Il piano ombra della Russia che ha gettato i nazisti in Ucraina prima della guerra di Vladimir Putin

Il presidente russo Vladimir Putin afferma di aver invaso l’Ucraina per “denazionalizzare” il Paese, per “proteggere il popolo” dalla “violenza e dal genocidio”. A quanto pare, i russi credono in lui. Circa il 68% ritiene che l’obiettivo dell’intrusione sia l’autodifesa, mentre il 21% afferma che ha a che fare con la privazione. Mentre alcuni sono stati cauti nel riconoscere che l’Ucraina ha davvero un problema nazista, l’Occidente ha ampiamente risposto a tali accuse sbattendo le palpebre, sostenendo giustamente che la cosiddetta denazionalizzazione di Putin non è altro che una scusa per aprire terreno. catturare

Ma c’è un punto ovvio, che è stato principalmente ignorato durante le discussioni sul nazismo in Ucraina. il fatto che il problema nazista del Paese sia riconducibile alla Russia.

Mosca ha recentemente pubblicato un video ombra che mostra come le forze dell’FSB abbiano “sventato” il tentativo di omicidio dei neonazisti ucraini. La cosiddetta tana degli assassini conteneva molte “prove” che sembravano essere state messe in mostra, come la nuova maglietta dall’aspetto nazista e i giochi di The Sims, che apparentemente erano state scambiate dagli agenti russi a cui era stato chiesto di portare le schede SIM in l’appartamento. ma invece ha pubblicato videogiochi.

Un altro elemento che è stato “scoperto” è stato un libro manoscritto firmato con una “firma illeggibile”, che suggeriva che l’FSB avesse erroneamente firmato le parole quando gli era stato detto di lasciare una firma illeggibile. Come tutto il resto, il libro era probabilmente una pianta, ma la firma non è così stupida come sembra.

Questa espressione ha un significato speciale nella comunità ultranazionalista russa. È anche il titolo di un rozzo film d’animazione antisemita su un topo (un ebreo metaforico) che ottiene un lavoro in ufficio usando un riferimento alla firma illeggibile. Leonid Volkov, capo di stato maggiore del leader dell’opposizione Alexei Navalny. ha scritto: Su Twitter, la frase è legata anche a Vasily Fedorovich, l’autore del manifesto fascista del 2011, il crimine d’odio “White Lace”. come Il mondo: “I gruppi di odio ucraini dovrebbero essere ispirati dalle loro controparti russe … Gli skinhead russi aiutano i gruppi locali condividendo suggerimenti, video su come attaccare, torturare le vittime e come lasciare la scena del crimine in sicurezza”.

Ci sono altre forme di ispirazione culturale ultranazionalista che sono fluite dalla Russia all’Ucraina nel corso degli anni, inclusi gruppi di tifosi di calcio neonazisti, arti marziali miste (MMA) e band metal underground. Denis Nikitin, un teppista russo del calcio neonazista e figura di estrema destra delle MMA, vive da anni in Ucraina, dove ha organizzato combattimenti di MMA a Kiev, presumibilmente usando le MMA come strumento per reclutare neonazisti. Un altro modo per i neonazisti russi di incontrare e reclutare ucraini era attraverso la scena musicale, inclusa la band metal russa M8L8TX (Hitler’s Hammer), che faceva spesso tournée nell’area di Kharkov. “Quando parli con i nazisti”, dice il giornalista indipendente Leonid Ragozin, “si scopre che spesso andavano a quei concerti”.

Il nazionalista russo Dmitry Dyomushkin in una conferenza stampa il 16 febbraio 2011 a Mosca contro il Movimento contro l’immigrazione illegale (DPNI).

Alexei Sazonov / AFP Getty

Il governo russo avrebbe anche svolto un ruolo diretto nell’invio di mercenari neonazisti in Ucraina. Ciò include Dmitry Demushkin, il quale afferma che nel febbraio 2014, l’allora vice primo ministro russo Dmitry Rogozin si è offerto di nominarlo sindaco della città di Donbas se avesse accettato di guidare i suoi seguaci a combattere in Ucraina. Un anno dopo, Alexei Milchakov, un mercenario neonazista associato a Wagner, affermò che lui, il suo collega neonazista russo Jan Petrovsky e altri erano stati pagati dal governo russo per svolgere attività di beneficenza in Ucraina, dove aveva fondato il neonazista. Il gruppo mercenario nazista “Rusich” è apparso nei titoli dei giornali, tagliando le orecchie ai cadaveri nemici.

Ad essere onesti, la stessa Ucraina ha una storia nazista. I padri fondatori del Paese furono i collaboratori dei nazisti. Stepan Bandera era il leader dell’organizzazione nazionalista ucraina di estrema destra, Roman Shukhich, il capitano della polizia nazista filo-nazista, e Yaroslav Stetsko una volta disse di sostenere lo “sterminio degli ebrei”.

I resti di questo tipo di antisemitismo storico sono conservati fino ad oggi. Negli ultimi anni l’antisemitismo è cresciuto in Ucraina, inclusa la marcia neonazista a Key nel maggio 2021. Ma per quanto riguarda tali problemi, sono stati compiuti sforzi mirati per affrontarli, anche all’inizio di febbraio di quest’anno, quando il governo ucraino ha approvato una legge che criminalizza l’antisemitismo.

Il 14 ottobre 2014 il battaglione Azov terrà una manifestazione a Kiev in occasione della fondazione dell’Esercito ribelle ucraino (UPA), formato nel 1943 per combattere per l’indipendenza dalle forze polacche, sovietiche e tedesche nell’Ucraina occidentale.

