Hamas rivendica la sparatoria mortale del terrorista Ariel, promette che “non sarà l’ultima”

Con una mossa rara, l’ala militare di Hamas ha rivendicato lunedì la responsabilità di un attacco terroristico che ha ucciso una guardia di sicurezza israeliana all’ingresso dell’insediamento di Ariel.

“Allora è semplicemente venuto alla nostra attenzione [Mosque] “Aggressione contro di essa”, si legge in una dichiarazione delle Brigate Izad al-Din al-Qassam.

Sedici israeliani sono stati uccisi in un’ondata mortale di attacchi terroristici da metà marzo. I funzionari di Hamas hanno incoraggiato ed elogiato lo spargimento di sangue, ma questa è la prima volta che un gruppo terroristico si prende il merito.

“Un attacco eroico e di alta qualità” non sarà l’ultimo con l’aiuto di Dio “, hanno affermato le Brigate Qassam.

L’ala militare di Hamas ha fatto raramente dichiarazioni negli ultimi anni, rivendicando la responsabilità degli attacchi. Anche quando i membri di Hamas hanno ammesso di aver compiuto attentati, come quando un insegnante della Scuola di Gerusalemme Est ha ucciso un israeliano nella Città Vecchia lo scorso gennaio, il gruppo terroristico ha elogiato piuttosto che rivendicato la responsabilità delle uccisioni.

Il video diffuso dopo l’attacco suggeriva che le Brigate dei Martiri di al-Aqsa, un gruppo di gruppi armati legati al principale oppositore palestinese di Hamas, Fatah, avesse rivendicato l’omicidio. Questa affermazione non può essere completamente confermata, tuttavia, poiché le Brigate dei martiri di Al-Aqsa non hanno canali ufficiali.

Due palestinesi, il 21enne Youssef Assin e la 20enne Yahya Murray, sono stati arrestati dalle forze israeliane in connessione con un attacco di sabato nella città di Karawat Bani Hassan, nel nord della Cisgiordania. I media ufficiali di Hamas hanno riferito lunedì sera che i due erano membri della Brigata Qassam.

Samay Assin ահ Yahya Murray, arrestato nella città palestinese di Salfit il 30 aprile 2022, per un attacco terroristico vicino all’ingresso dell’insediamento di Ariel il 29 aprile, durante il quale è stata uccisa la guardia di sicurezza Vyacheslav Gol. (Schermata TV israeliana: utilizzata ai sensi dell’articolo 27a del Copyright Act)

«[The Qassam Brigades] “È orgoglioso dei suoi combattenti, occupati dai benedetti figli di Qassam in Cisgiordania, che usano ancora la ‘Spada di Gerusalemme'”, ha detto il gruppo terroristico, usando il nome di Hamas per la sua guerra di maggio con Israele.

La vittima dell’attacco di venerdì, la guardia di sicurezza israeliana di 23 anni Vyacheslav Gol, è stata sepolta domenica a Beit Shemesh, nel centro di Israele. Gol è morto mentre difendeva la sua fidanzata Victoria Fliegelman, che era di guardia con lui quella notte.

Una foto indefinita di Vyacheslav Gol և e della sua fidanzata Victoria Fliegelman, uccisi in una sparatoria vicino ad Ariel il 29 aprile. (cortesia)

“Ha sempre difeso tutti, indipendentemente dalle sue sorelle e dai suoi amici, da tutti quelli che conosceva, se succedeva qualcosa era sempre il primo a difenderli”, ha detto a Channel 12 l’amico d’infanzia di Gol, Daniel Zilbergstein.

La tensione tra Israele ei palestinesi è alta da settimane. Un’ondata mortale di terrorismo contro i civili israeliani ha spinto le forze di sicurezza israeliane a intensificare le operazioni in Cisgiordania per reprimere la violenza all’inizio di aprile.

Diversi palestinesi sono stati uccisi negli scontri. Molti di loro erano combattenti o erano stati dichiarati membri da gruppi terroristici. Ma altri, come una donna non vedente uccisa ad aprile vicino a Betlemme, sembrano essere civili disarmati.

