Il taccuino del giornalista. La guerra di Putin continua, ma l’umore in Ucraina è ancora alto

NUOVO:Ora puoi ascoltare gli articoli di Fox News.

Ci sono poche prove di guerra mentre attraversa l’Ucraina occidentale, ma la minaccia di un attacco da parte di missili da crociera russi è costante. I posti di blocco militari sono ovunque, di solito costruiti con vecchi pneumatici, sacchi di sabbia e la bandiera blu e gialla ucraina che sventola orgogliosamente nella dolce brezza primaverile, riflettendo il cielo, i campi dorati o i semi dell’estasi che si estendono fino all’orizzonte.

La sezione generale del posto di blocco dell’esercito sulla strada ucraina.
(Andrew Von / Fox News)

L’AMBASCIATA DEGLI STATI UNITI A KIEV, IN UCRAINA RIAPRI DOPO 3 MESI.

Descriverei Leopoli come una combinazione di Parigi e Roma. Le sue strade lastricate sono fiancheggiate da case maestose, sulle quali si ergono colonne e cupole di antiche chiese. Questa è una città che gode della primavera, anche in tempi di conflitto. Trovarsi qui nel freddo inverno profondo, quando migliaia di profughi sono arrivati ​​alla stazione dei treni e le persone erano scoraggiate in attesa dell’attacco russo, è surreale vedere la città rianimarsi. Gli alberi sono verdi, i giardini sono in fiore e i caffè e i ristoranti sono affollati.

Leopoli nell'Ucraina occidentale può essere descritta come una combinazione di Parigi e Roma.

Leopoli nell’Ucraina occidentale può essere descritta come una combinazione di Parigi e Roma.
(Andrew Von / Fox News)

L’ultima volta che sono stato qui, un paio di piccioni stavano nidificando sul marciapiede davanti alla mia camera d’albergo. Ogni giorno portavano ramoscelli e rami vivaci, intrecciandoli insieme. Sei settimane dopo, nidificano nella loro nuova casa, ignorando la guerra. Ciò non significa che non ci siano segnali di attacchi aerei, le autorità ricordano costantemente ai residenti di essere vigili.

UFFICIALI.

Il mio soggiorno a Leopoli è stato molto breve, solo una notte. Considerando che le forze ucraine stavano attualmente respingendo i russi, sono partito per Ki, guidando attraverso i villaggi. Le strade sono molto tranquille, praticamente vuote, ma per i camion che trasportano le loro merci nella capitale. A causa della guerra, c’è una carenza di benzina e gasolio e ci sono lunghe code in diverse stazioni di servizio che hanno carburante. Aspettano molte ore per riempire i loro serbatoi vuoti. Anche a 150 miglia da Ki, ci sono posti di blocco dove lavorano i soldati segreti. Hanno dato un’occhiata alla nostra macchina prima di spostarla a mano.

Ponte distrutto nella città ucraina di Kiev.

Ponte distrutto nella città ucraina di Kiev.
(Andrew Von / Fox News)

Avvicinandoti a Ki, inizi a vedere i primi segni di conflitto. Non lontano da Irpin և Bucha, periferia che ha subito il peso dell’artiglieria russa և aspri combattimenti, gli edifici sono crollati coperti di proiettili. Il resto dell’edificio industriale testimonia il bombardamento di questa zona, le travi d’acciaio sono state attorcigliate e le pareti sono state bruciate dal colpo diretto. Tutte le vetrine delle attività commerciali vicine և sono state spazzate via, ma anche qui, dove tanti hanno perso tutto, ci sono segni di vita. Ho visto alcune persone lavorare nei loro giardini con le pale in mano mentre si prendevano cura delle loro verdure.

MACCONEL HA FATTO UNA SORPRESA INCONTRANDO ZELENSKY IN UCRAINA.

Poche miglia dopo, Ki ruggiva in lontananza, indicando quanto fosse vicino il Cremlino alla conquista della capitale. La maggior parte dei ponti sono stati deliberatamente fatti saltare in aria dagli ucraini per fermare qualsiasi progresso, ma la ricostruzione è già in corso. Allo stesso tempo, le auto stanno negoziando su una strada sterrata crepata, percorrendo un ponte temporaneo fino al resto dell’autostrada per entrare in città.

CLICCA QUI per scaricare l’app FOX NEWS

Come Leopoli, la vita a K Կ è sorprendentemente normale con minimi segni di danno. I ricci – barriere d’acciaio saldate progettate per fermare i carri armati – sono sedute inutilizzate sul marciapiede nel centro della città, vicino a Maidan. I sacchi di sabbia continuano a circolare all’ingresso della metropolitana, dove altri residenti hanno cercato rifugio. La donna sta lentamente tornando a un nuovo stato normale, tutti guardano a est, dove i combattimenti continuano, ma con crescente fiducia che l’Ucraina alla fine vincerà.

Ci sono barriere d'acciaio sul marciapiede nel centro di Ki.

Ci sono barriere d’acciaio sul marciapiede nel centro di Ki.

In un piccolo supermercato, gli scaffali sono riforniti e i prodotti freschi sono limitati. Nonostante la minaccia di guerra, non ci sono mai stati attacchi di panico. Le persone compravano ciò di cui avevano bisogno, non più che prestare attenzione agli altri. C’era sempre un senso di unità, l’idea che fossero tutti insieme. Durante le 10 settimane che ho trascorso qui all’inizio della guerra, ho assistito a infiniti atti di gentilezza, persone che aprivano le loro case a estranei che non avevano nessun altro posto dove andare. La guerra porta il peggio nelle persone, ma porta il meglio.

Andrew Von è un produttore sul campo di Fox News.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *