Il boom delle app per la salute mentale è allarmante

Lo stesso boom dell’epidemia dell’appendice sanitaria della salute mentale che ha contribuito ad alleviare la lamentela COVID di due anni fa ora richiede una sfumatura del confine tra privacy, efficacia, cure mediche formali e cura di sé in generale.

Perché è possibile? I servizi di salute mentale online hanno offerto a più persone l’accesso all’aiuto che mai. L’industria si sta evolvendo attraverso gli investimenti.

Si ma. Non tutti i problemi di salute mentale possono essere risolti tramite l’app;: i consumatori sono confusi dalla gamma di opzioni disponibili, incontrando annunci di app, che a volte possono confondere gravi problemi di salute mentale con problemi di benessere incerto.

  • “Dobbiamo diventare più sofisticati, differenziando tra le applicazioni e ciò che stanno cercando di fare”, ha detto ad Axios Rene Quas, vicepresidente della politica sanitaria digitale per la Consumer Technology Association.
  • “C’è una differenza tra qualcuno che ha gravi sintomi depressivi, qualcuno che sta vivendo un periodo stressante nella sua vita”, l’appendice dovrebbe essere chiara sui suoi obiettivi e capacità, ha detto Kwashi.

Cosa dicono? Gli esperti che hanno parlato con Axios affermano che gli integratori per la salute mentale sono divisi in due campi: quelli che collegano i pazienti con i medici և quelli che non lo fanno, invece offrono chatbot, tracce dell’umore ed esercizi di respirazione mirati.

  • “Penso che tutti noi desideriamo ottimi modi per vedere i nostri medici da remoto, ma quando vai online, devi pensare se il trattamento funzionerà”, ha affermato Christina Farr. Axios è stato informato dall’investitore di tecnologia sanitaria Omers Ventures.
  • Ad esempio, Farr ha affermato che la terapia cognitivo comportamentale è particolarmente popolare per i servizi sanitari online, ma non funzionerà per tutti i pazienti.

Problemi di privacy ed efficienza. Le politiche sulla privacy delle app per la salute mentale sono onnipresenti.

  • “I problemi sono più comuni con le applicazioni che non comportano un intervento clinico, quindi non sono soggette alle norme sulla privacy della salute e la mancanza di una legge federale sulla privacy completa peggiora le cose”, ha affermato Kwashi.
  • Uno studio del 2018 pubblicato sulla rivista Internet Interventions ha rilevato che più della metà delle 116 domande intervistate per la depressione aveva una politica sulla privacy. Nel 2021, Consumer Reports ha rilevato che alcune note applicazioni per la salute mentale stavano scambiando dati con Meta և con altre società per pubblicità mirata.
  • Uno studio di gennaio sulle app mobili per la salute mentale non è riuscito a trovare “prove convincenti” che qualsiasi intervento delle app abbia aiutato in modo significativo le persone con ansia, depressione, fumo o alcol, pensieri suicidi o sentimenti di benessere.

C’è una contraddizione appendici che diagnosticano և prescrivono stimolanti per il trattamento dei disturbi da deficit di attenzione. Queste applicazioni hanno guadagnato molta popolarità a causa del rifiuto del periodo epidemico, che consentiva alle aziende di prescrivere sostanze controllate online, ma ora alcune sono accusate di essere “fabbriche Adrelli”.

L’altra parte. La comunicazione con il terapeuta tramite l’app può essere un’ancora di salvezza per le persone, in particolare con i bloccanti COVID-19.

  • Gli studi dimostrano che in alcuni casi la terapia online con un fornitore autorizzato può funzionare altrettanto bene che di persona. “Possiamo effettivamente dire, sia che tu stia usando Zoom o nella vita reale, che i risultati sono abbastanza simili”, ha detto ad Axios Stephanie Collier, insegnante di psichiatria alla Harvard Medical School.
  • Tiffany Musa Una donna di 41 anni di Orange County, in California, ha detto ad Axios di aver iniziato a usare TalkSpace per inviare messaggi al terapeuta quando si stava riprendendo da un infortunio e non poteva andare da nessuna parte da sola.
  • Ha detto che l’uso dell’app ha rimosso lo stigma della ricerca di assistenza sanitaria mentale. “Sono andato d’accordo con il mio terapeuta”, ha detto. “Allora ci è semplicemente venuto a conoscenza. Quando vai in terapia, tutti guardano l’orologio… Durante il giorno, se avessi bisogno di parlarle, potrei semplicemente scriverle. ”

In numeri:Nel 2021 sono stati spesi 4,4 miliardi di dollari in applicazioni di salute mentale in tutto il mondo. Finora nel 2022 sono stati immessi nel settore 1,4 milioni di dollari, secondo i dati forniti ad Axios da Pitchbook. Nel 2021 sono stati firmati 406 accordi di startup per la salute mentale, di cui 126 finora nel 2022.

  • Le migliori aziende includono Cerebral, Lyra, Spring Health, Calm և Sondermind. Ciascuno di questi servizi, ad eccezione dell’app Calm Meditation, collega gli utenti ai medici.

Linea interna. In un mondo ideale in cui tutti hanno le risorse և tempo per la terapia tradizionale, gli integratori per la salute mentale possono essere visti al meglio come un integratore piuttosto che una panacea. Collier di Harvard afferma che le applicazioni senza l’intervento umano sono meglio utilizzate come “strumento aggiuntivo per migliorare le abilità”.

  • “Probabilmente niente batte quella connessione faccia a faccia”, ha affermato Muzun, che ha utilizzato TalkSpace. “Oltre alla mia terapia, avrei un’app, se potessi, che darebbe forma alla mia vita”.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *