Gli Stati Uniti possono dissuadere Putin dall’usare il loro arsenale nucleare sul campo di battaglia in Ucraina?

La scorsa settimana il presidente russo Vladimir Putin ha ricordato al mondo che controlla il più grande arsenale mondiale di armi nucleari.

Non era la prima volta.

“Se qualcuno decide di intervenire [in Ukraine] “Se creano minacce strategiche inaccettabili alla Russia, dovrebbero sapere che la nostra risposta sarà fulminea”, ha detto Putin mercoledì. “Abbiamo tutti gli strumenti per questo… և li useremo se necessario.”

Due giorni fa, il ministro degli Esteri Sergey Lavrov ha inviato lo stesso messaggio un po’ più diplomaticamente.

“Il rischio è serio, reale. “Non dovrebbe essere sottovalutato”, ha detto Lavrov. “In nessun caso dovrebbe essere consentita la terza guerra mondiale.”

Colpire una spada nucleare è un’abitudine poco attraente, և Putin e i suoi aiutanti vi ricorrono spesso. Nel 2008, hanno avvertito la Polonia che sarebbe stata minacciata di estinzione se si fosse unita al programma di difesa missilistica sponsorizzato dagli Stati Uniti. (I polacchi si sono comunque uniti.) Nel 2014, hanno avvertito che un tentativo di espellere la Russia dalla Crimea, che avevano preso dall’Ucraina, potrebbe provocare una risposta nucleare.

E a febbraio, quando ha lanciato la sua invasione dell’Ucraina, Putin ha ordinato al suo sfortunato ministro della Difesa di portare le forze nucleari russe alla “prontezza al combattimento strategico”.

La minaccia dettagliata sembrava avere lo scopo di intimidire gli Stati Uniti e i suoi alleati europei in una guerra. Ancora una volta la minaccia non ha funzionato.

Funzionari statunitensi hanno affermato di non aver preso sul serio la minaccia di Putin, forse perché l’avevano già sentita. Il direttore della CIA William Burns l’ha definita una “posizione retorica”, sottolineando che la Russia era visibilmente impreparata per le sue forze nucleari.

Tuttavia, c’è un aspetto della guerra nucleare che Burns e altri vedono come una minaccia più immediata: armi nucleari tattiche, testate relativamente piccole progettate principalmente per l’uso sul campo di battaglia piuttosto che per livellare l’intera città.

“Data la potenziale frustrazione del presidente Putin – la leadership russa, dati i fallimenti militari che hanno riscontrato finora, nessuno di noi può minacciare alla leggera il potenziale uso di armi nucleari tattiche o armi nucleari a basse prestazioni”. Burns ha detto il mese scorso.

La Russia ha armi nucleari su più di 2.000 campi di battaglia, il cui uso è una parte comune della pianificazione militare e dell’addestramento militare a Mosca.

I dispositivi sono piccoli solo rispetto alle testate missilistiche che Russia e Stati Uniti si sono puntate l’una contro l’altra dalla Guerra Fredda.

Molte armi nucleari “a basso rendimento” sono potenti quasi quanto il bombardamento statunitense del 1945 della città giapponese di Hiroshima che uccise almeno 70.000 persone. Alcuni sono più grandi.

I funzionari statunitensi e gli esperti stranieri sono i più preoccupati per lo scenario.

Se Putin subirà una sconfitta umiliante in Ucraina, potrebbe ordinare armi nucleari tattiche contro unità militari o città nel tentativo di scioccare gli ucraini facendoli arrendere.

Anche se l’esplosione “a basso rendimento” non costringesse l’Ucraina alla resa, infrangerebbe il tabù globale sulla guerra nucleare, che funziona miracolosamente dal 1945.

Così, il presidente Biden ha risposto a Putin con un avvertimento, ma è stato deliberatamente più calmo delle minacce russe.

“La Russia pagherà un prezzo pesante per qualsiasi uso di armi di distruzione di massa, nucleari, chimiche o biologiche”, ha affermato a marzo il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan.

Uno dei diplomatici mi ha detto che credeva che Biden avesse chiesto al leader cinese Xi Jinping, il più potente alleato mondiale di Putin, di inviare lo stesso messaggio.

Lo scienziato nucleare di Stanford Scott Sagan ha offerto un altro passo: avvertimenti privati ​​all’esercito russo che saranno ritenuti responsabili per crimini di guerra se useranno armi nucleari tattiche contro obiettivi civili.

“Gli Stati Uniti hanno una lunga storia di cattura di criminali di guerra”, mi ha detto. “I generali russi potrebbero non voler attraversare la linea nucleare. Gli Stati Uniti dovrebbero intensificare questa riluttanza, aggiungendo molte ragioni personali per moderare”.

E se la ritenuta fallisce?

Lo stratega di Harvard Graham Ellison ha posto una domanda difficile il mese scorso. Se la Russia dovesse far esplodere la sua testata nucleare, il presidente ucraino Vladimir Zelensky verrebbe sfidato ad “accettare un cessate il fuoco o aspettare di vedere che aspetto ha Nagasaki in Ucraina, come saranno gli Stati Uniti”. Gli stati e la NATO lo fanno?

Proprio come nei brutti giorni della Guerra Fredda, siamo fatti per pensare l’impensabile.

Parte della risposta può essere contraddittoria. Se la Russia usa armi nucleari, gli Stati Uniti non dovrebbero e non dovrebbero rispondere allo stesso modo.

La risposta nucleare degli Stati Uniti potrebbe avviare un ciclo crescente di risate che porterà a un Olocausto globale.

E non ce ne sarebbe bisogno. Gli Stati Uniti ei loro alleati hanno armi convenzionali che potrebbero distruggere la capacità della Russia di continuare la guerra in Ucraina.

“La risposta alle armi nucleari tattiche non deve essere nucleare”, ha detto Sagan. “Ci sono molte risposte comuni che sarebbero molto dannose per l’esercito russo. “La base russa dove è iniziato il loro attacco nucleare potrebbe essere distrutta all’improvviso, o molte navi da guerra russe potrebbero essere affondate”.

Anche dopo l’attacco nucleare russo, in altre parole, l’Ucraina ei suoi alleati possono ancora perseguire i loro obiettivi di respingere l’invasione russa, assicurare la sovranità dell’Ucraina e tenere d’occhio Putin.

Fortunatamente, non c’è bisogno di affrontare queste difficili domande.

Ma se Putin verrà messo all’angolo, o sarà il risultato dei suoi stessi gravi errori, sarà ancora più pericoloso di oggi.

Questo è l’avvertimento che ha sempre inviato.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *