Il blocco և l’interruzione della catena di approvvigionamento accelererà la partenza di Apple dalla Cina. L’India è un potenziale beneficiario, affermano gli analisti.

La catena del valore di Apple in Cina, che simboleggia il ruolo globale del Paese come fonte di lavoro, è stata duramente colpita da blocchi nella vicina Shanghai, aumentando il rischio che il gigante tecnologico possa accelerare il suo trasferimento. Dalla Cina, dicono gli analisti.

“È difficile fornire cifre esatte sulle perdite causate dai trasporti e dalle interruzioni della produzione lungo la grande catena del valore di Apple in Cina”, ha detto giovedì il chief financial officer Luca Maestri in una conferenza stampa. ridurrà le entrate della società fino a $ 8 miliardi nel trimestre di giugno.

Maestri ha affermato che questo è stato “significativamente maggiore dell’impatto” del trimestre precedente; ha avvertito di un possibile impatto del calo della domanda dei consumatori in Cina a causa del blocco.

Hai domande sugli argomenti più importanti delle tendenze nel mondo? Ottieni risposte tramite SCMP Knowledge, la nostra nuova piattaforma con contenuti combinati, spiegazioni, domande frequenti, analisi e infografiche presentate dal nostro pluripremiato team.

Gli stretti legami di Apple con la Cina si sono storicamente basati su due fattori principali. Innanzitutto, il paese è un hub ideale per il gigante tecnologico californiano grazie alle sue infrastrutture avanzate, alla forza lavoro qualificata e ai servizi logistici efficienti. Componenti provenienti da Taiwan, Corea del Sud և altrove vengono assemblati in iPhone և iPad negli stabilimenti cinesi per l’acquisto in tutto il mondo.

In secondo luogo, la stessa Cina è il secondo mercato più grande di Apple, grazie alla crescente classe media del paese, che è diventata sempre più ricca nell’ultimo decennio, affermano gli analisti.

Ma questo equilibrio positivo di fattori è ora minacciato.

Il rigoroso embargo della Cina su Shanghai, un importante centro finanziario e manifatturiero nella provincia di Jiangsu, e la versione Omicron altamente contagiosa del Covid-19 dalla fine di marzo hanno messo in dubbio la posizione del Paese come parte integrante della catena di approvvigionamento globale di Apple. .

La situazione è diventata più acuta per la Cina, poiché altri paesi, in particolare Vietnam e India, che stanno tornando alla normalità dopo i fallimenti legati al Covid, hanno chiuso un occhio su una quota più ampia della catena del valore di Apple.

Il CEO di Apple, Tim Cook, ha mantenuto relazioni regolari con Pechino. Foto: EPA-EFE alt = Il CEO di Apple Tim Cook ha mantenuto un rapporto regolare con Pechino. Foto: EPA-EFE>

Secondo calcoli Posta mattutina della Cina meridionale:Più della metà dei 192 fornitori di Apple con attività interne, tra cui Foxconn, Pegatron, Quanta, Wistron և Compal, hanno stabilimenti di produzione a Shanghai, Jiangsu.

Inoltre, due stabilimenti Foxconn a Shenzhen sono stati costretti a chiudere per giorni a marzo a causa di un blocco locale a breve termine, mentre Zhengzhou, il più grande stabilimento di assemblaggio di iPhone, era senza lavoro a causa delle restrizioni dovute al Covid-19 rendevano difficile per i migranti provenienti da altre aree . per raggiungere la fabbrica Foxconn lì.

È stato ancora più difficile per i fornitori o i subappaltatori meno conosciuti nella catena del valore di Apple mantenere un livello di prestazioni normale. La scorsa settimana, Foxconn è stata costretta a chiudere due stabilimenti a Kunshan dopo che è stato scoperto che uno dei suoi lavoratori a porte chiuse era stato infettato da Covid-19.

L’analista di TF Securities Ming-Chi Kuo, che è dietro Apple, afferma che il blocco nella regione del delta del fiume Yangtze porterà a un calo del 30-40% delle spedizioni di Apple in questo trimestre, o che il deficit potrebbe essere ridotto a 15-25. percentuale se intervengono altri fornitori.

