I democratici vogliono utilizzare il diritto all’aborto per le elezioni suppletive

WASHINGTON – Una bozza di sentenza della Corte Suprema che rovescerebbe Ron v. Wade ha scosso la lotta per il controllo della legislatura statale, dove è probabile che abbia luogo il prossimo round di diritti all’aborto.

Se la bozza di parere non cambia in modo significativo, և Roe verrà effettivamente cancellato, circa la metà degli stati americani probabilmente vieterà o limiterà drasticamente l’aborto, secondo l’analisi del New York Times. Ma quello che altrimenti potrebbe sembrare un anno difficile per i Democratici, gli strateghi del partito vedono l’imminente ritorno dei diritti riproduttivi come un’opportunità per rafforzare i principali blocchi elettorali, limitare gli interessi repubblicani e forse anche ottenere seggi in alcuni stati.

“Non sappiamo esattamente come sarà l’ambiente politico”, ha affermato Jessica Post, presidente del Comitato per la campagna legislativa democratica, che assiste i candidati democratici nella legislatura statale. “Ma l’aborto può cambiare le regole del gioco”.

Le gare legislative statali non riguardano casi affascinanti e ricchi di dollari. Tuttavia, il gruppo democratico ha organizzato la sua più grande raccolta fondi dell’anno, il giudice Samuel A. Alito Jr. ha raccolto più di $ 650.000 in և 48 ore dopo la pubblicazione del progetto di parere.

La signora Post ha affermato che l’aumento riflette il crescente riconoscimento dei donatori e degli elettori democratici che “il governo federale non viene in nostro soccorso”.

In un nuovo sito web di accompagnamento condiviso con il New York Times, la commissione ha presentato la sua strategia per le elezioni di medio termine del 2022. Il memorandum menziona come nella tornata elettorale del 2010 “i Democratici si siano alzati in piedi a livello di votazioni legislative statali, le nostre camere sono state duramente colpite”.

Quest’anno il memorandum dice: Il gruppo ha già raccolto $ 30 milioni e prevede di raccogliere $ 50-60 milioni il giorno delle elezioni.

I Democratici intendono concentrare i loro sforzi su due aree principali. Supportano la maggior parte di loro in Colorado, Maine, Ngada, New Mexico e Minnesota, dove controllano gli edifici governativi. E sperano di ribaltare la legislatura in Michigan, New Hampshire e Minnesota, dove i repubblicani hanno un Senato di minoranza.

I democratici vedono anche una possibilità leggermente inferiore di minare il “vantaggio strutturale” dei repubblicani in Arizona, Pennsylvania e Georgia House. Il processo di ridistribuzione in Arizona, guidato da una commissione apartitica, ha creato nuove mappe che danno ancora un vantaggio ai repubblicani, nonostante i cambiamenti demografici nello stato a favore dei democratici. E la maggior parte dei repubblicani in Pennsylvania è abbastanza grande che sarà difficile per i democratici aggirarli in un ambiente nazionale ancora più favorevole.

“Sappiamo che questo è un gioco lungo”, ha detto la signora Post. “Il nostro obiettivo è rimuovere gradualmente il governo repubblicano dagli stati”.

Il tono cauto del memorandum riflette l’inchino difensivo in cui si trovano i Democratici di fronte all’aumento dell’inflazione e al basso rating del presidente Biden. Uno dei più grandi timori del partito è che molti degli elettori che hanno votato per Biden nel 2020, delusi dal suo mandato, rimarranno a casa nel 2022.

“Anche il DLCC ora sta riconoscendo che Joe Biden sta tirando fuori i Democratici di stato, che sono in grossi guai prima di novembre. “Si scopre che in stati come l’Arizona e la Pennsylvania, imitare l’agenda radicale del presidente è una strategia perdente, quindi il DLCC sta chiaramente rifiutando la bandiera bianca su quei campi di battaglia, sebbene abbia promesso di ribaltare la situazione all’inizio del ciclo”, ha affermato Andrea Romeo Direttore delle Comunicazioni. Per il Comitato Direttivo dello Stato Repubblicano.

Il progetto di fuga del giudice Alito “potrebbe essere un punto di svolta nel ciclo di medio termine, in cui i democratici affrontano un ambiente politico storicamente complesso; la sconfitta è una grande gara”, ha scritto il sondaggio democratico Molly Murphy in una nota rilasciata dalla sua controparte democratica. .

Il memorandum esorta i democratici a dire agli elettori che i repubblicani stanno cercando di togliere i diritti esistenti mettendo in guardia contro l'”eccesso” cercando di cambiare lo status quo della legge sull’aborto.

“La sentenza della Corte Suprema significa che ora ogni stato consentirà la criminalizzazione dell’aborto, vietandolo anche in caso di stupro, incesto e vita della madre”, ha scritto Murphy.

Altre indicazioni del potenziale impatto dell’aborto sulla corsa legislativa statale sono più aneddotiche. Amanda Littman, co-fondatrice di Run for Something, che sta reclutando giovani progressisti per candidarsi alla carica, afferma che il suo gruppo ha visto un “aumento significativo del reclutamento di candidati” dopo la fuga di notizie del progetto giusto Alito.

“Mi aspetto che questo sia solo l’inizio”, ha aggiunto la signora Litman.

Gabi Goldstein, co-fondatrice del Sister District, un gruppo progressista che sostiene i Democratici nella corsa legislativa statale, ha previsto che il “vetriolo” della bozza di parere – a largo raggio – potrebbe coinvolgere anche altre comunità, come gli elettori LGBTQ, adottando il caso. diritti riproduttivi come propri.

I democratici stanno prendendo di mira le gare legislative statali negli stati in cui c’è una grande corsa al governatore, sperando di riportare l’affluenza alle urne: l’energia.

La loro migliore possibilità di ottenere un ritiro potrebbe essere nel Michigan, dove il governatore Gretchen Whitmer sta combattendo un campo repubblicano. Mercoledì, la Democratic Ruling Association ha dichiarato che stava investendo 23 milioni di dollari per promuovere l’offerta di rielezione della signora Whitmer.

La signora Whitmer è stata coinvolta nella lotta contro il diritto all’aborto, anche facendo causa alla Corte Suprema dello stato per chiarire “se la Costituzione dello Stato del Michigan protegge il diritto all’aborto”. La legge del 1931 che vieta l’aborto entrerà in vigore se Rowe verrà abrogata e la maggioranza repubblicana alla State House e al Senato non ha intenzione di porvi fine.

I potenziali oppositori repubblicani della signora Whitmer, in una certa misura, sostengono il divieto di aborto. Uno dei candidati, il chiropratico Gareth Soldano, ha fatto notizia a livello nazionale chiedendo alle vittime di stupro di porre fine alle loro gravidanze.

“Dio li ha messi in questo momento”, ha detto in un’intervista al podcast Face the Facts With April Moss. Lui continuò. “E non sanno che il bambino piccolo dentro di loro può essere il prossimo presidente, può essere la prossima persona a cambiare l’umanità”.

I gruppi nazionali liberali, tra cui Planned Parenthood e l’American Civil Liberties Union, stanno spingendo per un voto per legalizzare l’aborto nel Michigan.

Le nuove mappe, preparate da un comitato di ridistribuzione apartitico, hanno reso il Senato del Michigan un obiettivo particolarmente allettante per i democratici. I repubblicani hanno controllato il corpo dall’inizio degli anni ’80, in parte a causa di un attacco aggressivo. Attualmente hanno una maggioranza parlamentare di sei membri.

Il senatore dello stato Jim Ananich, un democratico, ha affermato che la camera era “troppo matura per essere riunita”, indicando nuove mappe e cambiando l’urna elettorale tra le donne con istruzione universitaria nei sobborghi. Ha detto che la posizione intransigente dei repubblicani sull’aborto consentirebbe ai democratici di presentarlo come in linea con la maggioranza degli elettori del Michigan.

“La società non è alla ricerca di un’agenda radicale”, ha affermato Ananich. “Vogliono solo che ci concentriamo su di loro”.

I repubblicani compaiono tra gli imperativi della lotta. il loro vigore di base nelle crociate culturali, come il divieto dell’aborto, contro le preoccupazioni degli elettori ordinari sul pagamento della benzina e del cibo. L’ambiente è così favorevole, uno dei consiglieri repubblicani ha detto scherzosamente solo a metà che avrebbe consigliato ai candidati di “fare una lunga vacanza e tornare a novembre”.

Il predittore elettorale Chaz Nuttycombe stima che i repubblicani riceveranno più di 100 seggi statali a novembre. Ha detto che vincere una nuova Camera sarebbe un “boom” per i Democratici quest’anno.

Michael Behm, un lobbista nella legislatura statale, è d’accordo. “Ci sono dei seri avversari di fronte a loro”, ha detto. “Hanno causato molte cose che sono fuori dal loro controllo”.

Il signor Behm ha riconosciuto di non essere ancora sicuro di quale partito politico avrebbe aiutato ad abortire, ma ha affermato che la fine di Roy potrebbe sicuramente “smuovere le cose”.

Leave a Comment

Your email address will not be published.