Il problema dell’allattamento al seno sta peggiorando

I produttori affermano che stanno lottando per ottenere abbastanza latte artificiale in tutto il paese և L’immagine mostra il latte artificiale il 13 gennaio a Chicago. (Scott Olson, Getty Images)

Tempo di lettura approssimativo: 3-4 minuti

ATLANTA – Da mesi i negozi di tutto il Paese faticano a procurarsi abbastanza latte per bambini. I produttori affermano di poter produrre quante più formule possibile, ma ciò non è sufficiente per soddisfare la domanda attuale.

I tassi di perdita di neonati variavano dal 2% all’8% nella prima metà del 2021, ma hanno iniziato a crescere bruscamente lo scorso luglio. Da novembre 2021 all’inizio di aprile 2022, il tasso di emissione della quota è aumentato al 31%, secondo i dati di Datasembly.

Questa cifra è aumentata di “9 punti percentuali” in sole tre settimane fino ad aprile e ora si attesta al 40%, secondo le statistiche. In sei stati: Iowa, South Dakota, North Dakota, Missouri, Texas e Tennessee, più della metà di tutto il latte per bambini è stato consumato entro la settimana del 24 aprile, ha affermato Datasembly.

E sebbene all’inizio di aprile il 40-50% del latte artificiale sia stato consumato in sette stati, 26 stati ora stanno lottando con l’offerta.

“Questo problema è stato aggravato da problemi della catena di approvvigionamento, richiami di prodotti e inflazione storica”, ha affermato Ben Reich, CEO di Datasembly. “Purtroppo, data la volatilità senza precedenti della categoria, prevediamo che il latte artificiale continuerà a essere uno dei prodotti più colpiti sul mercato”.

CVS և Walgreens ha confermato che limita i clienti a livello nazionale a tre formule per neonati և per lattanti per transazione. “Continuiamo a lavorare sodo con i nostri partner di fornitura per soddisfare al meglio le esigenze dei clienti”, ha detto Walgrins a CNN Business.

Un portavoce di Target ha confermato che il rivenditore aveva limitato i suoi acquisti di latte artificiale a quattro punti per cliente per gli acquisti online. La società ha affermato che non c’è limite al numero di unità da acquistare a mano nei negozi Target.

I clienti hanno condiviso le immagini social media Walmart pone restrizioni simili sulla vendita del suo latte artificiale, sebbene Walmart non abbia confermato se questa sia una politica nazionale. Le immagini condivise con CNN Business mostrano scaffali vuoti con latte artificiale, և un cartello che indica che sono consentiti solo cinque punti per ogni cliente.

Walmart non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Il deficit è stato esacerbato dalla chiusura di Abbott Nutrition da parte della Food and Drug Administration a Sturgis, nel Michigan. Abbott è il principale produttore di alimenti per lattanti.

A febbraio, la Food and Drug Administration statunitense ha ritirato tre formule per bambini in polvere prodotte dall’azienda a causa di potenziali infezioni batteriche, inclusa la salmonella. L’agenzia ha consigliato ai genitori di non acquistare, di non utilizzare determinati lotti di latte artificiale Similac, Alimentum և EleCare, tutti dei marchi Abbott.

Un ex dipendente della Abbott Nutrition si è lamentato con la FDA mesi prima del suo richiamo, esprimendo preoccupazione per il fatto che la società stesse nascondendo problemi di sicurezza nello stabilimento di Sturgis nel Michigan. Il latte artificiale è stato ritirato dopo che quattro bambini che l’hanno bevuto hanno contratto rare infezioni causate dal batterio Cronobacter sakazakii. Due neonati sono morti, dice la denuncia.

Un portavoce di Abbott ha detto che il richiamo si applica solo a Sturgis, Mich. Ha affermato che nessun altro prodotto distribuito da Abbott era risultato positivo alla salmonella o ad altri agenti patogeni.

Trovare una formula standard è stato difficile per i genitori, molti dei quali hanno descritto le straordinarie lunghezze che hanno percorso per guadagnarsi anche solo una scatola o una bottiglia. La formula specialistica è ancora più difficile da trovare a fronte di carenze diffuse. I genitori si recano negli stati vicini per tentare la fortuna e molti chiedono aiuto sui social media, implorando estranei di condividere o addirittura scambiare risorse extra.

Abbott ha detto alla CNN sabato che stava lavorando a stretto contatto con la FDA per riavviare le operazioni nel suo stabilimento nel Michigan.

“Continuiamo a fare progressi sulle azioni correttive, intraprenderemo ulteriori azioni mentre lavoriamo per affrontare i punti relativi al recente richiamo. “Fornire prodotti al mercato statunitense”, ha detto Abbott alla CNN Business.

Parija Kavilanz և Ramishah Maruf Affari:

Altre storie che potrebbero interessarti

Leave a Comment

Your email address will not be published.