Il GP di Miami è stato un grande spettacolo, anche se la pista era assurda Formula 1:

unQuando un evento sportivo è considerato una “supercoppa” nel suo genere, la pressione repressiva sarà enorme. Ma in termini di spettacolo del primo Gran Premio di Formula 1 di Miami, più dell’importo pagato in eccesso. Il finto porto, la piscina delle sirene, gli altri tocchi kitsch sono stati un successo. Persone di tutte le razze e culture sono venute in gruppi vestiti per uccidere. I fan femminili sono usciti con la forza. Ar era fuori, la vibrazione era pronta su Instagram, la bandiera confederata sventolava nel campo visivo. Naskar, mangia il tuo cuore.

Quando Gabriel Union, David Beckham, Catherine Hahn e Mila Kunis erano al Miami Garden Inn domenica scorsa, alcuni chiamati MotorCoachella, la folla era cresciuta fino a 85.000. Molti di loro sono stati decorati con le ultime mode di Ferrari, Aston Martin e Williams. Alla fine, hanno ottenuto la loro considerevole somma di denaro. Non importava che la razza stessa fosse grande, grassa.

A parte le partite di campionato giocate da Tom Brady, che ha anche gareggiato nel Sunday GP, la maggior parte dei Super Bowl moderni sbadiglia con affari unilaterali. La lotta per il titolo di domenica non è stata diversa dall’attuale campione dell’ala pole Charles Leclerc Max Verstappen.

Naturalmente, all’inizio sembrava che questo grande evento avrebbe portato a uno scontro di stili molto più stretto poiché l’abilità nelle curve della Ferrari contrasta con la velocità diretta della Red Bull. Ma quando hanno iniziato a rotolare, Verstappen è saltato rapidamente su Carlos Sainz della Ferrari e ha acceso Leclerc sulla strada per sbloccare l’enorme vantaggio. Se non fosse stato per la cautela del 41esimo round, Verstappen avrebbe potuto segnare la peggior partita del Super Bowl di Miami dal 1995, quando i 49 hanno corso duramente sui Chargers. bel tocco. Ma dopo quel pestaggio? Probabilmente i suoi avversari avevano bisogno di più difesa.

L’esplosione non è stata nemmeno un punto di svolta in casa. La copertura della gara da parte della ABC ha raccolto 2,6 milioni di spettatori negli Stati Uniti, la più alta trasmissione in diretta di F1 di sempre. un pubblico leggermente inferiore rispetto alla gara Nascar di domenica. E così è stato con l’analista NBA Jeff Van Gundy, che con entusiasmo e un po’ casualmente ha coperto la gara per molto tempo durante la copertura della precedente serie di playoff Grizzlies-Warriors della ABC.

Haley Steinfeld և Serena Williams online prima della gara di domenica. Foto di Eleanor Hood / Rex / Shatterstock

Ancora più impressionante del risultato del palloncino di Verstappen è che ha raggiunto questo obiettivo con una connessione ibrida temporanea che sarebbe stata criticata durante il fine settimana per capelli appassiti, mento stretto e una generale mancanza di presa, esacerbata da un’ondata di caldo quasi tripla. La pista è stata restaurata due volte prima della gara di domenica. Fernando Alonso ha effettivamente definito la superficie di questo intricato parcheggio una miscela di granito georgiano e calce locale և 24.000 tonnellate di asfalto. scarsa qualità. Il giocatore della Red Bull Sergio Perez lo ha definito uno “scherzo”.

Lando Norris, che ha abbandonato la gara dopo un alterco in ritardo con Pierre Gusly al 7° giro, ha accusato i progettisti del circuito di Miami di “averlo inventato”.

“C’era solo una linea che avesse una presa”, ha detto Walter Bottas, che ha rotto la sua curva Alfa Romeo durante le prove libere del venerdì. “Rende un po’ più difficile andare in giro.” Verstappen, che è quasi caduto dalle prove scivolando attraverso una canna ed è inciampato di nuovo nel terzo turno di qualificazione, ha detto che era “quasi ghiaia” mentre afferrava la pista.

Ancora più allarmante è stato Esteban Okon di Alpine mentre rotolava dall’ingresso del capannone per entrare in una barriera completamente di cemento. (O’Connor in seguito ha criticato la mancanza di protezione della barriera definendola “inaccettabile”.) Durante l’allenamento di venerdì, Sains ha liberato un altro muro di cemento non protetto fuori dalla 14a curva, costringendo la Ferrari a assemblare i pezzi in tempo per il turno di qualificazione del giorno successivo. : sessione. Non sarebbe il Super Bowl se dopo non ci fosse una piccola polemica. (Inoltre, è un rinfrescante cambio di tono rispetto ai pettegolezzi delle settimane precedenti sul prosciutto).

Ma non tutti i piloti erano preoccupati per l’esperienza di Miami. Lewis Hamilton ha paragonato il suo tour di Miami al parcheggio di un grande magazzino dove guidava un’auto con suo padre, ma si è rifiutato di condannare il percorso dopo la gara di domenica. (Anche se Hamilton lo ha fatto prendere insignificante a parte i primi scontri շրջ) E, ovviamente, Daniel Ricardo è sempre ottimista.

Sebbene l’australiano non fosse particolarmente entusiasta di finire 13°, Ricardo poteva ancora valutare fino a che punto fosse arrivata la F1. Sette anni fa, alla vigilia del triste Gran Premio degli Stati Uniti ad Austin, che stava per essere inondato da piogge torrenziali, a Ricardo è stato chiesto cosa doveva fare la Formula 1 per attirare più fan americani, e la sua risposta è stata “più ragazzi .” »: – Non potrebbe essere più ironico. E quando l’ho incontrato domenica sera tardi mentre evitava la folla di cercatori di selfie, molti dei quali sono qui a causa di quella che benzylheads potrebbe descrivere come una frizzante serie TV, beh, mi sono chiesto se potesse vedere l’ironia. adesso.

“Ricordo di averlo detto, sì”, ha detto. “Non avrei mai pensato di raggiungere questo punto in così poco tempo. Lo sport penetra davvero nella cultura pop.

“Sento che tutti sono qui oggi, o almeno le persone che ho incontrato sono state qui perché amano lo sport. Non è per loro che la loro foto appaia sui social network o in TV. Ci sono molte persone popolari che sono davvero interessate. Avevamo Josh Allen qui, il quarterback di Billy, è ossessionato dallo sport in questo momento. I ragazzi di Watt erano qui. “Sono contento che lo sport sia andato come è andato”.

L’area di Miami, ovviamente, avrebbe potuto fallire, ma gli organizzatori avranno nove lacune per rimediare. Il fatto è che la tanto esaltata bistecca “Shula” era un gioco da ragazzi. Come evento del Super Bowl, il Gran Premio di Miami ha superato il punteggio, senza lasciare dubbi sul fatto che la strategia di espansione della F1 statunitense sia decisamente sulla strada giusta.

Leave a Comment

Your email address will not be published.