I mercati petroliferi si stanno preparando a ulteriori interruzioni dell’offerta

I mercati petroliferi hanno deviato ancora una volta da possibili interruzioni dell’offerta. I continui sforzi dell’UE per vietare le importazioni di petrolio dalla Russia. Gli sforzi del nuovo Senato degli Stati Uniti per approvare il disegno di legge NOPEC porteranno entrambi a interruzioni dell’approvvigionamento.

Allarme energia mondiale. Sai perché il 9 maggio è una scadenza così importante per la guerra russa in Ucraina? Credi che i mercati energetici continueranno a dominare nel prossimo mese? Sapete come il governo britannico sta cercando di influenzare le elezioni libiche? Le risposte a tutte queste և altre domande sono date oggi Allarme energia mondialequindi assicurati di non perderlo.

Produzione di olio

Futuri:

Olio crudo

Impianto di trasformazione

Il petrolio:

Totale:

Azioni:

Venerdì 6 maggio 2022

È trascorsa un’altra settimana da quando l’Unione europea non è riuscita a raggiungere un accordo su un embargo globale sul petrolio russo, il che ha ostacolato le controversie interne sulla tempistica del ritiro. Se il disegno di legge verrà approvato, potremmo avere un unico taglio dell’offerta, poiché l’OPEC + ha chiarito che sta prendendo una reazione contro misure drastiche. Se gli Stati Uniti presenteranno il loro disegno di legge NOPEC, la domanda globale per la volontà del gruppo petrolifero di soddisfare potrebbe diminuire ulteriormente.

OPEC + timbri in gomma 43 432.000 barili / giorno affare. In soli 13 minuti, i paesi OPEC+ hanno concordato di aumentare il loro obiettivo di produzione di giugno 2022 a 432.000 barili al giorno, evitando qualsiasi discorso di sanzioni contro la Russia, dimostrando che il quadro globale domanda/offerta è più o meno equilibrato.

L’embargo petrolifero russo dipende dal respingimento della CEE. Sebbene la Germania abbia iniziato a imporre un embargo sul petrolio russo, l’Unione Europea non è ancora riuscita a concordare una fine graduale delle importazioni di materie prime russe, poiché molti paesi dipendenti, come l’Ungheria o la Slovacchia, continuano a chiedere eccezioni.

La Commissione del Senato degli Stati Uniti ha adottato il disegno di legge NOPEC. La commissione del Senato degli Stati Uniti ha approvato il disegno di legge NOPEC, che è stato introdotto con il sostegno bipartisan, che potenzialmente abroga l’immunità sovrana dei paesi OPEC dalla difesa dei NOC del Medio Oriente per cause legali, poiché i prezzi elevati della benzina costringono gli Stati Uniti ad aumentare l’inflazione.

Vale conclude l’accordo sulla fornitura di nichel di Tesla. Brasile: Weil (NYSE: VALE)Il più grande produttore mondiale di nichel minerale di ferro ha firmato un contratto a lungo termine con una casa automobilistica per la produzione di elettricità. Tesla (NASDAQ:TSLA) rifornirlo di nichel proveniente dal Canada.

L’India sostiene la crescita degli acquisti russi. Il governo indiano ha sostenuto i suoi continui acquisti di petrolio russo, acquistando più greggio nell’aprile 2022 rispetto al 2021, affermando che fa parte di una strategia più ampia per diversificare lontano dal Medio Oriente e mantenere bassi i prezzi del carburante. L’OPEC+ ha deciso di aumentare la produzione di 432.000 barili al giorno a giugno

Le esportazioni di petrolio greggio venezuelano sono in calo a causa di problemi di qualità. Secondo i media, le esportazioni di petrolio greggio dalla compagnia petrolifera nazionale venezuelana PDVSA sono diminuite dell’8% su base mensile ad aprile, raggiungendo circa 650.000 barili al giorno, poiché le materie prime di scarsa qualità e la limitata capacità di modernizzazione limitano l’ulteriore crescita.

La Cina raddoppia la sua flotta di serbatoi di GNL. Secondo quanto riferito, CNOOC (SHA: 600938) controllata dalla Cina ha firmato un contratto da 2,5 miliardi di dollari per la costruzione di 12 serbatoi di gas naturale liquefatto presso il cantiere navale di Hudong Zhonghua nel tentativo di conquistare una quota maggiore del mercato cargo asiatico del GNL.

I prezzi dell’energia scandinavi stanno salendo ai massimi storici. I prezzi dell’elettricità in Scandinavia per il primo anno in Europa questa settimana sono saliti al massimo storico di 92 euro per MWh a causa della bassa energia idroelettrica nel sud della Norvegia, dove i serbatoi totali del paese sono pieni solo per il 22%.

I produttori di turbine eoliche non vedono l’ora di dimenticare il primo trimestre. I produttori di turbine eoliche lo adorano Vestas (CPH: VWS), GE Renewable Energy (NYSE: GE) և: Siemens Gamesa (BME: SGRE) Tutte le perdite registrate nei primi tre mesi del 2022 sono dovute all’aumento dei costi delle materie prime e all’aumento della concorrenza.

Petrobras vede una nuova Guyana al confine settentrionale. Compagnia petrolifera statale brasiliana Petrobras (NYSE: PBR) Spera di ripristinare il successo dell’esplorazione petrolifera della Guyana lungo la costa del Mare del Nord decidendo di investire 2,5 miliardi di dollari per perforare l’equatore.

I paesi dell’UE iniziano a rifornire le riserve di gas. Le riserve di gas nell’Unione Europea և nel Regno Unito sono cresciute costantemente nelle ultime settimane, con riserve totali che hanno raggiunto i 380 TWh il 1 maggio poiché i prezzi del gas eccezionalmente alti scoraggiano i produttori di elettricità.

LME vieta il piombo russo dal mercato. Il London Metal Exchange ha annunciato questa settimana che avrebbe sospeso il commercio di piombo di fabbricazione russa e gli avrebbe consentito di accumulare scorte, sollevando timori che una decisione simile possa essere presa sul nichel, dove il suo impatto sarebbe di gran lunga maggiore dell’aumento del 2%. guidare

La Germania regola 2 FSRU per resistere al rischio delle forniture russe. Società di servizi pubblici tedesca Uniper (ETR: UN01) La compagnia di navigazione greca Dynagas affitterà due grandi FSRU, ciascuna con una capacità annua di esportazione di gas di 7,5 miliardi di metri cubi, per far fronte a una possibile chiusura delle forniture di gas russe.

L’India spinge per la massima fornitura di carbone. L’India prevede di riaprire più di 100 miniere di carbone che in precedenza erano considerate finanziariamente instabili poiché il calore continua a interrompere la produzione di elettricità in tutto il paese, tagliando potenzialmente i picchi di consumo entro la fine degli anni ’20.

Di Josh Owens per Oilprice.com

Letture migliori da Oilprice.com.

Leave a Comment

Your email address will not be published.