IPL 2022 – RCB vs CSK:

Pune avrebbe dovuto essere un punto neutrale per i Royal Challengers Bangalore և Chennai Super Kings, ma non era così. Il Mar Giallo si è riunito intorno allo stadio MCA tre ore prima della partita, proprio come ha fatto nel 2018, quando il franchise ha organizzato treni speciali per i fan charter di Chennai quando le loro partite casalinghe dovevano essere spostate. I tifosi di Donny hanno esultato, quelli di Kohl: si sono uniti a loro, և come se lo stadio fosse una grande festa in attesa di un volo, il colore giallo che supera comodamente il rosso.

Per far sentire i giocatori a casa come i tifosi, l’area preparata per questa partita, sia per design che per caso, era proprio sul Super Kings Alley. C’è stato un giro, c’è stato un fermo, c’è stato un salto. E quando tutti questi fattori sono sincronizzati magicamente, come i dispositivi dell’ecosistema Apple, il capitano MS Dhoni diventa un’altra bestia.

I Royal Challengers sono stati dei pessimi antipasti. I loro 6,58 punti nel Powerplay che sono entrati in questo gioco sono stati i più poveri di tutte e 10 le squadre in questa stagione. Mercoledì, invece, sono usciti dai blocchi come un treno proiettile. I bordi, che volano fitti e veloci, i tagli trafiggono l’anello esterno al fianco, ma solo il magnifico schiaffo di Virat Kohli in copertina per i sei di cui avevano davvero voglia. Per un attimo ruggirono anche i gialli. Ma mentre i Royal Challengers potevano assorbire il senso di un buon inizio, sono annegati. Lo spin-choking di Donnie era appena iniziato, e quando lo fece, aveva il completo controllo.

Dopo una breve pausa dall’infortunio, Moen Ali era sul tabellone per la seconda volta quando è tornato quando Faf du Plessis ha abusato di un salto in lungo nel corridoio profondo nell’ottavo sorvegliante. Nel nono, Glenn Maxwell è stato escluso mentre cercava di rubare dopo un orribile errore di valutazione del singolo Collie. Il 10 Kohl consegnò a Moe la sega. Lo lanciò, costringendolo a saltare dalla superficie per superare il suo motore, colpendo i tronchi. I primi tre sono usciti in 10 over. 62 per 0 ora era 79 per 3.

I Royal Challengers sono stati rilasciati su cauzione da due giocatori sconosciuti: Rajat Patidar e Mahipal Lomror. Fino all’inizio della stagione, potresti non vedere entrambi nello stesso XI. Patidar non era nemmeno un banditore. Stava pensando di giocare nella Dhaka Premier League o nella stagione di cricket per club nel Regno Unito dopo non essere stato venduto all’asta. Ma prima che qualcosa potesse raggiungerlo, è arrivata una chiamata da Mike Hesson, direttore delle operazioni di cricket dei Royal Challengers, chiedendogli di fare le valigie e di presentarsi all’IPL. L’infortunio, escluso dal nuovo viceré Louvnet Sisodia, ha permesso a Patidar di aprire.

Poi c’è Lomor, che all’età di 22 anni ha visto molte vite di cricket. Sei anni fa faceva parte dello stesso gruppo di under 19 indiani di Rishabh Pant, Ishan Kishan e Avesh Khan. Prima che i tre iniziassero una carriera frenetica, Lomror, tutti e 19, fu nominato capitano del Rajasthan. Questo è uno stato noto per le sue sfide amministrative, dove le elezioni sono spesso arbitrarie, le squadre non vengono decise fino al giorno della partenza. Da capitano ha guidato la squadra, la logistica, gli allenamenti e tutto il resto.

Questo è uno dei test di realtà più difficili che un giocatore della sua età possa ottenere quando probabilmente dovrebbe divertirsi a colpire la palla biancorossa. In suo onore, l’ultimo round di Lomor come grande giocatore potrebbe sorgere a causa di ulteriori responsabilità. Un’altra questione è che il capitano presto lascerà le sue mani, ma ha dimostrato di avere una buona testa sulle spalle.

Nel cricket junior, Lomor և Pant erano entrambi Basher nel Rajasthan. Lomror è stato persino soprannominato “Junior Gale” da Chandraquant Pandit, un ex portiere indiano che ora è un rispettato allenatore di casa, un uomo noto per il suo occhio acuto per il talento. Mercoledì, i Royal Challengers avevano bisogno di Lomor per portare Gail. Aveva bisogno di riguadagnare lo slancio perso dall’inning. Su una superficie dove non era facile entrare և oscillare subito.

È qui che Patidar lo ha aiutato. Selezionato da un gioco di spin apparentemente forte che i Royal Challengers pensavano valesse la pena colpire al numero 3, è uscito rapidamente dai blocchi, colpendo e spostando la scorecard. Dal quarto pallone che ha incontrato, il primo di Moin, è sceso in campo e dopo molto tempo è volato in tribuna. E si allontanò di nuovo da Moin, cercando di sbalzarlo dalla sua lunghezza. Poi, quando Maheish Tekshana è uscito, Patidar ha sparato un proiettile sopra l’anatra sopra la linea retta di Lomor. La sua lucidità spiccava tra i suoi scatti. Sulla superficie morsa, si rese presto conto che colpire era la strada da percorrere.

L’impresa di Patidar ha avuto un effetto positivo anche su Lomror, poiché ha avuto una grande influenza sulle leve lunghe. E in breve tempo i Royal Challengers ripresero a lavorare և la coppia passò da 44 a 32. Sostituto և centrocampista, che ha trascorso cinque stagioni al Royal, ma con poco tempo per parlare, ha abilmente rianimato il gioco. ining.

Quando Patidar ha raggiunto Mukesh Chudari con un pallone da 15 al 16esimo, si è reso conto di aver fatto il suo lavoro. Ciò ha portato fuori il finito Dinesh Kartik, che all’inizio stava faticando, soprattutto quando Teekshana stava lanciando forte in campo, costringendolo ad accelerare, ma poi Lomor era pronto per il boom finale.

Troppo spesso in passato, ai Royal Challengers mancava un solido giocatore indiano senza cappello che fosse in grado di colmare il divario tra i primi classificati. In soli due inning, Lomrore ha dimostrato di poter andare avanti. Quando Lomor uscì il 19, aveva catturato gli inning e dato ai loro detentori di bicchieri qualcosa da difendere.

Era sempre lo stesso, ma senza molta rugiada, era ancora lavoro. E prendendo 42 su 26, Lomror ha assicurato a tutti che il suo tasso di successo complessivo di 120 T20, che arriva con la stagione, si sta dirigendo a nord. Ha mostrato la sua maturità e il suo livello mentre i Royal Challengers hanno lottato per approfondire la loro competizione.

Shashank Kishoren è il caporedattore senior di ESPNcricinfo

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *