John Doer dona 1,1 miliardi di dollari a Stanford per una nuova scuola sul clima. Il più grande regalo nella storia di Stanford

Il venture capitalist della Silicon Valley John Doer e sua moglie, Anne, hanno deciso di donare 1,1 miliardi di dollari alla Stanford University per costruire una nuova scuola sul cambiamento climatico e le sue soluzioni.

Il regalo, annunciato mercoledì, è la seconda più grande donazione a qualsiasi università nella storia americana, dopo i 1,8 miliardi di dollari che l’ex sindaco di New York Michael Bloomberg ha donato ai suoi ex studenti della Johns Hopkins University nel 2018.

La Stanford School, che dispone già di importanti strutture energetiche e ambientali, dovrebbe essere in prima linea nella ricerca sul clima nelle università di tutto il mondo. Si chiamerà Stanford Doerr School of Sustainability.

“Stanford è impegnata in un impegno coraggioso, praticabile e duraturo per affrontare la più grande sfida dell’umanità e siamo profondamente impegnati nelle sue ambizioni e capacità”, ha affermato John Ann Doer in una dichiarazione.

Il 70enne Doors di Woodside è stato inserito nella lista di Forbes delle persone più ricche del mondo nel 2022 con una fortuna di 12,7 miliardi di dollari. Nato a St. Louis, ha conseguito una laurea in ingegneria elettrica presso la Rice University e poi un MBA ad Harvard negli anni ’70. Arrivò nella Bay Area senza lavoro, poi nel 1974 trovò lavoro in Intel, lavorando come venditore, ottenendo diversi brevetti per dispositivi di memoria.

Ha lasciato nel 1980 per entrare a far parte di Kleiner Perkins, una società di capitale di rischio in Sand Hill Road a Menlo Park. Da allora è diventato presidente, contribuendo a fare i primi investimenti in aziende come Google, Amazon, Sun Microsystems, Compaq, Netscape, DoorDash e Slack.

Ann Doerr è il presidente della Khan Academy, un’organizzazione educativa senza scopo di lucro con sede a Mountain View che offre lezioni video online gratuite di matematica e altro ancora. È anche un ex membro del consiglio, membro dell’attuale comitato consultivo del Fondo per la protezione ambientale ed ex amministratore fiduciario della Rice University.

Oltre al regalo di Doerr, Stanford ha ricevuto anche l’incredibile cifra di 590 milioni di dollari da altri donatori per la nuova scuola sul clima, molti dei quali sono titani della tecnologia. Tra questi c’è il miliardario Jerry Young, l’ex CEO di Yahoo! և sua moglie, Akiko Yamazaki; David Filo, co-fondatore di Yahoo! և sua moglie, Angela Filo; Fondazione William e Flora Hewlett; և Susan Orr, figlia del co-fondatore di Hewlett Packard, David Packard, և suo marito, Lynn Orr, professore onorario di ingegneria a Stanford.

I dipartimenti accademici della nuova scuola inizieranno il prossimo anno con circa 90 docenti di Stanford. L’università aggiungerà 60 docenti nei prossimi 10 anni, coinvolgendo esperti nei settori dell’energia, delle scienze del clima, dello sviluppo sostenibile e della giustizia ambientale.

A causa della combustione dei combustibili fossili, che trattengono il calore nell’atmosfera, il clima della Terra è in costante riscaldamento. I 10 anni più caldi dall’inizio delle moderne registrazioni della temperatura nel 1880 sono stati dal 2005, secondo la NASA և NOAA, il National Weather Service.

Le temperature più calde hanno portato a incendi boschivi, siccità più forti, innalzamento del livello del mare e altri problemi crescenti. La California ha lavorato per ridurre le emissioni di combustibili fossili approvando leggi che impongono l’energia rinnovabile, come solare, tasse, incentivi fiscali e altri incentivi per i veicoli elettrici. Le emissioni dello stato hanno raggiunto il picco nel 2004 e da allora sono diminuite del 14%.

Ma altri stati, leader federali, si sono più o meno opposti agli sforzi per tagliare carbone, petrolio e altri combustibili fossili, con i repubblicani, per lo più repubblicani come l’ex presidente Trump, che negano la scienza, dicendo che il cambiamento climatico è una bufala cinese per danneggiare l’economia statunitense.

A marzo, l’ultimo sondaggio di Gallup sulle questioni ambientali ha sollevato preoccupazione nell’opinione pubblica sulla qualità ambientale per quasi due decenni, con il 44% degli americani “estremamente” preoccupato. Altri si sono detti preoccupati “abbastanza” (27%) o “poco” o “per niente” (28%). Democratici e indipendenti si sono detti più preoccupati dei repubblicani.

Alla domanda su quali problemi ambientali li preoccupano di più, gli americani hanno valutato l’inquinamento delle acque, l’inquinamento atmosferico e l’estinzione di specie animali e vegetali al di sopra del cambiamento climatico.

Di conseguenza, alcuni scettici affermano che i grandi doni alle università non sono sufficienti.

“Non vedo come dare un miliardo di dollari a una ricca università possa creare un ago nel breve termine”, ha detto David Callahan. L’autore del libro “Ricchezza, potere e umanità”. Lunedì la New Golded Age ha raccontato al New York Times del dono di Doer. “È bello che stia dividendo i suoi soldi, ma è meglio spendere miliardi di dollari cercando di raccoglierli nell’opinione pubblica. “A meno che il pubblico non veda questo come un problema di primo livello, i politici non agiranno”.

Il preside della nuova scuola sarà Arun Majumdar, che attualmente lavora a Stanford come professore di ingegneria meccanica e scienze dei materiali. Majumdar è un ex vicepresidente dell’energia di Google, è un candidato di ingegneria all’Università di Berkeley ed è stato sottosegretario all’energia nell’amministrazione Obama.

“La Stanford Doer Sustainability School non solo utilizzerà il potere intellettuale dei nostri studenti, docenti e personale della nostra università”, ha affermato Majumdar, “ma lavorerà anche con organizzazioni straniere in tutto il mondo per sviluppare soluzioni innovative e scoprire nuove idee”. attraverso la ricerca և educazione. Come si dice spesso, non ereditiamo la Terra dai nostri antenati, la prendiamo in prestito dai nostri figli. Dobbiamo creare un futuro in cui le persone e la natura si sviluppino insieme”.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *