Il Primo Ministro dello Sri Lanka si è dimesso dopo settimane di proteste

COLOMBO, Sri Lanka (AP) – Il primo ministro srilankese Mahinda Rajapaksa si è dimesso lunedì dopo settimane di proteste che chiedevano che lei e suo fratello, il presidente, si dimettessero a causa della peggiore crisi economica del Paese da decenni.

Rajapaksa ha annunciato su Twitter di aver presentato le sue dimissioni al presidente Gotabaya Rajapaksa. Non ci sono ancora commenti dall’ufficio del presidente.

Le dimissioni sono arrivate dopo che le autorità hanno dispiegato truppe nella capitale, Colombo, lunedì dopo che i sostenitori del governo hanno attaccato i manifestanti accampati vicino agli uffici del presidente e del primo ministro all’inizio della giornata.

La violenza ha suscitato un’indignazione diffusa, con persone che hanno separato i sostenitori di Rajapaksa e li hanno attaccati in molte parti del paese. Gli autobus che trasportavano i sostenitori della manifestazione mattutina sono stati bloccati, poiché è stato aggredito. Le case di alcuni ministri del governo, politici che sostengono i Rajapak, sono state attaccate e alcune date alle fiamme.

Il paese sull’isola nell’Oceano Indiano è sull’orlo del fallimento և ha smesso di pagare i suoi prestiti esteri. Per mesi, gli srilankesi hanno fatto lunghe code per acquistare carburante, gas, cibo e medicine scarsi, la maggior parte dei quali dall’estero.

La mancanza di una valuta forte ha ostacolato l’importazione di materie prime per l’industria, peggiorando l’inflazione.

Con l’aumento dei prezzi del petrolio durante il conflitto Russia-Ucraina, le riserve di carburante dello Sri Lanka sono esaurite. Le autorità hanno annunciato interruzioni di corrente in tutto il paese perché non potevano fornire abbastanza carburante alle centrali elettriche.

I problemi economici hanno portato a una crisi politica, con il governo che ha dovuto affrontare proteste diffuse e una mozione di sfiducia al parlamento. I sindacati hanno anche chiesto uno sciopero generale lunedì, a patto che il presidente e gli altri membri della sua famiglia regnante non se ne vadano.

Il presidente finora ha rifiutato di dimettersi, և il parlamento dovrà affrontare un processo difficile se cercherà di rimuoverlo.

Le dimissioni del Primo Ministro significano che il governo è completamente sciolto.

All’inizio della giornata, i sostenitori del primo ministro si sono radunati all’interno del suo ufficio, esortandolo a ignorare la richiesta di dimissioni dei manifestanti. Durante il loro incontro, Rajapaksa ha detto che era abituato a proteste, rivolte e non sarebbe scappato dalle sfide.

Dopo la manifestazione, i sostenitori di Rajapaksa si sono recati davanti alla residenza ufficiale del Primo Ministro, dove i manifestanti protestano da diversi giorni. Hanno attaccato i manifestanti con sbarre di legno e di ferro, li hanno trascinati giù e dato loro fuoco, mentre la polizia osservava.

L’attacco è avvenuto nonostante lo stato di emergenza dichiarato venerdì scorso dal presidente, che gli conferisce ampi poteri per controllare i disordini.

Dopo aver disperso la protesta davanti alla residenza del Presidente del Consiglio, la folla si è spostata all’ingresso dell’ufficio del Presidente, dove le persone si erano accampate nell’ultimo mese.

Ո գործի գործի դրվել ար ար գազով գազով մի քանի ջր մեքենաներով մեքենաներով մեքենաներով մեքենաներով մեքենաներով մեքենաներով մեքենաներով բայ չչգտագործե դրանք դրանք և տվե տվե տվե որ որ ամբոխը մի մի քանի ան և շարժվի դեպի նախագահի նախագահի գրա գրա գրա որտեղ որտեղ նրանք նրանք հարձակվե ու ու վրա վրա և և հրկիզե ճամբարները ճամբարները ճամբարները ճամբարները ճամբարները ճամբարները ճամբարները ճամբարները ճամբարները ճամբարները ճամբարները ճամբարները ճամբարները ճամբարները ճամբարները ճամբարները ճամբարները ճամբարները ճամբարները ճամբարները ճամբարները ճամբարները ճամբարները ճամբարները ճամբարները ճամբարները ճամբարները ճամբարները

La polizia ha usato gas lacrimogeni e canne d’acqua sul luogo di una protesta, ma non così forte per gestire la folla.

I manifestanti hanno anche reagito dopo che la polizia non ha fatto nulla per fermare la folla.

Dopo l’attacco, centinaia di soldati armati sono stati dispiegati nella capitale, poiché i manifestanti hanno accusato la polizia di essere stata impedita dall’attacco, nonostante i manifestanti avessero applicato cannoni ad acqua. fino a venerdì scorso.

“La polizia non ci ha protetto, quindi l’abbiamo preso nelle nostre mani”, ha detto Druvi Tsinasena, che ha contribuito a chiudere le strade per proteggere il luogo della protesta.

Sirasa TV ha mostrato il legislatore del governo Sanat Nishanta tra i sostenitori del governo che hanno attaccato i manifestanti.

Almeno 23 persone sono state ricoverate al Colombo General Hospital con ferite non gravi, ha detto il funzionario in condizione di anonimato perché non gli è stato permesso di parlare con i media.

L’attentatore ha colpito poco dopo mezzogiorno davanti a una manifestazione di venerdì, rimuovendo centinaia di manifestanti su camion. Chiesero che il presidente e altri membri della famiglia Rajapaksa si dimettessero. Proteste simili si sono diffuse in altre parti del paese, con persone che hanno allestito campi in altre città del paese.

Quest’anno, lo Sri Lanka ha dovuto ripagare 7 miliardi di dollari del suo debito estero, rispetto ai circa 25 miliardi di dollari che aveva nel 2026. Il suo debito estero totale è di 51 miliardi di dollari.

Il ministro delle finanze ha annunciato all’inizio di questa settimana che le riserve estere utilizzabili del paese erano scese al di sotto dei 50 milioni di dollari.

Lo Sri Lanka è in trattative con il Fondo monetario internazionale per finanziamenti immediati e un piano di salvataggio a lungo termine, ma è stato detto che i suoi progressi dipenderanno dai colloqui di ristrutturazione del debito con i creditori.

Qualsiasi progetto a lungo termine richiederà almeno sei mesi per essere completato.

Leave a Comment

Your email address will not be published.