Genya Savilov / Via AFP Getty

Poi c’è il Battaglione Azov in Ucraina, il cui leader fondatore una volta ha affermato che l’obiettivo dell’Ucraina è “guidare le razze bianche del mondo nell’ultima crociata contro l’Untermenschen guidata dai sottogruppi”. [subhumans]»: Ma se Azov è un gruppo antisemita e nazionalista estremo, և l’estrema influenza nazionalista viene dalla Russia, perché Azov sta combattendo contro la Russia?

«Il Golem nazista iniziò a sfuggire al controllo del suo creatore.»

“Nel corso degli anni, le persone con il colore della pelle o i bulbi oculari ‘sbagliati’ sono state massicciamente picchiate in Russia”, ha scritto il sociologo e commentatore politico russo Igor Eidman nel settembre 2020. “Tuttavia, non ci sono stati tentativi politici di garantire la sicurezza nella pratica. ufficiali, funzionari, oligarchi.”

Questo è stato fino al 2007, quando “Nazi Golem ha iniziato a sfuggire al controllo del suo creatore. I nazisti in realtà ricorsero al terrore di massa, destabilizzando il paese. “Hanno iniziato a far esplodere e rompere i mercati”, ha scritto Aidman. Di conseguenza, le autorità russe hanno deciso di chiudere il loro progetto nazista di famiglia durante le rivolte di Euromaidan in Ucraina, poiché “il Cremlino ha deciso che i nazionalisti potrebbero diventare una forza di protesta non solo a Ki, ma anche a Mosca”. Così, nel 2014, hanno cercato di mandarli in un mattatoio nel Donbas. E quelli che rifiutavano furono imprigionati”.

Ciò è in linea con le dichiarazioni di Demushkin, Milchakov e altri.

Eidman conclude che quasi tutti i leader nazionalisti estremisti russi sono diventati improvvisamente nemici dello stato e sono stati imprigionati dal 2014 al 2015. Molti in seguito sono fuggiti in Ucraina. Alexander Parinov, ricercato per aver complottato per assassinare un avvocato e giornalista, è ora membro di Azov. Sergei Korotkikh, che ha fondato il più grande gruppo ultranazionalista della Russia, la Società Nazionalsocialista. adesso: Membro supremo di Azov. Secondo quanto riferito, anche Roman Zheleznov, un membro del movimento di estrema destra Restructure che dava la caccia ai gay in Russia, sta prestando servizio ad Azov. Alexei Korshunov, un membro dell’organizzazione militante neonazista dei nazionalisti russi (BORN), responsabile di numerosi omicidi, è stato sospettato di aver ucciso l’attivista antifascista Ivan Khutorsko ed è fuggito a Zaporozhye, in Ucraina.

Gli ultranazionalisti ucraini marciano attraverso il centro di Leopoli il 28 aprile 2013 per celebrare il 70° anniversario della Fondazione “Galizia” della 14a Divisione Volontari delle SS.

Yuri Dyachish / AFP Getty

Pertanto, la Russia ha contribuito a incoraggiare i gruppi nazionalisti estremisti a destabilizzare l’Ucraina, ma quando il Cremlino si è reso conto che questi stessi gruppi potevano essere una forza destabilizzante a Mosca, li ha repressi e molti sono fuggiti nella vicina Ucraina. La conclusione è che ora ci sono neonazisti anti-russi in Ucraina che sono di origine russa.

“Il Cremlino ha scoperto che l’estrema destra può essere una minaccia per la stabilità politica, non solo per i lavoratori migranti afroamericani”, ha affermato Alexander Verkhovsky, direttore del Russian SOVA Center, che si concentra sul razzismo nazionalista post-sovietico. Russia, ha detto al Daily Beast. “Ci sono state diverse ondate di repressione. La mia ipotesi è che le nostre autorità avessero delle preoccupazioni sui partecipanti alla guerra [in Ukraine] “Stavano tornando molto delusi.”

Verkhovsky dice che la Russia ha influenzato i gruppi ucraini, ma non li ha creati. “Molti neonazisti russi, altri leader e attivisti di estrema destra, inclusi militanti, sono fuggiti in Ucraina negli ultimi anni”, ha aggiunto. “Alcuni, non tutti, sono entrati a far parte dell’ambiente neonazista ucraino. “Ma tutti i gruppi neonazisti ucraini sono stati creati da ucraini”.

Il tradimento politico è solo una parte del problema. C’è una profonda frattura ideologica. “I nostri ultra-destra sono prima di tutto razzisti bianchi”, ha detto Verkhovsky. “Putin è percepito come un nemico perché invita milioni di non slavi da altri paesi, il che è considerato un’invasione. Pertanto, è considerato un traditore nazionale”.

Un soldato del battaglione Azov pattuglia nella città ucraina di Shirokine.

NurPhoto / Getty:

Questo spiega perché, nel 2014 Custode:Ha detto uno dei combattenti di Azov. “Non ho nulla contro i nazionalisti russi o la Grande Russia. Ma Putin non è nemmeno russo. “Putin è un ebreo”.

Insomma, finisce così quando Putin afferma di voler denunciare l’Ucraina e cacciare il suo presidente ebreo, mentre in Ucraina i neonazisti russi affermano che Putin è ebreo. In ogni caso, l’affermazione di Putin è chiaramente collegata al fatto che la caldaia nazista chiamava “s” la caldaia nazista.

Leave a Comment

Your email address will not be published.