I commissari della conferenza perdono tempo con il Congresso

Incapace di scrivere le proprie regole, indagare sui propri scandali o persino controllare i suoi istigatori (per non parlare dei suoi allenatori), l’atletica leggera del college si è rivolta a Washington per sfuggire alla sua inerzia, inattività e inefficienza.

Sì, chiedono aiuto al Congresso. un passo disperato per un modello di business disperato.

All’inizio di questa settimana, i commissari della SEC և Pac-12 hanno fatto pressioni sui politici per una legislazione federale in modo che non fossero più bloccati con il caleidoscopio di leggi sul nome, sull’immagine e sulla somiglianza degli stati sulla questione. C’è un’ulteriore preoccupazione che la California stia cercando di rendere gli atleti del college dipendenti delle sue università, a cui l’istituzione si oppone fermamente.

Sullo sfondo ci sono gli allenatori di football che “piangono su come la NIL (prevedibilmente) si sia trasformata in un programma pay-per-view quando i donatori scolastici espellono le reclute delle scuole superiori o tradiscono i giocatori di altre squadre.

Come tale, tutti chiedono di essere chiamati “regolamenti” o “tutori” o altro.

Beh, non tutti. I giocatori և le loro famiglie sembrano abbastanza contenti della loro libertà di commercio appena acquisita. Anche gli stimolanti non si lamentano. Sono disposti a pagare il talento per vincere le partite.

Jordan Addison è sul portale di trasferimento dopo la stagione stellare a Pittsburgh. (Charles LeClaire-USA TODAY Sports)

In passato, la maggior parte delle loro donazioni andavano all’acquisto di cattivi contratti di allenatore o alla costruzione di campi da minigolf per i giocatori. Forse aiutare una famiglia della classe operaia si sente meglio.

In quanto tale, chissà quanta risposta riceverà a Washington. È un argomento difficile chiedere ai legislatori di entrare in una “controversia” basata principalmente su persone anziane e più ricche che danno soldi a persone generalmente più giovani e più povere.

Non è che il football universitario non giocherà più! Lo sarà, come sempre. È solo che alcuni giocatori gareggeranno in squadre che non avrebbero se non fossero pagati. A loro volta, alcune squadre diverse possono vincere un po’ di più (o perdere un po’).

Ancora una volta, svegliaci quando un genitore chiede “tutori”.

Caro senatore, per favore smettila di arricchire la nostra famiglia con i promotori di questo collegio..

“Non so se qualcuno pensava che saremmo arrivati ​​al punto in cui gli anziani delle scuole superiori avevano contratti multimilionari”, ha detto a SiriusXM l’allenatore della LSU Brian Kelly questa settimana. “Guardiamo i ragazzi che entrano nel portale di trasferimento perché vogliono essere pagati per giocare…”

In realtà, non tutto è sorprendente. Negli sport professionistici, i giocatori stellari guadagnano quasi sempre più di un allenatore, spesso in modo più geometrico. Aaron Rodgers dovrà guadagnare circa 50 milioni di dollari la prossima stagione. Allora perché non creare un ricco mercato per i talenti universitari?

Kelly è entrata nel suo portale di trasferimento a dicembre, ovviamente perdendo Notre Dame prima che abbandonasse i playoff per pagare di più l’allenatore della LSU. Il denaro non era la sua unica motivazione. Voleva una nuova sfida, un cambio di scenario, una scuola che pensava avesse maggiori possibilità di vincere il campionato. Ipocrisia? Kelly sembrava più preoccupata per le reclute, che avrebbero fatto più soldi delle stelle di ritorno.

“Non va bene per il tuo guardaroba”, ha detto.

Sembra essere un problema di coaching o un problema di promozione della LSU che non è una causa per la legge federale.

Non è che Kelly, o Nick Saban, o Kirby Smart, o chiunque altro, faccia la stessa cosa del loro assistente amministrativo o coordinatore della difesa, o, diavolo, del presidente della scuola o del governatore dello stato, o…

Il punto di svolta nella maggior parte di questo è stata la decisione del wide receiver di Pittsburgh, Jordan Addison, di entrare nel portale di trasferimento lo scorso fine settimana, presumibilmente dopo essere stato tentato da qualcuno dentro o intorno alla USC.

Addison è una star, può davvero affrontare i Trojan, tentare il pagamento garantito, apparentemente per pubblicità. Questa è una delusione per i fan di Pete, ma questa è la vita.

La scorsa stagione, i due allenatori più vicini ad Addison, il coordinatore dell’attacco e l’assistente del wide receiver di Pete, hanno lasciato il programma in questa stagione per un lavoro più remunerativo rispettivamente nel Nebraska, in Texas. Nessuno ha fatto un gran rumore. E Pete ha anche lavorato su un nuovo portale di quarterback (da USC) և wide receiver (da Akron), tra gli altri.

Allora perché Addison non può fare lo stesso? La NCAA potrebbe և dovrebbe far rispettare il più possibile le sue regole di violazione, ma saranno sempre abbastanza facili da regolamentare.

Ed è così brutto se danno opzioni al ragazzo. Forse Addison vuole vivere a Los Angeles, prepararsi per il draft NFL interpretando un allenatore felice (Lincoln Riley) e un difensore di talento (Caleb Williams).

Il trasferimento di Addison è un micro problema. È una pausa dura per Pete. A livello macro, giocherà ancora a football universitario.

Gli sport universitari hanno avuto decenni di cambiamenti graduali o compromessi con gli atleti. Invece, si è trascinato, prendendo una posizione dura o perdendo il sostegno pubblico, la simpatia politica, perdendo una causa, fino a un punteggio di 9-0 alla Corte Suprema.

“Da nessuna parte in America le aziende possono essere esentate dall’accettare di non pagare ai propri dipendenti un tasso di mercato equo, sulla base della teoria che i loro prodotti sono determinati dal non pagare ai propri dipendenti un tasso di mercato equo”, ha scritto il giudice Bret Cavanaugh. “… RMC non è al di sopra della legge.”

Quindi forse stanno cercando di riscrivere la legge qui per governare al meglio la sua nuova realtà ordinata dal tribunale.

Non sarà facile. Non solo è difficile ma anche impossibile rimettere il dentifricio nel tubo. La federazione può fornire uno standard, ma come si limita il commercio tra due organizzazioni (giocatore, promotore) che non sono nemmeno tuoi dipendenti?

Per questo la Cassazione è stata unanime. Ecco perché i legislatori statali hanno elaborato una legislazione simile in luoghi come la California e il Mississippi. Ecco perché i senatori Corey Booker e Marsha Blackburn lavorano regolarmente insieme su questioni NCAA.

Nonostante tutta l’isteria all’interno dell’atletica leggera del college, le grida di pollo, non è successo niente di veramente brutto. I giocatori sono contenti. I genitori sono felici. Anche gli stimolanti sono felici.

Gli allenatori scomodi fanno otto cifre all’anno.

Bene, qualunque cosa accada, la stagione arriverà. I loro stipendi saranno gli stessi.

Leave a Comment

Your email address will not be published.