Le consegne di Apple MacBook Pro sono state ritardate fino a cinque settimane poiché l’unico collezionista, Quanta, ha dovuto chiudere a causa del blocco di Shanghai, ha affermato Kuo.

Apple ha già iniziato a pensare di ridurre la sua dipendenza dalla Cina, ma i recenti blocchi hanno accelerato il processo, ha affermato Kuo. Il trasferimento di alcuni impianti di produzione dalla Cina “non è più un’offerta, ma un piano d’azione”, ha aggiunto Kuo.

Apple non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento sui suoi piani per la Cina, citando problemi di blocco.

Il blocco del Covid-19 arriva mentre aumenta la pressione geopolitica tra Cina e Stati Uniti per la secessione economica.

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha spinto per la ripresa della produzione statunitense e l’amministrazione Biden ha collaborato con gli alleati regionali per ridurre la sua dipendenza dalla Cina.

Due delle quattro università di Foxconn nel nord di Kunshan sono state gravemente bloccate il 20 aprile dopo che un fornitore Apple ha segnalato casi confermati di Covid. Foto: SCMP / Ann Cao alt = Due delle quattro università di Foxconn a Kunshan, a nord della città, sono state gravemente bloccate il 20 aprile dopo che un fornitore Apple ha segnalato casi di Covid. Foto di SCMP / Ann Cao>

Apple, sotto il CEO Tim Cook, ha mantenuto relazioni regolari con Pechino, nonostante alcuni boicottaggi da parte dei consumatori di prodotti Apple in Cina. Cook dirige il comitato consultivo della Qinghua University School of Economics, che gli consente di raggiungere i leader nazionali cinesi.

Mezzi tecnici Informazione: Alla fine dell’anno scorso, è stato riferito che Cook aveva firmato un accordo con funzionari cinesi del valore stimato di 275 miliardi di dollari per aiutare la Cina a sviluppare la sua capacità tecnologica per prevenire l’azione del governo che avrebbe interrotto i dispositivi e i servizi Apple nel paese.

Parlando in una conferenza stampa giovedì, Cook ha affermato che è probabile che Apple sposterà più capacità di produzione negli Stati Uniti, tenendo conto delle sfide attuali. “La nostra catena di approvvigionamento è davvero globale. Facciamo molto negli Stati Uniti. Probabilmente faremo di più qui perché qui vengono prodotti più chip”, ha affermato, senza approfondire.

Altre versioni di Apple potrebbero includere l’India, dove terra e manodopera sono molto più economici che negli Stati Uniti. Poiché le strade e i porti in Cina diventano congestionati a causa dei blocchi, la produzione di iPhone in India è cresciuta del 50% su base annua nel primo trimestre del 2022. Ciò è stato facilitato dalla decisione di assemblare l’iPhone 13 nello stabilimento Foxconn vicino a Chennai. secondo i media indiani.

E la Cina rimane estremamente importante per Apple come mercato di consumo.

“La crescita della Cina rimane il motore del carburante [for Apple]”, scrive l’analista John Catsinris di Dan Ives al recente rapporto di ricerca di New York Wedbush. Ma gli analisti affermano che i problemi della catena di approvvigionamento hanno già ridotto le vendite di circa 15 milioni di iPhone negli ultimi trimestri.

Allo stesso tempo, ci sono pochi segnali che la Cina abbandonerà la sua politica di “zero dinamico” nei confronti del Covid-19. Regole di quarantena rigorose si applicano alle imprese industriali che possono riprendere la produzione, il che può comportare costi aggiuntivi, riduzione dell’efficienza e nuove incertezze.

“È il caso migliore [for full resumption] “È giugno”, ha detto Kuo.

Questo articolo è apparso originariamente sul South China Morning Post (SCMP), la voce più autorevole sulla Cina և Asia da oltre un secolo. Per altre storie SCMP, controlla l’app SCMP o visita SCMP Facebook Facebook և Twitter: pagine. Copyright © 2022 South China Morning Post Publishers Ltd. Tutti i diritti riservati.

Copyright (c) 2022. South China Morning Post Publishers Ltd. Tutti i diritti riservati.

Leave a Comment

Your email address will not be published.