Il primo ministro del Regno Unito Boris Johnson non è più responsabile dello scandalo “partygate” di Downing Street.


Londra:
CNN:

I partecipanti alla campagna hanno definito un “terribile insulto” la decisione di non intraprendere ulteriori passi contro il primo ministro britannico Boris Johnson in relazione allo scandalo “Partygate”.

Downing Street ha rivelato giovedì che Johnson non aveva annunciato ulteriori multe per la sua presunta violazione delle normative blockchain dopo che la polizia metropolitana ha annunciato di aver completato le indagini.

Secondo quanto riferito, Johnson era “contento” che l’indagine fosse finita, che non avesse ricevuto una seconda multa dopo essere stato condannato a 56 anni, ha riferito PA Media.

Lo ha detto il portavoce ufficiale del premier. “La trattativa ha confermato che non si stanno facendo altri passi per quanto riguarda il presidente del Consiglio”.

Annunciando la fine delle sue indagini online, la Polizia metropolitana ha rilasciato una dichiarazione, in cui si legge: Il Metropolitan ha annunciato oggi che l’indagine sulla presunta violazione delle normative Covid a Downhill e Whitehall nell’ambito dell’operazione Hilman è stata completata.

“Un totale di 126 investigatori sono stati deferiti all’Ufficio del casellario giudiziario (FPN) dell’ACRO per violazione delle normative Covid-19”.

Johnson è stato multato dalla polizia il 13 aprile 2020 per aver partecipato a una festa di compleanno nella sua residenza ufficiale di Downing Street quando i grandi raduni al chiuso erano stati vietati.

A dicembre, ha affermato di essere stato assicurato che “non c’era partito, che nessuna regola Covid era stata violata”. Successivamente, si è scoperto che lui stesso ha partecipato a una serie di eventi, inclusa la festa, per la quale è stato multato.

Gli attivisti che hanno perso i propri cari durante l’epidemia hanno definito la decisione di giovedì un “terribile insulto” e hanno chiesto l’immediato rilascio di un rapporto dell’alto funzionario statale Sue Gray, che dovrebbe essere molto critico nei confronti di Johnson.

Una serie di tweet dall’account Covid-19 Beeaved Families for Justice in Gran Bretagna dice: “Non c’è motivo di rimandare più quel rapporto! “Ogni giorno non agiscono, permettono a un uomo che ci ha degenerato e ha mentito davanti a volti lugubri quando affermava di aver fatto ‘tutto’ per salvare i nostri cari di rimanere nella posizione più alta del Paese”.

Il cosiddetto scandalo Partygate è stato una disgrazia per il Partito conservatore, poiché i sondaggi di opinione hanno mostrato che il pubblico voleva che il Primo Ministro si dimettesse.

I politici dell’opposizione hanno chiesto a Johnson di dimettersi, ma le critiche sono diminuite poiché il leader laburista Kir Starmer è ora sotto inchiesta per presunta violazione delle regole.

Gli è stato chiesto giovedì dai giornalisti a Leeds se stesse ancora chiedendo le dimissioni di Johnson, Starmer ha detto: “La mia visione del presidente del Consiglio non è cambiata.

“Certo, dopo un’indagine che mostra più di 120 violazioni a Downing Street, ovviamente deve dimettersi, è responsabile della cultura”.

L’Autorità Palestinese ha riferito che Starmer è stato interrogato per la sua stessa violazione, ma ha detto: “Non c’è stata alcuna violazione delle regole da parte mia o di nessuno nella mia squadra, ne sono sicuro, quindi non c’è paragone qui”.

La polizia metropolitana ha affermato che non avrebbe identificato le persone multate per le violazioni di Covid a Downing Street, ma ha affermato che 53 uomini e 73 donne erano tra i destinatari, alcuni dei quali sono stati multati più di una volta.

“Non c’è dubbio che l’epidemia abbia colpito tutti noi in così tanti modi. Ci sono stati forti sentimenti e opinioni su questo particolare problema”.

“Quando sono state introdotte le normative Covid, il Met ha chiarito che se non avessimo indagato sulle violazioni delle normative, potrebbero esserci momenti in cui sarebbe opportuno farlo.

“Le informazioni che abbiamo ricevuto sulle presunte violazioni a Downing Street e Whitehall sono state sufficienti per avviare un’indagine del genere per soddisfare i nostri standard.

“La nostra indagine è stata approfondita, imparziale e completata il più rapidamente possibile, data la quantità di informazioni che devono essere riviste per garantire che abbiamo prove solide per ogni rinvio FPN.

“Questa indagine è finita”.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *