Il nuovo assistente vocale di Sonos sembra più veloce del suo concorrente

I dispositivi Sonos supportano l’assistente vocale Alexa di Amazon da quasi cinque anni. Sonos One del 2017 è stato il primo altoparlante realizzato dall’azienda con microfoni integrati e da allora quasi tutti gli altoparlanti hanno lavorato con Alexa, per non parlare dell’Assistente Google. Nonostante il supporto di questi servizi popolari, Sonos ha deciso di creare il proprio assistente vocale. Denominata Sonos Voice Control, la funzione è progettata specificamente per funzionare solo con la musica, quindi non è un concorrente di Alexa և Google Assistant. Invece, è progettato per gestire la tua musica il più rapidamente possibile, mantenendola privata.

Sì, suona come nient’altro che Giancarlo Esposito.

Sono

Sonos Voice Control sarà disponibile su tutti gli altoparlanti Sonos dotati di microfono, fino al Sonos One di prima generazione. Come altri assistenti vocali, usi la sveglia (Hey Sonos) per catturare l’altoparlante. Puoi chiedergli di riprodurre brani, album o artisti di Apple Music, Amazon Music, Deezer o Pandora. Puoi anche chiedergli di riprodurre stazioni su Sonos Radio. No, Spotify և YouTube Music non è disponibile al momento, o Sonos afferma che prevede di aggiungere altri servizi in futuro.

Come accennato in precedenza, Sonos Voice Control non è un concorrente completo di Alexa. Non puoi chiedere quel tempo o aggiungere elementi alla tua lista di cose da fare. invece, è appositamente adattato per la musica per controllare il tuo sistema Sonos. Ciò significa che puoi chiedere a Sonos di spostare la musica che ascolti da un microfono all’altro o di riprodurre tutti gli altoparlanti della tua casa. Funzionano anche comandi semplici come voce և skip.

Questi comandi limitati, come play և gestione della pausa, funzioneranno anche su altoparlanti Bluetooth come Roam և Move quando non sono collegati al WiFi. Sonos promette inoltre che la configurazione sarà un compito semplice per abilitare la funzionalità dell’applicazione Sonos. Dal momento che non hai effettuato l’accesso a un sistema di terze parti, non dovrai passare da più applicazioni per fare le cose qui.

Ti starai chiedendo perché usi Sonos Voice Control su uno degli altri assistenti vocali che funzionano con i suoi altoparlanti. L’azienda ritiene che la privacy sarà un grande punto di forza in questo caso, poiché cita una ricerca secondo cui molte persone che non immettono comandi vocali sugli altoparlanti Sonos lo fanno a causa di problemi di privacy. Ma Sonos Voice Control lo supera facendo tutto sul dispositivo. La società lo ha chiarito in una conferenza stampa, affermando che non vengono osservati comandi vocali o che il dispositivo non viene restituito a Sonos.

Questo ha un vantaggio. Sonos Voice Control è veloce. La maggior parte delle volte non è necessario che l’oratore risponda oralmente alla tua domanda, quindi chiedigli semplicemente di suonare una canzone և la canzone suona. Ovviamente dovevamo sperimentare di più con la versione finale del software, ma nella demo che ho visto all’inizio di questa settimana, le prestazioni sono state estremamente impressionanti. Quando chiedo agli altoparlanti intelligenti di riprodurre musica, di solito c’è una pausa evidente quando l’altoparlante chiama Internet e inizia a riprodurre musica. La maggior parte delle volte, l’assistente ripete ciò che hai chiesto prima di iniziare a giocare. Ma nel caso di Sonos Voice Assistant non c’è una risposta verbale, il tempo necessario per և elaborare i comandi և per capire sembra molto più veloce rispetto a quando utilizzo Google Assistant o Alexa sui miei altoparlanti Sonos. Nel mio esperimento non scientifico, Alexa era decisamente più veloce di Google Assistant per molte query, ma Sonos Assistant sembrava ancora più veloce.

Se stai già utilizzando Alexa sui tuoi altoparlanti Sonos, puoi aggiungere un assistente vocale Sonos per lavorare con Alexa. Puoi usare la frase di sveglia Hey Heyos per controllare la tua musica և chiedi comunque ad Alexa di fare tutto il possibile. Sfortunatamente, questo non è il caso di Google Assistant. Puoi utilizzare solo i comandi vocali di Google o Sonos, non entrambi. In passato, Sonos ha accennato al fatto che Google fosse il motivo per cui non è possibile utilizzare Alexa e Google Assistant sui suoi altoparlanti, come probabilmente è il caso qui.

Per quanto riguarda il modo in cui Sonos ha ottenuto il proprio assistente vocale presso Giancarlo Esposito, la società afferma di aver preso in considerazione molte opzioni diverse, comprese le versioni maschio-femmina generate al computer e neutre rispetto al genere. Ma alla fine, l’azienda voleva creare un suono che fosse familiare a molti utenti. una voce che avesse più personalità di quella che avresti da una voce comune. Si dice che non ascolti molto dei discorsi di Esposito, poiché il sistema è progettato per parlare con te solo quando gli chiedi direttamente informazioni, ad esempio quale canzone viene riprodotta. Sonos afferma che aggiungerà più voti nel tempo man mano che il controllo vocale arriverà in più regioni, ma un portavoce dell’azienda ha rifiutato di dire se proverranno da attori famosi come Esposito.

Sonos Voice Control arriverà negli Stati Uniti il ​​1° giugno, seguito dalla Francia entro la fine dell’anno.

Tutti i prodotti offerti da Engadget sono selezionati dalla nostra redazione, indipendentemente dalla nostra casa madre. Alcune delle nostre storie includono link di affiliazione. Se acquisti qualcosa tramite uno di questi link, possiamo ottenere una commissione di affiliazione.

Leave a Comment

Your email address will not be published.