Allo stesso tempo, i ribelli palestinesi si sono scontrati con la polizia israeliana nel luogo sacro del Monte del Tempio a Gerusalemme, dove si trova la Moschea di Al-Aqsa. I palestinesi hanno lanciato pietre contro gli ufficiali, che hanno risposto con proiettili di gomma, granate sonore e gas lacrimogeni, ferendo centinaia di persone.

Scene di violenza sul luogo dell’incendio, il terzo luogo sacro dell’ebraismo, l’ebraismo, hanno acceso i timori di una ripresa delle ostilità tra Israele ei palestinesi. Nonostante il lancio di razzi da Gaza a metà aprile, la situazione non è peggiorata immediatamente.

Sabato pomeriggio, il leader di Hamas Gaza Yahya Sinwar ha pronunciato un discorso minaccioso a Israele, invitando i palestinesi in Cisgiordania a compiere attacchi terroristici.

Yahya Sinwar, governatore di Hamas a Gaza, si rivolge a Gaza City il 30 aprile 2022. (Mahmoud Hamas/AFP)

“La nostra gente della Cisgiordania, i giovani della Cisgiordania, non aspettano la decisione di qualcuno. “Le azioni individuali si sono rivelate estremamente efficaci”, ha detto Sinvar in un messaggio di un’ora.

Ha affermato che qualsiasi ulteriore “violazione” israeliana della moschea di Al-Aqsa porterebbe ad attacchi alle sinagoghe ebraiche in tutto il mondo.

“Chiunque decida di consentire che questa foto si ripeta è una violazione di Al-Aqsa. Ha deciso di consentire la violazione di migliaia di sinagoghe e templi ebraici in tutto il mondo”, ha detto Sinwar.

Raccontiamo una storia critica

Israele è ora un attore molto più importante sulla scena mondiale di quanto suggeriscano le sue dimensioni. In qualità di corrispondente diplomatico per The Times of Israel, sono ben consapevole che la sicurezza, la strategia, gli interessi nazionali di Israele sono sempre esaminati, con gravi ripercussioni.

Per trasmettere con precisione la storia di Israele, servono equilibrio, determinazione, conoscenza e io vengo a lavorare ogni giorno con l’obiettivo di farlo al meglio.

Sostegno finanziario per lettori come te mi permette di viaggiare per assistere alla “guerra (sono appena tornato da un rapporto in Ucraina)” e alla firma di accordi storici. E ciò consente a The Times of Israel di rimanere dove i lettori si rivolgono per informazioni accurate sulle relazioni di Israele con il mondo.

Se vi sembra possibile che vi sia una copertura indipendente e basata sui fatti del ruolo di Israele nella prosperità mondiale, vi esorto a sostenere il nostro lavoro. Ti unirai a The Times of Israel oggi?

Grazie

Lazzaro BermanCorrispondente Diplomatico

Sì, darò Sì, darò Già un membro. Accedi per vedere questo

Sei un lettore devoto

Ecco perché dieci anni fa abbiamo lanciato il Times of Israel per fornire a lettori perspicaci come Israele una copertura della lettura obbligatoria sul mondo ebraico in Israele.

Quindi ora abbiamo una richiesta. A differenza di altri media, non abbiamo installato il muro di pagamento. Ma poiché il nostro giornalismo è costoso, invitiamo i lettori per i quali The Times of Israel è diventato in grado di aiutare a sostenere il nostro lavoro aderendo La comunità di Times of Israel.

Per soli $ 6 al mese, puoi sostenere il nostro giornalismo di qualità mentre ti godi The Times of Israel LIBEROcome entrare! Contenuti esclusivi disponibile solo per i membri della comunità del Times of Israel.

Grazie
Da David Horowitz, editore fondatore di The Times of Israel

Unisciti alla nostra community Unisciti alla nostra community Sei già un membro. Accedi per vedere questo

Leave a Comment

Your email address will not be published.