Il regista di Final Fantasy XVI vuole scioccare la serie con epiche battaglie di mostri

Ciò di cui Naoki Yoshida è più entusiasta Final Fantasy XVI: Eiko è le battaglie.

mentre si parla Il confine:Yoshida, il direttore del gioco, ha descritto come l’ultima delle voci non remake del 35enne sia stata interpretata da un gran numero dei “mostri” più famosi del franchise: battaglie terrene, fallite e prolungate. – Vecchia serie JRPG.

Richiami: aka espers, aka aeons, aka eidolons, aka GF (lol) և Ora gli eikon sono stati gli elementi principali della serie Final Fantasy, rappresentando una sorta di combattimento “rompi il vetro in caso di emergenza”. Nel corso degli anni, i giocatori hanno avuto diversi livelli di controllo su di loro, dando loro l’opportunità di chiedere un grande successo una tantum, come Final Fantasy VII: և: IX:emetterli direttamente come in Final Fantasy X, o invitali come alleati di combattimento NPC, come ad esempio: FFXII:. Ma: Final Fantasy XVI: Sembra avere più da offrire per un combattimento rispetto a un ragazzo grande che invece batterà gli altri ragazzi.

Immagine di Square Enix

“Abbiamo questa chiamata epica contro le battaglie di battaglia”, ha detto Yoshida, parlando tramite un interprete. “E questi non saranno solo nello staff. “I giocatori potranno effettivamente entrare in quelle battaglie, controllare la propria icona, sentire l’eccitazione dall’interno, non solo dall’esterno”.

Eikons è al centro di tutti i trailer, i media e la scienza che abbiamo visto. Final Fantasy XVI: Finora, concentrare il gioco su queste creature di enorme potere è stata la chiave della visione di Yoshida.

“Allora è semplicemente venuto alla nostra attenzione Final Fantasy XVI: È come una sedia a rotelle gigante e in rapido movimento che porterà i giocatori in un viaggio emozionante in termini sia di storia che di gioco”.

Fantasia finale: si trova nella “calda estate di Garuda”. Final Fantasy XIV: continua a godere di riconoscimenti in tutto il mondo, mentre i fan non vedono l’ora di ricevere qualcosa di più di un semplice a Nucleo di crisi riparazione, ma l’inizio della seconda parte Final Fantasy VII Remake: trilogia. Che tu sia un giocatore singolo o un MMO Fantasia finale: fan, mangi bene. Ma l’arrivo XVI: fa rivivere le preoccupazioni sulla capacità di Square Enix di creare un titolo Final Fantasy originale e di successo da solista.

Immagine del protagonista di Final Fantasy XVI Clive Rosfield in piedi davanti a un fuoco

Immagine di Square Enix

Titolo inquietante: Straniero del paradiso: Origine di Final Fantasy: ha fatto sì che le onde fossero uno strano gioco “rabbrividire, ma fallo accampare” oltre il tradizionale gioco di ruolo d’azione, ma non ha avuto molto successo. Oltretutto, Final Fantasy XV: È stato un successo commerciale, ma un fallimento critico, afflitto da ritardi, cambi di frame, cambi di piattaforma e cambi di leadership che hanno creato un pasticcio di gioco (anche se con alcune serie davvero brillanti di momenti decisivi) nella metà posteriore, che è quasi completamente indifesa . .

Entrando XVI:Yoshida e il suo team erano consapevoli dei problemi in corso FFXV:produzione.

“Una delle prime cose che abbiamo fatto nei primi giorni Final Fantasy XVI: “Lo sviluppo, quando eravamo ancora una piccola squadra, ci siamo concentrati principalmente sul tipo di sistema di gioco che abbiamo”, ha detto Yoshida. “E poi, quando l’abbiamo avuto, abbiamo finalizzato la sceneggiatura della storia”.

Il risultato, dice Yoshida, è un gioco che ora è completamente giocabile dall’inizio alla fine, si spera senza la necessità di DLC o libri per colmare le lacune o raccontare meglio la storia dietro il gioco.

I fan sono entusiasti XVI: in qualche modo non potrebbero essere per gli altri Fantasia finale: giochi a causa di Yoshida. È un grande motivo per cui Square Enix è stata in grado di salvare Final Fantasy XIV: da un pasticcio a malapena giocabile a un gioco acclamato dalla critica dello scorso anno, quindi le vendite popolari e le prove gratuite hanno dovuto essere interrotte per alleviare la congestione del server. Volevo conoscere il suo segreto FFXIV: la salsa ce l’ha fatta FFXVI:.

Ma Yoshida ha detto che ha funzionato Final Fantasy XVI: non ha usato molto la sua esperienza Final Fantasy XIV: perché sono due giochi molto diversi per giocatori che vogliono cose molto diverse.

“Lavoro sul titolo principale, imparo chi sono i fan Fantasia finale: “Loro, quello che quei fan si aspettano dallo show è il più apprezzato”, ha detto Yoshida.

Yoshida ha spiegato che l’esperienza di sviluppo di questi giochi è simile alla differenza di correre una maratona և 100 metri. È un maratoneta, era solito diffondere una storia in modo che i fan fossero interessati a continuare a giocare, doveva allenarsi, per così dire, a correre molto più veloce su una distanza molto più breve.

“Rispetto a un MMO, i giochi per giocatore singolo offrono una gratificazione più immediata”, ha affermato. “Sono brevi esplosioni di estrema eccitazione, e poi, quando raggiungi il traguardo, finisce con un’esplosione che fa riflettere. “Wow, è stata una grande partita”.

Yoshida non è l’unica persona FFXIV: la squadra sta lavorando FFXVI. I fan sono altrettanto entusiasti di vederlo XIV:Il compositore Masayoshi Soken ci sta lavorando XVI:musica. Ho chiesto se Yoshida avesse idea di come Soken stesse svolgendo il nuovo incarico.

Econ Titan dal sorriso mostruoso di Final Fantasy XVI

Immagine di Square Enix

«Final Fantasy XIV: è sempre stato considerato come un Fantasia finale: “Il parco a tema ha permesso molti diversi tipi di musica”, ha detto Yoshida. «Final Fantasy XVI:Tuttavia, è un’esperienza più focalizzata che è saldamente radicata nel viaggio di Clive Rosfield և. In quanto tale, ho immaginato un’esperienza più focalizzata quando si trattava di musica. ”

Yoshida ha condiviso che Soken si fidava di lui per il fatto che ha avuto davvero difficoltà ad adattarsi al lavoro su un gioco per giocatore singolo.

“È stato davvero difficile per lui concentrarsi su un argomento”, ha detto Yoshida. “E ‘passato molto tempo da quando ha dovuto farlo, non essendo in grado di fare solo quello che vuole”.

Yoshida lo sente Final Fantasy XVI: per lui è una sorta di maturazione. Ha raccontato di come da bambino ha interpretato il primo Final Fantasy, e di come la sua immaginazione gli fa sentire che sta interpretando un film. Ora, con tutti i progressi della tecnologia, non ha più bisogno di fare affidamento sulla sua immaginazione.

“Sto guardando la finale Fantasia XVI: come rendere la parte migliore del film և prendere la parte migliore del gioco և combinarli per creare effettivamente un gioco/film interattivo “, ha detto. “La parte più interessante dello sviluppo di questo gioco sono state le iconiche battaglie su larga scala. Quando ero un bambino Final Fantasy I:Con la sua grafica in pixel, ho immaginato come sarebbero stati ed è stato davvero emozionante vederli ora. ”

Leave a Comment

Your email address will not be published.