina del valore di 300 milioni di sterline (375 milioni di dollari).

I più letti da Bloomberg

L’Unione Europea (UE) ha deciso di fornire nei prossimi giorni una guida più dettagliata su ciò che le aziende possono e non possono fare in base alle sanzioni dell’UE per rispondere alla domanda di gas in rubli del presidente russo Vladimir Putin.

Il Pentagono ha affermato che la Russia ha compiuto progressi limitati nel trasferire la sua guerra nella regione del Donbas, aggiungendo che le truppe di Putin continuano a soffrire di morale basso a causa della scarsa logistica e del disgusto per le vittime.

(Vedi RSAN al Bloomberg Terminal per il Russian Sanctions Panel.)

Sviluppi chiave:

  • L’Ungheria porrà il veto alle sanzioni dell’UE sull’energia russa, ha affermato il ministro

  • La Banca centrale ucraina traccia linee rosse per l’acquisto delle sue obbligazioni

  • I prezzi dei raccolti scendono mentre i commercianti attirano l’attenzione sulla lotta della Cina contro Covid

  • Aumentano i ritardi dell’Europa nell’isolamento delle merci russe. linee di alimentazione

  • I civili di Mariupol fuggono mentre la Russia colpisce l’est

Tutti gli orari CET:

Johnson si rivolgerà al parlamento ucraino (01:40)

Johnson prevede di rivolgersi al parlamento ucraino mentre il suo governo annuncia 300.300 milioni di aiuti militari. Anche l’ambasciata britannica è pronta a riaprire a Ki.

Secondo gli annunci fatti dall’ufficio del Primo Ministro, Johnson ripeterà le parole di Winston Churchill nel suo discorso virtuale. »:

Il Regno Unito fornirà anche all’Ucraina “veicoli specializzati della protezione civile”, secondo l’ufficio di Johnson. Il mese scorso, il Primo Ministro ha visitato personalmente Ki!

Draghi cerca la guida dell’UE ai pagamenti del gas (22:50)

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha affermato che aprire un conto in rubli per pagare il gas russo su richiesta di Putin sarebbe una violazione del contratto.

“È molto probabile che la Commissione europea dia un’opinione legale chiara se il pagamento in rubli viola le sanzioni”, ha detto Draghi lunedì in una conferenza stampa. Ha sollecitato una direzione più chiara dall’UE, poiché l’Italia dovrebbe effettuare i pagamenti in circa due settimane, aggiungendo che l’Italia si atterrà alle linee guida dell’UE.

L’UE vede l’Africa come potenziale fornitore di gas (22:25)

L’Unione europea cercherà di rafforzare la cooperazione con i paesi africani per aiutare a sostituire le importazioni russe di gas naturale e ridurre la sua dipendenza da Mosca di quasi due terzi quest’anno.

Secondo una bozza di documento dell’UE vista da Bloomberg News, i paesi africani, in particolare nella parte occidentale del continente, come Nigeria, Senegal e Angola, offrono molto potenziale non sfruttato per il gas naturale liquefatto. L’annuncio dell’impegno energetico esterno dovrebbe essere adottato dalla Commissione europea entro la fine del mese come parte di un programma di alleanza per ridurre la dipendenza energetica da Mosca.

Scholz non ha in programma un tour dopo Ki (21:34)

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha dichiarato di non avere intenzione di visitare il Kiwi dopo che una visita del presidente Frank-Walter Steinmeier ha bloccato l’Ucraina il mese scorso, il che è stato considerato un insulto.

“Interferisce”, ha detto Scholz in un’intervista all’emittente pubblica ZDF lunedì. Ha aggiunto che è inaccettabile che l’Ucraina rifiuti la visita del presidente di un paese come la Germania, che ha fornito così tanta assistenza militare e finanziaria.

Steinmeier è stato ampiamente criticato, anche dall’ambasciatore dell’Ucraina in Germania, per il suo precedente sostegno al gasdotto North Stream 2 dalla Russia alla Germania, nonché per il suo ruolo di ministro degli Esteri nella riconciliazione con Mosca e nella promozione del dialogo.

Il Pentagono afferma che i russi hanno il morale basso, una logistica scadente (19:07)

I progressi della Russia nella regione del Donbas sono stati nel migliore dei casi minimi, ha detto ai giornalisti un funzionario della difesa statunitense, aggiungendo che le truppe di Putin continuano a soffrire di morale basso a causa della scarsa logistica e del disgusto per le vittime.

Il funzionario ha anche affermato che le forze russe si erano spinte a 40 chilometri (25 miglia) a est di Kharkov.

Separatamente, l’ex direttore della CIA David Petraeus ha affermato che la Russia stava ostacolando i suoi sforzi a causa della mancanza di attrezzature e personale, senza una rapida soluzione mentre la guerra si trascinava. “Ciò significa che l’Ucraina sta ora rivalutando se è una lotta per rivendicare ciò che ha perso ai russi dall’inizio della guerra”, ha affermato il generale in pensione David Westin in un’intervista a Bloomberg Balance of Power.

L’UE fornirà ulteriori indicazioni sui requisiti in rubli per il gas (18:50)

L’UE fornirà indicazioni più dettagliate nei prossimi giorni su ciò che le aziende possono e non possono fare in base alle sanzioni dell’UE per soddisfare la domanda russa di gas in rubli, ha affermato Kadri Simpson, commissario per l’energia del blocco. Ha detto ai giornalisti che le aziende hanno bisogno di chiarezza sul fatto che il meccanismo del Cremlino “è una violazione delle sanzioni, non può essere accettato”.

Il ministro dell’Ambiente francese Barbara Pompili ha detto a tutti gli Stati membri che si atterranno alle linee guida dell’UE per il pagamento del gas. L’Ungheria, che è fortemente dipendente dall’energia russa, ha precedentemente suggerito di essere disponibile a pagare in rubli per garantire la continuità dell’approvvigionamento.

La guerra aumenta la richiesta di euro per gli affari cechi (16:15)

Le turbolenze del mercato in Ucraina hanno spinto le imprese ceche ad abbandonare la religione in cambio dell’euro e i leader del settore stanno cogliendo l’occasione per fare pressione su un governo riluttante ad adottare una moneta unica.

I paesi ricchi cercano transazioni in transazioni di carbone (16:10)

Mentre si preparano per il prossimo round di colloqui sul clima globale di novembre, i funzionari dei paesi ricchi stanno cercando di raccogliere miliardi di dollari in pacchetti per aiutare i paesi poveri a estrarre gradualmente il carbone.

Ma i colloqui si sono interrotti a causa della politica nazionale – la guerra della Russia in Ucraina, che ha trasformato i combustibili fossili più sporchi in una merce redditizia per l’esportazione, secondo persone che hanno familiarità con i colloqui.

La Polonia chiede l’embargo su petrolio e gas russo (15:07)

La Polonia sostiene il divieto del petrolio russo, chiederà un embargo sul gas, è auspicabile allo stesso tempo, ha detto ai giornalisti il ​​ministro del Clima Anna Anna Mosca prima della riunione ministeriale a Bruxelles. Per incoraggiare gli scettici a porre fine alla loro dipendenza dai combustibili fossili di Mosca, la Polonia vuole offrire un meccanismo speciale come il mercato del carbonio per le fonti energetiche importate dalla Russia.

Un tale sistema fisserebbe una scadenza per l’utilizzo delle fonti di energia dalla Russia pari a zero. Ogni Stato membro sarà dotato di una quota di combustibili fossili che potrà importare; chi vuole consumarne di più deve acquistare un permesso da chi consuma meno del proprio limite. I proventi di tale programma potrebbero essere utilizzati per aiutare l’Ucraina o diversificare le sue fonti energetiche.

Pompei afferma che l’UE respinge la domanda di gas di Putin (14:38)

L’UE sta usando l’incontro di Bruxelles per mostrare la sua unità nel pagare il gas russo in euro, per rassicurare Polonia e Bulgaria sugli aiuti europei dopo la sospensione di Mosca, ha detto ai giornalisti il ​​ministro dell’Ambiente francese Barbara Pompil. Bruxelles.

Pompili ha rifiutato di dire se gli stati membri sarebbero d’accordo sullo stoccaggio del gas questa settimana, ma ha detto che i colloqui stanno andando avanti.

Gli americani sostengono in modo schiacciante ulteriori sanzioni alla Russia (14:30)

Secondo un sondaggio del Washington Post-ABC News, un’ampia maggioranza bipartisan degli americani sostiene sanzioni più severe contro la Russia; la maggioranza sostiene anche l’assistenza militare-umanitaria agli ucraini.

Complessivamente, il 73% afferma che gli Stati Uniti stanno facendo la cosa giusta o stanno facendo troppo poco per sostenere l’Ucraina. Allo stesso tempo, il 72% è contrario agli Stati Uniti che intraprendono un’azione militare diretta contro le forze russe, mentre il 21% è favorevole a tale idea.

Il ponte principale ha colpito l’attacco missilistico (12:45)

Il principale ponte sull’estuario del Dnestr a ovest di Odessa è stato incendiato per la terza volta in un mese lunedì, ha detto al Telegram il portavoce militare della regione Serhiy Bratchuk. Il ponte è importante perché attraversa l’ingresso navigabile, che permette l’accesso alla Transnistria dalla VAS. È anche il principale collegamento di trasporto tra la parte sud-occidentale della regione di Odessa in Ucraina e il resto del paese.

I più letti da Bloomberg Businessweek

© 2022 Bloomberg LP:

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *