Il Primo Ministro ha reagito contro Sinwar e ha colpito Netanyahu.

Il primo ministro Naftali Bennett domenica ha respinto il leader di Hamas Yahya Sinwar per il suo discorso minaccioso del giorno prima, consentendo al suo predecessore Benjamin Netanyahu di affluire milioni di dollari in contanti del Qatar nella Striscia di Gaza controllata dai terroristi.

“Mi sembra che in questa fase sia già abbastanza chiaro che ad Hamas non piace questo governo. “Forse mancano le valigie piene di dollari. Forse semplicemente non gli piace il fatto che lavoriamo tutti insieme per migliorare le condizioni di vita dei cittadini dell’Israele arabo”, ha detto Bennett all’inizio di una riunione settimanale di gabinetto.

“Questo è il momento in cui le mascherine si tolgono, è chiaro a tutti coloro che vogliono cosa. Il fatto che Hamas voglia rovesciare il nostro governo dice tutto. “E anche in questo caso, a Sinwar non dovrebbe essere permesso di vincere”, ha detto Bennett.

Sotto il governo di Netanyahu, Israele ha permesso al Qatar di trasferire milioni di dollari a Gaza su base mensile per mantenere un fragile cessate il fuoco con Hamas.

La politica delle “valigie piene di contanti” è stata criticata dal governo di Bennett in quanto sistema di finanziamento del terrorismo ed è stata sostituita da un nuovo meccanismo di distribuzione degli aiuti che includeva le Nazioni Unite.

In un discorso pieno di minacce mortali e condanne contro Israele, il leader di Hamas Gaza Sinwar ha criticato il suo leader del partito, Mansour Abbas, che ha chiamato “Abu Rigal”, un leggendario traditore della leggenda preislamica.

Il palestinese mostra i suoi soldi dopo aver ricevuto lo stipendio a Rafah, a sud di Gaza, il 9 novembre 2018. (Saeed Khatib / AFP)

“È un crimine imperdonabile che tu sostenga questo governo che sta violando Al-Aqsa”, ha detto Sinwar.

Ram ha sospeso la sua appartenenza alla coalizione in seguito ai recenti scontri tra la “polizia” palestinese vicino al Monte del Tempio a Gerusalemme, noto ai musulmani come il Complesso di Al-Aqsa.

Sebbene le tensioni non siano aumentate, Raam deve ancora tornare formalmente al governo.

Abbas ha pubblicamente abbracciato un programma politico che cerca di ottenere vantaggi tangibili per gli arabi israeliani.

Il leader del partito Ram, MK Mansour Abbas (a sinistra) partecipa alla conferenza di Tel Aviv l’11 aprile 2022. Yahya Sinwar, governatore di Hamas a Gaza (a destra), parla durante un incontro il 30 aprile 2022 a Gaza City. (Avshalom Sasson/Flash90; Mahmoud Hamas/AFP)

In interviste sia in arabo che in ebraico, l’islamista ha affermato che Israele “era uno Stato ebraico e tale rimarrà”.

“Dire per un arabo che questo è uno stato ebraico è un punto culminante di degenerazione”, ha detto Sinwar. “Ottieni dei guadagni per la comunità araba in cambio della violazione di al-Aqsa”.

Sinwar ha affermato che il gruppo terroristico “non esiterà a intraprendere alcuna azione” se Israele “viola” la moschea di Al-Aqsa.

Raccontiamo una storia critica

Israele è ora un attore molto più importante sulla scena mondiale di quanto le sue dimensioni suggeriscano. In qualità di corrispondente diplomatico per The Times of Israel, sono ben consapevole che la sicurezza, la strategia, gli interessi nazionali di Israele sono sempre esaminati, con gravi ripercussioni.

Per trasmettere con precisione la storia di Israele, servono equilibrio, determinazione, conoscenza e io vengo a lavorare ogni giorno con l’obiettivo di farlo al meglio.

Sostegno finanziario per lettori come te mi permette di viaggiare per assistere alla “guerra (sono appena tornato da un rapporto in Ucraina)” e alla firma di accordi storici. E questo permette a The Times of Israel di rimanere dove i lettori di tutto il mondo si rivolgono per avere notizie accurate sulle relazioni di Israele con il mondo.

Se vi sembra possibile che vi sia una copertura indipendente e basata sui fatti del ruolo di Israele nella prosperità mondiale, vi esorto a sostenere il nostro lavoro. Ti unirai a The Times of Israel oggi?

Grazie

Lazzaro BermanCorrispondente Diplomatico

Sì, darò Sì, darò Già un membro. Accedi per vedere questo

Sei un lettore devoto

Ecco perché abbiamo avviato il Times of Israel dieci anni fa per fornire a lettori perspicaci come te una copertura del libro da leggere sul mondo ebraico in Israele.

Quindi ora abbiamo una richiesta. A differenza di altri media, non abbiamo installato il muro di pagamento. Ma poiché il nostro giornalismo è costoso, invitiamo i lettori per i quali The Times of Israel è diventato in grado di aiutare a sostenere il nostro lavoro aderendo. La comunità di Times of Israel.

Per soli $ 6 al mese, puoi supportare il nostro giornalismo di qualità mentre ti godi The Times of Israel LIBEROcome entrare! Contenuti esclusivi disponibile solo per i membri della comunità del Times of Israel.

Grazie
Da David Horowitz, editore fondatore di The Times of Israel

Unisciti alla nostra community Unisciti alla nostra community Sei già un membro. Accedi per vedere questo

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *