I Crawford, una famiglia di utenti di YouTube, devono affrontare una reazione negativa dopo aver corso una maratona con il loro bambino di 6 anni

Le immagini di un bambino di sei anni che termina una maratona di Cincinnati hanno suscitato indignazione contro la società sponsor della gara dopo essere state pubblicate sui social media dei genitori.

Wind և Ben Crawford, che guida gli utenti di Instagram և YouTube per documentare le attività all’aperto della propria famiglia, domenica ha pubblicato le foto della loro famiglia che correva insieme la maratona Flying Pig. I post hanno rapidamente suscitato centinaia di commenti che hanno sollevato preoccupazioni sulla salute e la sicurezza del bambino.

“Un bambino di sei anni non capisce cosa si prova ad abbracciare la miseria”, ha detto Kara Gucher, due volte fondista olimpica. nei tweet. Il bambino di sei anni che “fatica fisicamente” non si rende conto di avere il diritto di fermarsi.

I Crawford non hanno risposto immediatamente alle e-mail.

I Crawford, genitori di sei bambini di età compresa tra i 6 e i 20 anni, pubblicano regolarmente video sui loro oltre 12.000 follower su Instagram e quasi 50.000 abbonati YouTube mentre condividono le loro vite con i loro figli in ambiziose campagne di corsa, tra cui le escursioni sugli Appalachi. sentiero

I canali di social media incentrati sulla famiglia sono popolari da più di un decennio, causando spesso critiche e preoccupazione dei genitori per i bambini. Alcuni video di famiglia mostrano bambini piccoli in situazioni emotivamente angoscianti, a volte incoraggiando le autorità ad agire.

Un portavoce di YouTube ha affermato che i precedenti video di Crawford di una maratona di Cincinnati di sei anni non violano nessuna delle sue regole.

I record della maratona di Crawford Per la prima volta hanno iniziato ad attirare l’attenzione nei giorni successivi alla maratona, in particolare per un post su Instagram in cui si diceva che il figlio “stava fisicamente lottando, voleva prendersi una pausa, sedersi ogni tre minuti”. I Crawford scrissero di aver promesso a Pringles se il loro figlio avrebbe “continuato a muoversi” entro sette ore. Secondo i post di Crawford su Instagram, la famiglia ha impiegato 8 ore e 35 minuti per finire la gara con il figlio più piccolo. Hanno menzionato nei loro commenti su Instagram che intendono pubblicare il filmato della gara sul loro canale YouTube.

I Crawford da allora hanno difeso la loro decisione di correre con il loro bambino, scrivendo in un post su Instagram mercoledì che gli avevano permesso di correre l’intera maratona “unindosi a noi dopo aver supplicato”.

“Gli abbiamo chiesto molte volte se voleva smettere, era molto chiaro che la sua preferenza era continuare”, si legge nel post. “Non abbiamo visto alcun segno di esaurimento da calore o disidratazione, abbiamo rispettato la sua richiesta di continuare”.

Sebbene l’attività fisica sia incoraggiata a tutte le età, il Clinical Journal of Sport Medicine del 2003 afferma che i bambini non dovrebbero correre per lunghe distanze perché non sono completamente sviluppati fisicamente. Uno studio pubblicato nella National Library of Medicine nel 2010 mostra che i bambini che corrono per lunghe distanze hanno maggiori probabilità di essere feriti.

L’organizzazione Pig Works dopo la maratona ha rilasciato una dichiarazione definendo l’eccezione per i Crawford “la migliore linea d’azione”.

La presidente di Pig Works Iris Simpson Bush ha scritto in una e-mail di aver deciso di consentire la partecipazione dell’intera famiglia Crawford, ad eccezione di un bambino di 6 anni. L’evento è progettato per i diciottenni e in futuro, ha detto Bush, il limite di età sarà rigorosamente applicato.

“Questa decisione non è stata facile perché il padre ha deciso di correre con il suo bambino, qualunque cosa accada”, ha scritto Bush. “L’hanno fatto come banditi negli anni precedenti, per quanto ne sapevamo, sapevamo che probabilmente l’avrebbe fatto di nuovo”.

Il termine “banditi” è usato per descrivere le persone che si uniscono alle tribù ufficiali senza registrarsi. In un post su Facebook domenica, Ben Crawford ha scritto che la maggior parte dei suoi figli ha corso la maratona con l’aiuto degli organizzatori di gare, in particolare Bush. Un anno Crawford scrisse che sua figlia, che all’epoca aveva 6 anni, aveva visto un medico prima della gara. Crawford ha scritto nello stesso post di Facebook di quest’anno che Bush “ti ha detto di non preoccuparti di una visita dal dottore perché sembriamo” pronti “.

Un portavoce di Pig Works ha detto che i post su Facebook di Crawford su Bush erano “imprecisi”.

La risposta non è la prima volta che i video di Crawford vengono studiati. In uno dei video del 2018, quando i Crawford erano sull’Appalachian Trail, Ben J Kami ha detto che gli agenti di protezione dei bambini li stavano aspettando mentre uscivano dal sentiero durante una bufera di neve. Dopo aver parlato con i bambini, il CPS non ha intrapreso alcuna azione contro la famiglia Crawford.

“In qualche modo questo è il nostro peggior incubo, l’intervento del governo per prendere i tuoi figli e perdere il controllo”, ha detto Ben nel video.

Goucher ha detto a NBC News di essere fedele al suo tweet, ma ha contraddetto la risposta ricevuta dai Crawford perché pensava che fossero genitori amorevoli.

“Non ho intenzione di cambiare idea”, ha detto Gucher riguardo ai bambini piccoli non idonei a correre maratone. Ha detto che sostiene le famiglie che corrono insieme, ma vorrebbe che corressero per un miglio anziché per 26,2 miglia. In ulteriori tweet, Gucher ha scritto: “Non metto in dubbio la motivazione o dico che è una cattiva educazione. “Ma come atleta olimpico, ti prometto che questo non va bene per un bambino”.

Leave a Comment

Your email address will not be published.