Draymond Green si è meritato i suoi 2 falli violenti

Draymond Green ha meritato un duro 2 fallo.

I Golden State Warriors non sono d’accordo; stanno facendo un ottimo lavoro nel dare forma alla storia che hanno ricevuto domenica. Ma non lo fece. Ha preso a pugni Brandon Clark in faccia e poi lo ha tirato giù dall’aria con la maglietta. Non era saggio, pericoloso, և Clark fortunatamente non ha sofferto.

Taglio semplice 2:

La storia secondo cui Green non era degno di Scream 2 è iniziata su ESPN և e si è rapidamente diffusa sui social media, in gran parte a causa della diffusa ricorrenza di un incidente che mostrava Green che cercava di trattenere la caduta di Clark dopo averla portata in tribunale. :

Il secondo e il terzo angolo dell’incidente mostrano l’intera storia. La storia coinvolge Green che torce la mano destra, colpisce Clark in faccia, quindi lo trascina a terra con la maglietta con la mano sinistra.

Il fatto che Green abbia cercato di fermare la caduta di Clark dopo aver commesso due gravi reati non nega il fatto che abbia schiaffeggiato Clark, prima per trascinarlo in tribunale.

Si tratta di due evidenti violazioni che la NBA definisce “non necessarie և contatto eccessivo di un giocatore contro un avversario”. Chiamarlo in questo modo non ammorbidisce l’NBA oggi. Questa non era una partita di basket.

Ma i social media stavano operando ad angolo, mentre altri sono stati in gran parte ignorati, mettendo in pieno svolgimento la campagna di “riduzione”. Green era felice di giocare.

Urlando 2 per ridurre il campo di gioco di Draymond

Green ha continuato la sua campagna nella prima partita di domenica, poco dopo la vittoria sui Memphis Grizzlies, saltando sul contraccolpo del suo podcast, facendo pressioni per una violazione oltraggiosa.

È stata una brillante autopromozione da parte di Green, che con un solo tocco ha sostenuto la sua bassa stagione di basket, supportando la sua crescente carriera mediatica, che è molto promettente per la sua seconda carriera post-basket. Sfortunatamente per Green, il suo campo non è riuscito ad arrivare al 1° piano. portavoce dell’NBA ha detto Shams Charania di The Athletic Lunedì mattina, i 2 urlanti resisteranno.

La decisione NBA non ha impedito a Green di esprimere la sua opinione. Lunedì ha implorato lo staff di “Inside the NBA” di TNT, che a volte lavora al suo fianco, “Non gli ho tolto la maglia”.

Draymond Green non è d’accordo con le sue 2 gravi violazioni. (Foto AP / Brandon Dill)

Steph incolpa la “reputazione” di Draymond

Nonostante gli sforzi falliti, lunedì Golden State ha continuato la sua campagna per ammorbidire l’immagine di Green, piantando i semi la prossima volta che i funzionari decideranno se valutare la grave cattiva condotta di Green. Questa volta Steven Carey ha guidato la carica.

“È qui che entra in gioco l’essenza umana, dove ovviamente, se guardi il suo gioco, sai quanto è appariscente”, ha detto Karin. “Non c’è modo che tu possa toglierlo dalla mente, giusto o sbagliato che sia. Penso che sia sbagliato rispetto alla situazione di ieri, dove non sapremo mai se qualcuno commetterà la stessa violazione. [flagrant] 1, è 2? “Qualsiasi cosa succeda.”

Carrie fa un ottimo lavoro qui, superando la linea della critica aperta ai funzionari և piantare semi. Ma il suo messaggio è chiaro. I funzionari devono pensarci due volte prima di essere troppo duri con Green. Dopotutto, la sua prossima denuncia può essere costosa.

In base al sistema di maleducazione post-stagione della NBA, un giocatore con quattro punti viene squalificato. Rivelato 2 vale due punti e uno urlante 1 è uno, lasciando Green con uno urlando 2 o due urlando 1 offesa dopo una partita dalla squalifica post-stagione. Golden State è già stato qui.

Durante la sua carriera, Green ha ripetutamente spinto gli avversari dell’inguine, contribuendo alla sua reputazione spesso menzionata. Le sue buffonate lo hanno squalificato durante la partita 5 delle finali NBA del 2016, un ostacolo che avrebbe potuto benissimo costare ai Warriors il quarto titolo NBA. Il suo ultimo attacco lo mette in pericolo di un’altra squalifica post-stagione, che ovviamente sarebbe un grosso problema in questa fase dei playoff e oltre.

La reputazione di Green ha avuto un ruolo nella decisione dell’arbitro Kane Fitzgerald di valutare Outrageous 2? Probabilmente. E questo è buono. La reputazione di Green è ben guadagnata. Se la decisione è stata una chiamata borderline che ha portato allo scetticismo di Green, Green di certo non se lo merita. Ci sono stati molti problemi di arbitraggio nel gioco 1 di Golden State, ma l’ovvio 2 di Green non era uno di questi.

Se Green finisce con una squalifica post-stagione, probabilmente non incolperà nessuno tranne se stesso.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *