Guarda uno stormo di droni che naviga attraverso una fitta foresta con incredibile precisione

Da “Blade Runner 2049” a “Star Wars. Episodio III – Molti dei più famosi successi di fantascienza sono gruppi di macchine volanti.

Gli scienziati sono ora ispirati da questi film per addestrare squadre di droni con l’esperienza di navigare in fitte foreste.

Un team dell’Università di Zhejiang ha catturato filmati incredibili di 10 droni blu brillante che vagano in una foresta di bambù cinese.

Riferendosi ai blockbuster di fantascienza, il team guidato da Xin Zhou ha scritto:

Gli scienziati sono stati ispirati dai blockbuster di fantascienza, tra cui Blade Runner 2049, per addestrare gruppi di droni con l’esperienza di navigare in fitte foreste.

Nel blockbuster Blade Runner 2049 del 2017, macchine volanti vivaci ma regolari navigano abilmente tra i grattacieli.

Come si possono usare i droni?

Poiché questi droni non si basano su alcuna infrastruttura esterna, come il GPS, i droni possono essere utilizzati in caso di calamità naturali.

Ad esempio, possono essere inviati nelle aree terremotate per indagare sui danni, per scoprire dove inviare aiuti o in edifici dove non è sicuro inviare persone.

Certo, è possibile utilizzare droni singoli in tali scenari, ma l’approccio a branco sarà molto più efficace, soprattutto visti i tempi di volo limitati.

Un altro possibile utilizzo è quello di sollevare la mandria insieme per trasportare oggetti pesanti.

C’è un lato più oscuro. Le mandrie possono essere armate dai militari, proprio come lo sono oggi i droni telecomandati.

Sono stati creati robot delle dimensioni di un palmo con lo scopo di telecamere di profondità, sensori di altitudine e computer.

La più grande svolta è stata l’algoritmo intelligente, che includeva la prevenzione delle collisioni, l’efficienza del volo e il coordinamento della mandria.

Il team ha testato i suoi droni in una varietà di scenari, saltando attraverso una foresta di bambù, evitando altri droni mentre cercava di volare in alto, costringendo i robot a seguire l’esempio umano.

“Il nostro lavoro è ispirato agli uccelli che volano senza intoppi all’aperto, anche in foreste molto fitte”, ha scritto Zhou in un post sul blog.

La sfida, secondo lui, era bilanciare le esigenze in competizione. La necessità di veicoli piccoli, leggeri ma di grande capacità և Disegna binari sicuri senza lunghi ritardi dei voli.

Poiché questi droni non si basano su alcuna infrastruttura esterna, come il GPS, i droni possono essere utilizzati in caso di calamità naturali.

Ad esempio, possono essere inviati nelle aree terremotate per indagare sui danni, per scoprire dove inviare aiuti o in edifici dove non è sicuro inviare persone.

Certo, è possibile utilizzare droni singoli in tali scenari, ma l’approccio a branco sarà molto più efficace, soprattutto visti i tempi di volo limitati.

Un altro possibile utilizzo è quello di sollevare la mandria insieme per trasportare oggetti pesanti.

C’è un lato più oscuro. Le mandrie possono essere armate dai militari, proprio come operano oggi i droni telecomandati.

Il Pentagono ha ripetutamente espresso interesse a condurre i propri esperimenti.

“La ricerca militare semplicemente non è apertamente condivisa con il resto del mondo. Pertanto, è difficile immaginare in quale fase siano legate al loro sviluppo”, ha affermato Enrica Soria, esperta di robot presso l’Istituto svizzero di tecnologia di Losanna, che non è stato coinvolto nello studio Con AFP.

Ma i progressi nelle riviste scientifiche possono certamente essere usati per scopi militari.

I veicoli aerei senza pilota sono stati testati in passato, ma sono progettati per non essere ostruiti all’aperto o nella posizione di tali ostacoli.

Sono stati creati robot delle dimensioni di un palmo con lo scopo di telecamere di profondità, sensori di altitudine e computer.  La più grande svolta è stata l'algoritmo intelligente, che includeva la prevenzione delle collisioni, l'efficienza del volo e il coordinamento della mandria.

Sono stati creati robot delle dimensioni di un palmo con lo scopo di telecamere di profondità, sensori di altitudine e computer. La più grande svolta è stata l’algoritmo intelligente, che includeva la prevenzione delle collisioni, l’efficienza del volo e il coordinamento della mandria.

“Questa è la prima volta che un gruppo di droni ha volato con successo all’esterno, in un ambiente non costruito, in natura”, ha detto la signora Soria, aggiungendo che l’esperienza è stata “impressionante”.

Per la signora Soria, potrebbero essere passati solo pochi anni prima che vedessimo il dispiegamento di tali droni nella vita reale.

Tuttavia, devono prima essere testati in ambienti estremamente dinamici, come le città, dove incontreranno costantemente persone e veicoli.

Devono anche essere raggiunti i regolamenti, il che richiede tempo extra, ha detto la signora Soria.

QUANTO È VICINO MISS TRA AEROPORTI E DRONI?

Near skipping è un termine comune usato per descrivere gli incontri tra diversi veicoli aerei.

Non esiste una distanza specifica controllata da Airprox, invece viene misurata secondo il parere del pilota, del controllore del traffico aereo o dell’operatore del drone.

All’inizio di quest’anno, è stato segnalato un “quasi incidente” tra un drone della polizia “due combattenti” che viaggiavano a 520 miglia orarie.

Nessuna distanza specifica è controllata da Airprox, ma viene misurata secondo il parere del pilota, del controllore del traffico aereo e dell'operatore del drone.

Nessuna distanza specifica è controllata da Airprox, ma viene misurata secondo il parere del pilota, del controllore del traffico aereo e dell’operatore del drone.

L’ufficiale di Johnny որ Cornwall era convinto che ci sarebbe stata una collisione quando l’aereo militare fosse apparso in vista.

Il consiglio di Airprox ha detto che il dispositivo da 13 libbre stava volando a un’altitudine di circa 300 piedi quando il pilota ha sentito un aereo in rapido avvicinamento.

Il pilota dell’F-15, che volava a un’altitudine di 500 piedi, non poteva vedere il drone, ma il pilota ha detto che il rischio di una collisione era “alto”.

Leave a Comment

Your email address will not be published.