Il famoso chef Mario Batali è stato assolto dall’accusa di aver aggredito sessualmente una donna a Boston

BOSTON, 10 maggio (Reuters) – Lo chef Mario Batali è stato assolto martedì per aver aggredito sessualmente una donna in un bar di Boston nel 2017 quando ha posato per un “selfie” con un giudice, mettendo in dubbio la credibilità del giudice nell’ultimo #. Processo dell’era MeToo che coinvolge una celebrità statunitense accusata di aver abusato delle donne.

Durante un processo con giuria, il giudice del tribunale municipale di Boston James Stanton ha assolto il 61enne Batali con l’accusa di aggressione indecente e violenza nel 2019.

Natalie Tenne, 32 anni, ha testimoniato che Batali le strinse seni, glutei e costole e la baciò da ubriaco, facendo un selfie con lei in un bar vicino a Eataly, Boston, vicino al ristorante del mercato italiano dell’epoca.

Iscriviti ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Annunciando il suo verdetto, il giudice ha affermato di aver concluso che Tene aveva “problemi di credibilità significativi”.

Stanton ha detto che mentre Batalle “non era ricoperta di gloria di notte”, le foto stesse hanno sollevato sospetti che ci fosse un attacco, dato il tempo necessario per fotografare Tenen, gli “spazi visibili tra le due persone”.

“Le immagini raccontano migliaia di parole”, ha detto Stanton.

Batali non ha mostrato una reazione visibile quando il verdetto è stato annunciato e ha lasciato l’aula circondato dai giornalisti senza commenti. Se Batali venisse ritenuto colpevole, potrebbe rischiare fino a 2-1/2 anni di carcere ed essere registrato come molestatore sessuale.

“Sebbene siamo delusi dal verdetto del giudice, il mio ufficio non rifiuterà di assistere la vittima in questo caso”, ha dichiarato il procuratore distrettuale Kin Hayden. “Può essere incredibilmente difficile per una vittima scoprire le molestie sessuali”.

Il processo è stato l’unico procedimento penale contro Batali, un tempo protagonista del popolare talk show Food Network և ABC Cooking և “The Chew”, una nota chef donna di molte delle tante accuse dell’era #MeToo.

Tenne ha detto di essersi inizialmente “vergognata” dell’incidente, apparendo solo dopo che Eater.com ha dettagliato le accuse di altre quattro donne nel dicembre 2017, che hanno affermato che Batal le aveva toccate in modo inappropriato per almeno due decenni.

“Voglio essere in grado di controllare ciò che è successo, farmi avanti, dire la mia parola, scoprire la verità lì, affinché tutti siano ritenuti responsabili delle loro azioni”, ha testimoniato Tene.

L’avvocato di Batali, Anthony Fuller, ha smentito le accuse in una dichiarazione rilasciata venerdì in cui affermava “Allegazioni simili e infondate sull’avvocato di Bati sono state avanzate più di una volta.

“Ha mentito per piacere e ha mentito per soldi”, ha detto Fuller al giudice nelle sue osservazioni conclusive.

Stanton ha citato la cattiva condotta “grossolana” di Tennie in un attacco non correlato a causa dei suoi dubbi sulla sua credibilità. Nell’altro caso, nel compilare un questionario per i giurati, invece di scegliere di essere considerato vittima di reato per aver lasciato il servizio di giurati, Tenne, secondo gli avvocati di Batali, ha affermato falsamente di essere “chiaroveggente”.

Dopo che i messaggi di testo degli avvocati di Batali hanno mostrato che Tenne aveva discusso il caso con un amico, conducendo un’indagine esterna in violazione di un’ingiunzione del tribunale, i pubblici ministeri del vicino distretto di Middlesex lo hanno accusato di disprezzo. Tene ha risolto il caso la scorsa settimana.

Poco dopo il rapporto Eater.com, Batali è stato licenziato da The Chew e in seguito ha interrotto i rapporti con i ristoranti, tra cui Babbo և Del Posto, con sede a New York, di cui era parzialmente proprietario. Ha negato le accuse di molestie sessuali, ma si è scusato per il comportamento “profondamente inappropriato”.

Il socio in affari di Batalin ha accettato a luglio di pagare $ 600.000 ad almeno 20 ex dipendenti per affrontare le affermazioni del procuratore generale di New York secondo cui i loro ristoranti di Manhattan sono pieni di molestie sessuali. leggi di più

Lo scoppio del movimento #MeToo nel 2017 ha messo in luce i modelli di molestie sessuali o violenze contro le donne in molti settori della vita americana. Famosi detenuti statunitensi nei processi penali dell’era #MeToo includono il produttore cinematografico Harvey Weinstein, il comico Bill Cosby e il verdetto di Cosby è stato annullato in appello. leggi di più

Iscriviti ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Rapporto di Nate Raymond a Boston; A cura di Will Dunham

I nostri standard. Principi di Thomson Reuters Trust.

Nate Raimondo

Thomson Reuters:

Nate Raymond riferisce sui processi nella magistratura federale. Puoi contattarla all’indirizzo nate.raymond@thomsonscrew.com.

Leave a Comment

Your email address will not be published.