Janis Antetokunmpo domina la difesa dei Celtics mentre Boston cerca risposte

BOSTON – Sembrava fosse un’eternità, visto che i Celtics avevano messo a dura prova più stop di seguito. I Celtics hanno provato a correre per colmare il divario nel quarto quarto, ma non sono riusciti a uscirne.

Quindi, dopo che Al Horford lo ha costretto a saltare Jrue Holiday, il momento sembrava finalmente arrivato quando Janis Antetokunmpo ha continuato a cercare di superare Grant Williams e ha continuato a saltare da un muro di mattoni.

Williams ha combattuto incessantemente con lui tutto il pomeriggio, ma non puoi mai chiudere completamente Antetokunmpo. Puoi tenerlo solo finché non si rompe definitivamente.

Quindi, mentre Williams stava colpendo con un colpo, in piedi, Antetokunmpo ha dovuto approfondire la sua borsa. Ha mentito come se stesse andando in una faida, ha portato la Williams fuori posizione e poi in qualche modo è scivolato proprio sotto i Celtics. Era fuori controllo, troppo lontano dal canestro per prendere uno dei suoi attacchi Monster estesi. Il gioco sembrava essere finito, quindi Jason Tatum ha semplicemente guardato la palla rimbalzare sul tabellone e ha aspettato che gli cadesse nelle mani.

Come può un mostro greco lasciare che ciò accada?

“Ha giocato una partita infernale”, ha detto Tatum dopo che Milvuk ha vinto la prima partita, vincendo 101-89. “Dobbiamo essere più forti, non perdere le loro bugie, stare nel canestro del ragazzo, non lasciarlo in una zona aperta, cose del genere”.

La cosa strana di questo momento era che sembrava scioccare i Celtics con il loro stupore. Williams ha effettuato diverse soste consecutive su Antetokunmpo e Boston ha iniziato la fase di transizione, scuotendo la palla per i tre aperti. Ma quando la difesa di Milwaukee è inondata, coprendo ogni parte di ogni partita, anche quando i Celtics hanno iniziato a segnare, Boston ha semplicemente perso quel vantaggio.

Hanno solo tolto di mezzo Antetokunmpo fino a quando non hanno cercato di rimuoverlo, ma non hanno potuto sfruttare l’opportunità finché non ha colto il momento ancora una volta.

Questa volta Williams non si è nemmeno lamentato perché Antetokunmpo lo ha inclinato da dietro. Sapevano cos’era. Milvuk è stato costantemente picchiato da loro. Questo era TKO.

Udoka ha visto abbastanza per liberare la panchina quando i tifosi hanno svuotato il campo in due minuti. Dopo aver visto l’MVP finalista dell’anno scorso lanciarsi nella difesa principale del campionato, Udoka ha potuto vedere i campioni in carica dominare la giornata. Non c’era bisogno di allungarlo ulteriormente. Ecco cosa ti sta facendo Antetokunmpo. Ti fa sentire come se non avessi niente da fare quando sta arrivando.

Quando Antetokunmpo tirava fuori il difensore negli angoli nella zona di difesa, Boston di solito mandava una pena di morte. Ha funzionato contro Brooklyn poiché Ken Durant ha avuto più difficoltà a colpire il palo, colpendo tiri corti. Ma Antetokunmpo può resistere abbastanza a lungo per effettuare il passaggio, mentre l’aiutante scappa dal tiratore o quando lancia completamente il doppio fuori posizione. Quindi spinge fuori i tiratori più grandi: Grayson Allen, Pat Connahton, Bobby Portis.

“Quando passi loro la palla, non esitano”, ha detto Antetokunmpo. “So che se passo a Grayson in tasca, la palla salirà”.

Nel primo tempo, Antetokunpo ha giocato principalmente contro Horford e talvolta Rob Williams, che è salito le scale. Questo ha dato alla stella Bax più possibilità di guidare o passare, per guadagnare velocità quando ha colpito il primo difensore. Pertanto, Boston ha dovuto giocare in piccole zone 2-3 poiché avrebbero affondato un assistente difensore in un passaggio del tiratore.

Uno dei contrattacchi che ha funzionato bene è stato per Portis girare la linea per cercare di forzare quella doppia squadra sciolta per costringere i Celtics ad accendere il cambio. A Jalen Brown manca Jason Tatum, che gli viene consegnato da Portis.

Quando Horford è rimasto sull’isola nel primo tempo, Antetokunmpo ha fatto un passo su di essa, è rotolato indietro attraverso la linea e ha raggiunto facilmente il limite. Niente ha funzionato davvero all’indietro contro il giocatore che ha premuto i tuoi pulsanti più di chiunque altro nel gioco.

“Nel primo tempo le nostre rotazioni non sono state così nette come avrebbero dovuto essere. “Siamo stati un po’ lenti con quello”, ha detto Udoka. “A volte andiamo con lui”. A volte, a seconda di chi lo sta difendendo in quale posizione, vogliamo lasciare che quei ragazzi guardino direttamente, specialmente quando ti guarda dritto negli occhi, cercando di tirarti fuori da quella doppia squadra. A volte andavamo molto veloci. “Ci sta guardando. Le nostre svolte non sono state brusche.”

Era chiaro che Antetokunmpo non è mai stato infastidito da ciò che Boston gli ha lanciato nel round finale lontano da K. Durant. La grande differenza tra Milwaukee e Brooklyn è che Antetokunmpo spinge fuori tiratori molto più alti. Allen, sfortunatamente, è la versione più breve del suo inizio.

Nel primo tempo Milvuki ha giocato 6 contro 11, prendendo e tirando con 3. Antetokunmpo ha segnato o assistito su 55 degli 87 punti di Bux mentre era a terra. Anche quando Horford o Grant Williams lo fermavano in un colpo solo, saltava in piedi o colpiva l’obiettivo di Dirk Nowitzki. Aveva sempre la risposta giusta.

“I grandi giocatori che guidano una doppia squadra, a volte vuoi prendere il tuo veleno”, ha detto Udoka. “Penso che abbiamo aiutato inutilmente nei momenti in cui abbiamo avuto buoni incontri con lui. Se ha intenzione di sparare un tiro in sospensione in dissolvenza, vivremo con quel tiro. Penso che ci siamo andati e le nostre rotazioni non sono state brusche”.

La domanda è come Boston può stringere il programma di gioco di martedì. La palla: barriera Il tiro di Durant al primo turno ha fatto poco a Milwaukee. Farlo tutta la notte contro Antetokunmpo è estremamente faticoso.

I doppi sciolti lo hanno aiutato un po’ durante la guida, poiché poteva prendere provvedimenti per battere i difensori per evitare di rimanere intrappolato. Poi potrebbe rilanciare e scavalcare la difesa.

Boston si sforzerebbe di raddoppiarlo sulla linea di base, ma avrebbero dovuto inviare aiuto da un tiratore ravvicinato o da un angolo laterale debole. Ha trovato i tiratori così affidabili che Udoka ha dovuto lasciarli.

È raro vedere un allenatore dei Celtics non riuscire a risolvere l’enigma dall’oggi al domani, ma la scorsa settimana si sono scontrati con una squadra che ha ammesso che stavano cercando di capirsi, diventando una squadra la cui identità è incisa sulla Larry O’Brien Cup. .

“E’ un playoff. “Questo non è il momento di essere davvero sorpresi”, ha detto Brown. “Loro sono i campioni in carica, dobbiamo uscire e giocare a basket. Devo essere pronto a partire, non importa quali infortuni abbiamo o con cosa abbiamo a che fare. Devi solo essere più discriminante con l’aiuto che offri verso le altre persone. Ecco cosa serve. Chi lascerà tutto lì? “Saremo una squadra più forte, dobbiamo solo rimanere concentrati”.

Quella concentrazione dovrebbe durare tutta la notte. Il secondo tentativo di Bucky è continuato in un momento difficile poiché Boston stava ancora cercando di trovare un modo per fermare Antetokunmpo. Forse il loro ultimo colpo per tornare in gioco è arrivato quando Marcus Smart ha alimentato Antetocumpo con la trappola Horford-Grant Williams, e poi Williams si è avvicinato a Portis per impedirgli di prendere il 3. Ma dopo che Grant Williams è corso a Portis, nessuno. è tornato, Portis ha comunque mancato, րա Brown non è riuscito a tenere l’area su Allen.

La continua frustrazione di Tatum ha rotto tutto. Sono andati così lontano in quella partita, facendo bene, ma i Bucks sono corsi al traguardo. Ora devono lasciare questo a se stessi! Sono mesi che controllano le partite con la loro forza fisica e gli sforzi, che li hanno resi una delle migliori squadre del campionato. Hanno imparato a continuare a ripetere i fallimenti և hanno la memoria corta. Riusciranno a trattenere queste abitudini quando finalmente incontrano un degno avversario?

“È solo un gioco. “Puoi andare avanti”, ha detto Brown. “Devi assolutamente guardare il film, capire cosa abbiamo sbagliato, uscire ed essere migliore di così. Ma un gioco non ti fa vincere un numero. E sappiamo che stiamo giocando, և sappiamo che stiamo giocando ora. Non possiamo perdere la nostra fede, non possiamo perdere la nostra flessibilità o fiducia. “Ora esci e gioca a basket celtico”.

(Photo by Nathaniel S. Butler / NBAE Getty Images)

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *